Manuale di Mari, Storie d'amore

L’uomo con la pochette rossa

Salendo le scale di corsa, come gli capitava spesso di fare, un po’ per tenersi in forma un po’ per paura, aveva sentito spesso un pianto venire da quella stanza proprio sotto la sua. Fermandosi anche per un istante, qualche volta, indugiando nell’ascolto, tentata dalla voglia di provare ad aprire quella porta.
Poi scoprì un giorno, dopo metodici appostamenti, che in quella stanza viveva un signore sulla quarantina, alto e scuro, molto elegante e con il piglio sicuro dell’uomo che non si abbandona mai alle lacrime. “Non può certo essere lui l’uomo che piange o si lascia commuovere” pensò lei.
Così la sua sorpresa fu piena quando una sera, vinta lei stessa da un pianto irrefrenabile per l’ennesima delusione d’amore, sentendo bussare alla sua porta scoprì che era proprio lui, l’inquilino del piano di sotto, che le chiedeva perché piangeva. Indossava un abito scuro, con giacca a doppiopetto, una pochette rossa nel taschino, inappuntabile come sempre, a parte quei suoi occhi rossi e gonfi… Gli occhi di chi piange. Le disse, asciugandole una lacrima con la pochette: “Ha visto? Quando due persone che stanno piangendo si incontrano smettono subito. Non è meraviglioso?”

© 2005 – 2016, Blog Manuale di Mari. Tutti i diritti riservati

Pubblicato da Robert

Robert, autore del Blog Manuale di MariPoesie e Storie d’amore e direttore editoriale del Portale Manuale di Mari. Ha ideato e lanciato nel 2005 il Concorso di Emozioni. Nello stesso anno ha creato il Blog degli Autori. Nel 2009 ha ideato e lanciato con Nicla Morletti la Fiera dei Libri on line.

23 pensieri su “L’uomo con la pochette rossa”

  1. valentino dice:

    solo un angelo venuto dal cielo poteva fare un blog così…

  2. nicla morletti dice:

    Solo un signore dal cuore d’ oro può asciugare con la pochette rossa le lacrime di una donna. "Quando due persone che stanno piangendo si incontrano, smettono subito". Frase stupenda e tenera. Il dolore unisce e fa rinascere in un’alba nuova. Un breve racconto scritto molto bene, che crea mistero e attesa. Chi si è permesso di far piangere un uomo così? Di lei lo sappiamo: una delusione d’amore.

    Nicla

  3. FarfalladiLuce dice:

    Gibran scrive così:

    "Nelle anime il legame del dolore è più forte del vincolo della felicità e della gioia, e l’amore che viene lavato dalle lacrime rimane puro, bello e eterno."

    Un bel racconto Robert, emozionante e delicato … ma dimmi, perchè rossa? 🙂

    Un sorriso per te

     

  4. Psiche/Q-I dice:
    ….frammento reale, vivo. Naturalezza nel raccontare/ti…che avvolge il lettore…lasciandolo sul filo del possibile e dell’attuabile….
    Splendido.
    🙂
  5. Giogiò dice:

    e ritorno a leggere e a perdermi nel tuo magico mondo… una dolce carezza per te…buona serata e buona domenica…ciao

  6. luna dice:

    quella poesia… quanti ricordi

  7. i dice:

    vengo qui silenziosa..

    ascolto il tuo respiro dentro i miei occhi..

    Commento dell'autore del Blog Una poesia che amo molto di P. Eluard

    NUSH

    Sentimenti visibili
    Vicinanza leggera
    Chioma delle carezze.

    Senza ombre né dubbi
    Dài gli occhi a quel che vedono
    Visti da quel che guardano.

    Fiducia di cristallo
    Tra due specchi
    Ti si perdono gli occhi nella notte
    Per unir desiderio e risveglio.

  8. mmazzi dice:

    Prova ora… dovrebbe funzionare… ma non chiedermi che cosa c’era di sbagliato… l’indirizzo era giusto… mah!
    A presto!

  9. luna dice:

    quanti complimenti che ricevi….il mio è immenso

  10. Ars dice:

    Non ricordo bene la strada che ho fatto per arrivare fin qui… forse sono partita da Volobliquo.
    Una bella oasi questa, dove fermarsi, riposarsi nelle sue tinte, farsi rapire dalle parole… Parole che parlano d’amore…
    Complimenti…

  11. Giogiò dice:

    …buongiorno…quante volte ho gli occhi gonfi e rossi e vorrei tanto una semplice carezza…tu sei un angelo…grazie delle parole buona giornata…ancora la situazione nel mio blog è bloccata…ciao

  12. talcorosa dice:

    un saluto

  13. StregaDelMare dice:

    Grazie mille della visita, dei complimenti, e delle tue parole.. Io ho cercato di scrivere, un po’ ironicamente, la mia esperienza.. ma sono perfettamente d’accordo con te. Non ho abbastanza anni per dire di essere una donna “vissuta” ma quanti sono sufficienti a essere una donna e basta, semplice, con i suoi errori e le sue esperienze, e poter affermare, quindi, che poco importano Venere o Marte, gli estrogeni e il testosterone.
    Siamo tutti – più o meno – uguali.
    Più o meno buoni. Più o meno scorretti.
    Tutti, sempre, umani.

    Complimenti sinceri anche a te.
    Mi farà piacere se tornerai a trovarmi.

  14. Viviana dice:

    Io sono la bionda…cmq grazie per aver lasciato un commento sul mio blog, perciò eccomi qui per salutarti…devo farti i miei complimenti perché questo sito è davvero ben fatto, bravissima sul serio!!!
    Cmq sul mio blog sei la benvenuta, spero tornerai, anche se non sono la Viviana che cercavi!

    Commento dell'autore del Blog Beh… Sono un maschietto. Ma non fa niente… Verrò lo stesso a visitarti anche se non credo d’esser stato io a lasciare un commento sul tuo blog…

  15. gocciadimemoria dice:

    che bella storia… il tuo blog è molto bello,lo dico con sincerità… mi piace il tuo modo di scrivere… ti linko,altrimenti ti perdo di vista!

    Commento dell'autore del Blog Grazie di cuore. Naturalmente ricambio il link.

  16. b dice:

    “Hai visto? Quando due persone che stanno piangendo si incontrano smettono subito. Non è meraviglioso?”

    ….E SE A UNA TERZA PERSONA, LEGGENDO QUESTE RIGHE, GLI VIENE DA PIANGERE….CHI GLIELE ASCIUGA LE LACRIME??

  17. luna dice:

    che emozione leggerti… sembra forse la tua autobiografia… Commento dell'autore del Blog Non penso che esista un autore che in quel che scrive non parli di sé.

  18. mmazzi dice:

    Fantastica… Grazie mille… non ho parole… è perfetto… A presto!

  19. kim5.splinder.com dice:

    bellissimo questo blog..che belle parole..:-)…ciao

  20. cristhina dice:

    ciao grazie della visita, bello il tuo blog
    si ci sono silenzi che parlano ma io preferisco
    le parole

  21. cioccolata dice:

    …sei tu quell’uomo, Robert? Peccato tu non viva al piano di sotto qui…mi asciugheresti le lacrime…e forse io asciugherei le tue.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 Metti la spunta se vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento.
- Prima di inviare il commento puoi aggiungere una immagine: