Concorso di Emoz. 2007

Il cielo è grigio sopra Berlino

«Margarethe, va’ a comprare altro pane». Mentre mi parlava, mia madre scostava le trecce bionde dalle mie spalle.
Abitavamo da poco a Potsdamer grazie al nuovo lavoro di papà, ma fu semplice trovare un negozio di alimentari. Come fu inevitabile, appena entrata, farsi accarezzare dallo sguardo di János. Tornai spesso.
«Perché quella stella?» chiesi una volta. «Mi protegge».
Non capii, allora.
La sua era speranza. Speranza che il suo Dio lo salvasse dal terrore che stava per annidarsi in lui, fino a corroderlo.
Dopo le leggi razziali, il negozio di János fu bruciato. Sparì.
1940. Feste e lustrini non facevano per me ma «dovevo fare il mio ingresso in società», dicevano.
A quel tempo stavo con Ernst, ufficiale amico di mio padre. Peccato che mio padre di Ernst ne sapesse ben poco!
Trovandolo in una camera con la solita prostituta di turno, quella sera decisi di tornare da sola.
Occhi neri dalla strada.
«Fermo!» – gridai al mio autista.
«János!»
«Non ti ho mai dimenticata Mag»
Poche parole e ci afferrammo in un vecchio palazzo. I muri erano neri, neri come la Germania.
Il nostro amore era l’unica cosa pulita lì dentro. E fuori.
Respiro contro respiro, unghie contro schiena, mani contro pelle.
Io, figlia di una SS, che amavo un ebreo.
«Quando vedrai una nuvola grigia in cielo, quella sarà la mia anima che starà volando via». Due giorni dopo piovve incessantemente e la sua bocca continuava a muovere in me quelle parole.
Stavolta capii.
Quella stessa notte János morì in un’incursione al ghetto, ucciso da un colpo di pistola alla testa sparato dal colonnello von Lingren.
Mio padre.

Querisia

© 2007 – 2016, Blog Manuale di Mari. Tutti i diritti riservati

Pubblicato da Altri Autori

Autori ospiti del Blog Manuale di Mari che hanno presentato i loro libri e partecipato al Concorso di Emozioni.

62 pensieri su “Il cielo è grigio sopra Berlino”

  1. Querisia dice:

    Un grazie caloroso di nuovo a tutti, in particolare a Miriam : troppo buona 🙂

  2. Con poche frasi hai toccato una fragilissima parte di me e le tue parole hanno fatto male.
    Spero che colpiscano e feriscano ancora perchè tutti riflettano e nessuno dimentichi quello che è stato.

    Senza nulla togliere agli altri, ad oggi è il testo più bello che ho letto.

  3. roberto dice:

    Bellissimo flash, i racconti brevi… i miei preferiti. Che emozione, che brividi in poche righe. Bravissima!

    Roberto 

  4. E’ incredibile quante cose sei riuscita a dire in poche righe.

    Stupefacente!

    Un abbraccio

    Francesco

  5. un momento d’amore cambia il senso di una vita,a volte cio che ci viene strappato ci ritorna come forza inesauribile.

    Delicato e emozionante racchiudete tanto in brevi righe,comolimenti molto bello.

  6. Se il tuo intento era sconvolgere l’animo altrui ci sei riuscita.

    Leggere queste poche righe mi hanno fatto sentire forti emozioni

    Le grandi storie d’amore , l’amore vero che si incontra non in una vita ma nella totalità delle proprie esistenze ha sempre un finale tragico

    Sarà una mia pessimistica concezione e si consuma come l’accensione di un semplice fiammifero.

    Questo tuo racconto è come una miniatura preziosa che fa ammirare l’essenza del grande amore.

    Grazie per questo gioiello che ci hai donato.

    Ambra

  7. keypaxx dice:

    Amore e guerra… un tema classico svolto con poesia..

    emoticon 

  8. Querisia dice:

    Eccomi, reduce dagli esami universitari !! Grazie DAVVERO a tutti per i complimenti ( e CREDETEMI ho letto tutti e 42 i commenti ! ). Questa è una frase banale forse, ma vi ringrazio uno ad uno, col cuore ! P.s. Per Angel : no, non ho letto quel   libro, ma lo prendo come un consiglio da valutare !! Comunque, fai bene a voler vedere Berlino.. è stupenda!!  

  9. Brividi sulla pelle, tanti battiti nel cuore.
    Querisia, questo racconto è meraviglioso.

    Tanti tanti ma proprio tanti complimenti!

  10. LUCIANA dice:

    Grigio e plumbeo come quel cielo di Berlino; paradossale e crudele come solo la realtà della vita può essere. Potrebbe essere inventato di sana pianta eppure rivelarsi vero e ricordare a qualcuno una tragedia d’amore vissuta.
    Un racconto molto bello che ricorda pagine nere della storia e tante vite spezzate.

    Complimenti di cuore.
    Luciana

  11. mericonci dice:

    Emozioni e sentimenti che si combattono. La morte dell’anima, uccisa da chi ci ha dato la vita….un colpo al cuore. Bello.

  12. nicla morletti dice:

    Un bel racconto. Amore e dolore, pagine della nostra guerra.

    Nicla Morletti

  13. Korus dice:

    Bel racconto davvero… conciso e intanto dà agio a riflettere…

    Quanti Jànos e Mag ci stanno ancora in giro in questo emisfero?

  14. Claudia dice:

    Complimenti davvero, è molto bello ed emozionante.

  15. Marilena dice:

    Racconto magistrale: stile impeccabile e un contenuto che ti prende dentro.

    Hai talento! emoticon

  16. Mara dice:

    Bello e toccante. Complimenti Querisia .

  17. IrinaP dice:

    Amo i riferimenti storici, specie quelli di “guerra”, e meglio ancora se riferiti alle Guerre Mondiali, capaci di stimolare maggior interesse in me, forse perchè ancora non del tutto dimenticate dalle generazioni più anziane di oggi. La drammaticità dell’evento è esaltata da un titolo azzeccatissimo, ironico pungente… ed è a sua volta un riferimento implicito alla storia, del calcio però, anno 2006… anacronismo lacerante per questa storia dell’”accadde oggi” nel 1940 piuttosto che nel 2006. Il testo offre numerosi spunti di riflessione… partendo dal nucleo (e tema del concorso) dell’Amore romantico tra due persone fino alle problematiche del razzismo, della prostituzione e degli orrori di ogni guerra… (e qui la mia memoria vola a “La Storia” di Elsa Morante, uno dei miei libri preferiti).
    Complimenti davvero, a prescindere dai miei gusti personali… periodi brevi, tagliente e concisi, niente fronzoli dove non servono proprio, realtà verosimile nuda e cruda… il tutto mi ha profondamente colpita, immagine compresa.
    Con ammirazione, Irina

  18. Alanis dice:

    per quanto sia triste questo racconto è davvero stupendo…

    scrivi molto bene Querisia complimenti!!

    le tue parole arrivano dritte al cuore

    un abbraccio

     

  19. angel dice:

    voglio vedere Berlino…!  Hai letto Deviazione di Luce D’Eramo? Un abbraccio.

  20. massimo dice:

    Che bella storia d’amore con un finale molto triste, come d’altronde sono tristi tutte le guerre. Complimenti

  21. così tante emozioni concentrate tutte assieme.. è fantastico, triste ma fantastico e ti lascio i miei più sinceri complimenti

  22. Maya dice:

    Un racconto che mi ha dato i brividi. Una storia d’amore e di guerra, una storia impossibile a causa della follia umana che s’accese in quegli anni di barbarie, un sentimento pulito sotto un cielo dove un milioni di persone diventarono cenere.
    Una narrazione coinvolgente nella crudezza che esprime. In questo amore vince la Storia, lasciando ricordi d’un grigio plumbeo come il quel cielo.

    Complimenti vivissimi a te, ci hai regalato un brano che non dimenticheremo
    Un caro saluto
    Maya   

  23. Nicoletta dice:

    Un racconto forte, emozionante che ti induce a pensare.

    Ammirata!

    Un abbraccio

    Nicoletta Perrone

  24. matthias dice:

    Breve ma intenso.

    Forse sa di già sentito, ma la scrittura è piena e semplice e si lascia vivere.

    In parole povere è un gesto asciutto e ben strutturato.

    Brava. 

  25. Etain dice:

    Bellissimo, commovente, vero. Ti ringrazio per le intense emozioni che mi hai donato.

  26. Questo è uno di quei racconti che, come mi piace dire, mettono il mare negli occhi.

    Vivissima emozione. Poi è scritto molto bene, con uno stile asciutto ed efficace. Complimenti Querisia! Hai talento.

  27. francesca dice:

    Meraviglioso, toccante. Mi è sembrato di viverlo…

  28. StregaLunare dice:

    un racconto che entra nell’anima…che commuove…un racconto vero!

    grazie..

    Dalila 

  29. molto accattivante, l’ho letto in due secondi e poi riletto con calma, ho così respirato un po’ d’amore.

  30. Che brividi mi ha fatto venire, che splendida capacità di una meravigliosa sintesi che suscita tante emozioni!!!

    Davvero fantastico questo racconto!

  31. PG dice:

    Scritto come vanno scritte le pagine che parlano degli universali umani: Amore e Guerra.

    Mirabile, tornerò a rileggerlo.

    Un abbraccio

       PG
     

  32. avca dice:

    commovente e ben scritta…ricorda un po’ Romeo e Giulietta…un amore impossibile che sfida le stupide leggi umane…

    Applaudo! 

  33. Ho letto questo splendido racconto non come un’"invenzione" ma come se fosse vero. Ho conosciuto di persona, una persona ancora molto piccola che però avvertiva, se pur in modo confuso, l’assurdità di quella guerra e di quelle persecuzioni. E di nuovo ho sofferto. Complimenti Querisia e un forte abbraccio. cecilia.

  34. JetStream dice:

    Ogni giudizio sarebbe riduttivo… scusa!

    Sei bravissima.

    Pierpaolo "JetStream" 

  35. Blue dice:

    Toccata nel profondo da questo racconto che è come un grido straziante dell’anima.

     

  36. butterfly dice:

    Brividi…veri…provati leggendo…butterfly

  37. rosario dice:

    bhe…affascinante e coinvolgente,per poi diventare struggente alla fine……il padre che spezza mettà del cuore di sua figlia..chissà se poi lo saprà……..chissa se lo avesse saputo prima,l’avrebbe fatto lo stesso….? mi piace rimanere immerso in queste domande..mentre penso alla nuvola grigia uccisa da colui che fece nascere la sua donna…..

  38. Ars dice:

    Come si potrà continuare ad amare il proprio padre?

    Ripenso a quanti amori che – per un verso o per l’altro –  si sono persi in quel tragico periodo della storia umana.
    A quanti hanno avuto il cuore lacerato.

    Ben scritto..
    Ars

  39. Barbara dice:

    bello questo racconto…in uno scenario storico tragico lo spiraglio della luce che arriva dall’amore…il finale triste rende il tutto molto reale e poco banale!

  40. Ilaria dice:

    Mamma mia. Mi sono immaginata al posto della protagonista. Che dolore! Il non poter fare a meno di amare, la perdita secca ed asciutta….un colpo al cuore, netto e lucido…..

    Brava 

  41. MorganaDiErin dice:

    Urgh…racconto duro…e triste…

  42. Migratore dice:

    Toccato, dal tuo modo di narrare, da frammenti di storia che nessuno ha mai visto o forse non sono mai esistiti, eppur potrebbero. Toccato dall’amore, dal destino che si fa beffe della vita, da chi giace e riposa.

    Complimenti, un abbraccio.
     

  43. artemisia dice:

    Ecco, questi sono i racconti d’amore che preferisco: quelli incastonati nella vita vera e reale. Forse, sono esistite davvero ragazze che in quell’epoca storica, hanno vissuto realmente una storia d’amore del genere. Hai presente "La storia" di Elsa Morante? Questo tuo racconto mi ha ricordato quel romanzo …

    (tu scrivi benissimo sai?)

     

    Non vorrei esagerare, ma il tuo racconto mi ha ricordato lo stile di Elsa Morante

  44. Molto commovente spolveri una tematica storica regalandoci immagini preziose da brividi..Non una semplice storia d’amore… un sacrificio l’ha dissolta per appartenere a una definizione schieramento imposto dalla pazzia umana a discapito dei sentimenti..

    bella

  45. Un tema così forte e ‘crudo’ affrontato con la limpidezza dell’amore puro.
    Scritto benissimo. Complimenti.

  46. Ado dice:

    L’amore è lo spiraglio di luce che  ti fa sopravvivere in momenti terribili come la guerra.

    questo brano tocca il cuore. è bellissimo 

  47. Triste ma scritto molto bene. A ritroso nel passato, profumi antichi e realtà del tempo che fu…

    Un sorriso.Grato.

    Lucretia

  48. bastapoco dice:

    Un colpo al cuore questo racconto.
    In poche righe sei riuscita a suscitare tanta commozione.
    Ciao

    Antonella

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 Metti la spunta se vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento.
- Prima di inviare il commento puoi aggiungere una immagine: