Leggiamo insieme...

Glamodama – Milligrammi di Assuefazione

Angela Buccella 

Leggiamo un libro insieme? Questa è una nuova proposta di Manuale di Mari.

Da questo mese proporrò alla vostra lettura un libro e vi chiederò di commentarlo nei giorni seguenti appena lo avrete letto.
L’autore presenterà uno o più estratti della sua opera in esclusiva per Manuale di Mari e potrà partecipare ai commenti dialogando con i lettori.

Mi sembra una bella idea, no? Un modo per condividere anche le emozioni che proviamo leggendo lo stesso libro.
Chi decide di partecipare impegnandosi a leggere l’opera che proponiamo oggi è pregato di lasciare un commento a questo post.

LEGGIAMO INSIEME…

A chi ama le emozioni, anche quelle più forti e intense, presento "Glamodama – Milligrammi di Assuefazione" di Angela Buccella.
Su questo libro potete leggere una recensione bellissima nel Blog di Francesca Mazzucato.

Chi non conosce Angela Buccella può visitare il suo Blog.

Angela ci permette di pubblicare in anteprima i seguenti brani tratti da ""Glamodama – Milligrammi di Assuefazione".

***

"Sono autolesionista.
Ho bisogno di farmi squartare per sentirmi bene.
Di sentire il mio corpo piangere e lamentarsi.
Fino all’endorfina.
Che mi da solo sensazioni di freddo. Nient’altro.

Ho goduto. Mi sentivo bagnata tra le cosce mentre guardavo il bisturi tagliare.
Prima la linea bianca. Strato di grasso. Poi il rosso.
Fausto colore per i miei porno sogni.

Due rondini prendevano forma sull’addome. Forse un giorno avrebbero preso il volo.
Se le tatuavano marinai.
Ricordo dei “Sii paziente.”.
Fanculo.
Conosco a memoria la merda.
Conosco a memoria la merda."

***

"Ti ho guardato fisso mentre mi legavi al letto. Ti ho studiato. Ti ho osservato. Nel tuo intento di immobilizzarmi. Cosa vedevi nei miei di occhi?
Le corde erano strette. Mi facevano male. Sapevamo avrebbero lasciato segni a lungo sulla pelle.
Lo facevi per questo.
Sarei apparsa usata. Rovinata.
Come piace a te.
Come mi hai sempre desiderata.
Come mi hai sempre voluta.
Inerte.
Un verme su cui lavorare.
Ti ho fissato. Ho fissato le mie piccole pupille nere nelle tue mentre mi infilavi un ago tra il collo e lo sterno per poi posizionarci sopra il nodo della corda. Per punirmi. Dicevi. Lo facevi.
Sentivo il dolore. Mi faceva schifo fossi tu a procurarmelo.
Bastardo.
Ora te lo restituisco. Con tutto l’odio che nutro per te.
Ti odio bastardo.

Ti odio."

© 2005 – 2016, Blog Manuale di Mari. Tutti i diritti riservati

Pubblicato da Robert

Robert, autore del Blog Manuale di MariPoesie e Storie d’amore e direttore editoriale del Portale Manuale di Mari. Ha ideato e lanciato nel 2005 il Concorso di Emozioni. Nello stesso anno ha creato il Blog degli Autori. Nel 2009 ha ideato e lanciato con Nicla Morletti la Fiera dei Libri on line.

58 pensieri su “Glamodama – Milligrammi di Assuefazione”

  1. dawoR dice:

    mmmhhh… il mio commento sarebbe troppo di parte,poichè amo visceralmente angela b. quindi preferisco infilarmi spontaneamente nel suo tritacarne emozionale (e in rispettoso silenzio) 🙂 dawoR***

    sì,basterà un saluto e che LEI lo sappia °°°

  2. Impegno? Devi solo mandarci un breve brano del libro e poi intervenire qualche volta in seguito ai commenti di lettori e visitatori.

    emoticon Dai Manuela, ti aspettiamo.

  3. Ma.Ma. dice:

    Decisamente interessante… Quasi, quasi…

    Unico neo: sempre lo stesso, il tempo a disposizione. Ma con un po’ di impegno…

  4. Lixia dice:

    Bene…allora ho già segnalato l’acquisto a mia sorella come regalo di Natale…lo leggerò senz’altro e vi farò sapere cosa ne penso…

  5. Tisbe dice:

    Cerchiamo ora di conoscere alcune delle caratteristiche del fantasticare . Possiamo affermare che le persone felici non fantasticano mai; lo fanno solo gli insoddisfatti. Le forze motrici delle fantasie sono desideri insoddisfatti…Questi desideri variano a seconda del sesso, del carattere e delle circostanze della persona che crea la fantasia, ma ricadono naturalmente in due gruppi principali: o sono desideri ambiziosi, o sono desideri erotici. […] Questo è quanto per le fantasie, ora passiamo al poeta (o scrittore). […]Alla luce delnostro esame delle fantasie, dovremmo aspettarci il seguente stato di cose: una forte esperienza del presente ridesta nel poeta il ricordo di un’esperienza precedente (generalmente appartenente all’infanzia) da cui nasce un desiderio che trova la sua realizzazione nell’opera creativa . Sigmund Freud

  6. RitaM dice:

    Angela, ricambio il bacio.

  7. RitaM dice:

    Grazie a te Robert per avermi avvisato di leggere qui.

  8. Angela dice:

    Cabra Rita M vi bacio
    Angela

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

 Metti la spunta se vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento.
- Prima di inviare il commento puoi aggiungere una immagine: