Manuale di Mari, Petali rossi

Le donne

Dipinto di Rachel Deacon

Cercale nell’eden dei sogni
nell’arena infuocata del cuore
tra fiori gialli e bei versi
trafitte da amori lontani…

Cercale nell’eden dei sogni
nell’arena infuocata del cuore
tra fiori gialli e bei versi
trafitte da amori lontani
sole, tradite, abbandonate
come parole a lungo sussurrate
che il vento della sera porta via
mai dette mai pensate mai sognate
in loro scoprirai il giusto richiamo
come la nota perfetta nell’universo
che completa la melodia dell’amore
che scardina i cuori più chiusi
le donne, muse della tua vita
sono in quella falce di luna
che rischiara la tua notte

***
Nell’immagine: Dipinto di Rachel Deacon

© 2009 – 2016, Blog Manuale di Mari. Tutti i diritti riservati

Pubblicato da Robert

Robert, autore del Blog Manuale di MariPoesie e Storie d’amore e direttore editoriale del Portale Manuale di Mari. Ha ideato e lanciato nel 2005 il Concorso di Emozioni. Nello stesso anno ha creato il Blog degli Autori. Nel 2009 ha ideato e lanciato con Nicla Morletti la Fiera dei Libri on line.

107 pensieri su “Le donne”

  1. Vittorio Sartarelli dice:

    Le Donne della mia vita

    (…)
    Mia madre era la classica donna di casa del suo tempo, quando mi diede alla luce correva l’anno 1937, lei si è sempre dedicata e offerta, interamente, alla sua famiglia per la quale si sacrificava, sempre, oltre ogni limite, anteponendo sempre il bene di tutti i suoi a quello suo personale. Era una persona molto dolce e modesta e, sebbene avesse ricevuto in famiglia un’educazione piuttosto rigida e all’antica, era affettuosissima e molto tollerante con figli. Noi eravamo in quattro, due maschi e due femmine e non vi fu mai un momento, della nostra vita, nella quale lei non fu significativamente presente.
    Durante la II Guerra Mondiale, che si sviluppò nei primi anni della mia esistenza, a causa dei bombardamenti effettuati sulle città dalle famose “fortezze volanti” la mia famiglia fu costretta, come molte altre, a sfollare dalla nostra città, in un paesino pedemontano dell’interland cittadino. Lo sfollamento per motivi bellici, fu un fenomeno di massa caratteristico di quegli anni.
    Dopo alcuni mesi del nostro soggiorno obbligato fuori della città, mia madre si ammalò di tifo. Le condizioni igieniche ambientali non erano delle migliori e la malattia di mia madre, anche per mancanza di presidi terapeutici adeguati durò quasi due mesi. All’inizio non si trovavano le medicine, poi mio padre si recò nella capitale siciliana e, grazie alla “borsa nera” un altro fenomeno tipico dei tempi di guerra, trovò, ma, a caro prezzo, i sulfamidici che occorrevano per debellare il tifo.
    (…)
    L’altra donna della mia vita che influenzò positivamente la prima parte della mia esistenza, fu la nonna paterna, una dolce ed arzilla vecchietta di quasi ottanta anni, che amava me e i miei fratelli come e forse più dei suoi figli, perché, mi diceva spesso: “io sono per voi due volte madre”. E questa frase mi è sempre rimasta impressa nella memoria, soprattutto, quando vedevo con quale cura, attenzione ed affetto si dedicava ai miei fratelli, allora, ancora piccoli.
    D’estate era lei che ci accompagnava in spiaggia e durante il bagno non perdeva mai di vista nessuno, preoccupandosi di seguire ad uno ad uno tutti gli spostamenti dei suoi nipoti e quando qualcuno si allontanava troppo dalla riva, lei interveniva con autorevolezza e autorità “antica”, riportando all’ordine il trasgressore. Cose d’altri tempi che ora, magari, fanno sorridere. In casa poi aveva sempre un amabile sorriso sulle labbra e non tralasciava di distribuire carezze a tutti noi.
    Andare a casa della nonna era per tutti noi una festa, per ognuno c’era sempre un regalino o un’attenzione particolare per me, ad esempio, che ero ormai un adolescente, c’erano sempre un po’ di soldini che integrando la mia paghetta settimanale, facevano sempre comodo. Un’altra cosa che notai anche, quando ero più cresciuto, fu il grande affetto ed il rispetto che riservava a mia madre, per la quale lei non fu mai una suocera ma, piuttosto, un’altra madre.
    Ho lasciato per ultima, ma, non certo ultima nel mio cuore, la terza donna della mia vita che è stata ed è tuttora mia moglie, la madre dei miei figli. Abbiamo appena compiuto quarantacinque anni di matrimonio, ma, la nostra storia d’amore parte da molto lontano, è una storia di lungo corso.
    Ci siamo conosciuti, entrambi quindicenni, proprio al mare, in spiaggia, durante la più bella stagione estiva della mia vita ed il nostro amore è nato con l’entusiasmo ed il trasporto che solo gli adolescenti sanno dare alle proprie storie d’amore, quando si fanno sogni e crescono speranze per l’avvenire.
    Spesso, poi, la vita ci avrebbe riservato delle sorprese, non tutte gradevoli, qualcuna addirittura drammatica, ma queste sono le cose ci hanno aiutato a crescere e ci hanno resi forti per superare le difficoltà ed alla fine, quando abbiamo potuto realizzare i nostri progetti, ci siamo sentiti ancor più gratificati dal nostro impegno, dalla costanza negli ideali e dalla perseveranza nel raggiungimento degli obiettivi.
    Gli anni della gioventù sono sempre i migliori della propria vita e per me lo furono in modo intenso e indimenticabile, perché ho avuto il privilegio d’incontrare presto l’amore e con esso la donna della mia vita. Ancor oggi, che ho superato i settanta anni, mi assale il ricordo, con indicibile e struggente nostalgia, di quegli incontri con la mia ragazza, che sapevano di gioventù e avevano la freschezza ed il profumo della speranza, essi rappresentavano il raggiungimento di una felicità mai provata prima.
    La gioia di guardare i suoi occhi scuri e profondi nei quali specchiarmi e scorgere quella luce misteriosa che mi scaldava il cuore. La tenerezza di tenerla fra le braccia, baciare la sua bocca e sentire il profumo inebriante del suo corpo che, da solo, costituiva per me un grande godimento. Era il tempo delle mele, che in genere accade una sola volta nella vita e, poi, non ritorna più.
    (…)
    Io lo ripeto sempre – “devo molto a mia moglie”- in tutti i sensi, non soltanto perché si è sempre prodigata per il bene della famiglia, ma per quello che mi ha donato, per i figli che insieme abbiamo generato, per una vita di convivenza felice che ci ha accomunato nelle gioie e nei dolori. Ho sempre apprezzato in lei, con orgoglio, la dignità di donna, di madre esemplare, il suo sentimento religioso, molto profondo, che ha fatto crescere anche il mio, nel corso degli anni. Il nostro, è stato sicuramente un amore vero, nato nell’adolescenza, cresciuto nelle difficoltà della vita, consolidato nella maturità e che merita, almeno, di essere raccontato.

  2. Maria Terea Porta dice:

    Imprescindibile desiderio di rimarginare le lacerazioni dell’anima

    Urla forte l’anima
    svincolandosi
    si accovaccia su sé stessa
    come a voler proteggere quel corpo
    che non trova consolazione
    in quelle lacrime che schizzano a fiotti dai suoi occhi.
    Corpo sinuoso e gentile
    che solo carezze ti aspetti richiami…
    Capelli lunghi,
    morbidi…
    Mossi da onde leggere e flessuose
    son tenere carezze sull’esile collo;
    mossi da un vento impetuoso
    si trasformano in frustate che percuotono l’anima
    che si distacca da quell’oceano di sopraffazione
    per rifugiarsi nel caldo ventre dei sogni…
    Fluttua tra dolci colline lussureggianti
    lasciando dietro di sé
    spasmi affannosi e soffocanti.
    Varca confini sconosciuti e ospitali
    richiamando a sé colori morbidi e illuminanti.

  3. CETTINA LASCIA CIRINNA' dice:

    Vorrrei inviare una poesia scritta alcuni giorni fa pensando alla “Donna”…

    A te…Donna

    A te … Donna che
    In qualsiasi momento
    Sei pronta a togliere
    Il velo dell’ipocrisia
    Alla vita di ogni giorno
    Tu, che quando t’innamori
    E’ sempre come la prima volta
    Riesci a “mediare”
    Nella famiglia, nel lavoro
    E’ soprattutto nell’Amore
    A”te” Donna consegno
    Il Diploma per eccellenza
    “La Laurea “ honoris causa”
    Una facoltà nuova è stata istituita:
    “La Pazienza”….
    Nessun luminare ha pensato
    A questa facoltà..
    Se in tutti i Governi del Mondo
    In molti Ministeri degli Esteri
    Fossero nominate:”Donne”…..
    Sono certa che la prima parola
    Che si bandirebbe dal vocabolario
    Sarebbe sicuramente :”Guerra”
    E nessuno potrebbe negare loro
    L’assegnazione del “Nobel della pace”
    Ogni piccola Donna che nascerà
    E’ destinata a diventare “Madre”
    E non vorrà più che la terra
    Assorba ancora …sangue dei suoi figli

  4. sergio doretti dice:

    Rispondo all’articolo “cercala nell’eden dei sogni”
    Complimenti per questo bellissimo racconto che mi ha fatto riflettere: io l’avevo trovata nell’eden dei sogni e la cullavo nel paradiso di quella forza universale che guida il mondo: l’amore.
    Era un dialogo dedicato al romanticismo della vita e le chiavi di lettura erano la poesia e l’arte.
    Ora la vedo come stella della notte, nel buio del cielo, come esile fiammella.
    sergio

  5. Arsomnia dice:

    ..eppure, ancora, spesso bistrattate…
    Perchè in molti non sanno avere il tuo “sguardo”?
    Grazie in quanto donna..
    Ars

  6. marisan dice:

    E’ passata la festa, mai noi siamo sempre qui, riflettiamo, amiamo, lasciamo che il giorno ci dia forza, speranza.Che il nostro uomo comprenda che basta poco, un sorriso un no sereno per portarci sulla luna. E cosa dire dei figli che vorresti coprirli di stelle per dirgli quanto li ami, al tuo dolore che ti attanaglia e non basta un solo giorno per dire domani sarà diverso.
    Mascheriamo la gioia per sentirci tranquille e viceversa mascheriamo la tristezza per non ferire. Siamo mamme, donne, sorelle siamo tutto ciò che l’universo ha voluto che siamo, un’infinita alchimia di mistero.
    marisan

  7. Enrico Rigamonti dice:

    Mi chiedo cosa avrebbe fatto nei secoli l’umanità,senza le donne: nulla,si sarebbe semplicemente estinta. E’ una considerazione banale? Può darsi. Molto spesso però le grandi verità sono semplici ed appunto apparentemente banali.
    Un ciao a tutti e specialmente alle donne.

Rispondi a CETTINA LASCIA CIRINNA'

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 Metti la spunta se vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento.
- Prima di inviare il commento puoi aggiungere una immagine: