Manuale di Mari, Storie d'amore

Nel rosso lenzuolo

Nel letto sfatto, nel rosso lenzuolo dell’amore, noi siamo l’universo intero.

Credevi di sapere tutto. Vero? Di aver conosciuto tutto della vita, del mondo, dell’amore. Tutto selezionato, classificato, archiviato. Come quel tuo vestito ben stirato sul letto ordinato, perfettamente rifatto con un candido lenzuolo.

Ma nell’ordine apparente delle cose si nasconde il caos.

Così una sera, ascoltando le note di una canzone, seduta al tavolino di un bar, lungo il mare o in qualsiasi altro posto, scorgi improvvisamente quel lato della vita che non t’immagini: misterioso, inesplorato, sconosciuto. Quella pratica imprevista che sporge polverosa dallo scaffale dell’archivio e che scopri solo sbattendoci contro il muso. All’improvviso il profumo delle viole si fa più intenso, ti accorgi dei prati fioriti e cogli ogni sguardo. Concentrazione assoluta. Ascolto perfetto, sapore pieno della vita. Sensibilità. Le parole non bastano mai. Le sensazioni le superano infinitamente. E passi come in un altro mondo. Ora il tuo vestito è un rosso lenzuolo che scivola lungo i bordi del letto sfatto. Levitando di emozione in emozione ti accorgi che non sei mai stata così viva. Il lavoro, i problemi quotidiani, le cose e le pene del giorno, nulla ti importa o può infrangere questo tuo meraviglioso stato di grazia.

Sei innamorata.

La strada scivola sotto i tuoi passi. La luna e il sole ruotano attorno a te e il cielo s’incardina sui tuoi pensieri ed è chiaro se sei serena ed oscuro se ti annuvoli. Quando gridi in riva al mare, questo ti risponde con un canto meraviglioso e i gabbiani sembra che volino intorno a te, in preda ad uno strano incanto.

Fai l’amore con il mondo. Hai fatto mai l’amore così? Vedi? Non la conoscevi questa sensazione. No. Proprio no. Hai la voce, un filo soltanto, per dirmi: “Ti amo”. Ed io posso udire quelle due parole e baciarti ed abbracciarti continuamente anche se sono lontano da te migliaia e migliaia di chilometri. Continuamente. Non c’è oceano che possa dividerci. Perché noi siamo il sole, il cielo, la terra, il mare.

Nel letto sfatto, nel rosso lenzuolo dell’amore, noi siamo l’universo intero.

© 2008 – 2016, Blog Manuale di Mari. Tutti i diritti riservati

Pubblicato da Robert

Robert, autore del Blog Manuale di MariPoesie e Storie d’amore e direttore editoriale del Portale Manuale di Mari. Ha ideato e lanciato nel 2005 il Concorso di Emozioni. Nello stesso anno ha creato il Blog degli Autori. Nel 2009 ha ideato e lanciato con Nicla Morletti la Fiera dei Libri on line.

23 pensieri su “Nel rosso lenzuolo”

  1. claudia dice:

    ‘sei innamorato’

    Gesù benedica te,
    bj
    claudia

  2. Vivendolestelle dice:

    parole meravigliose, mi hanno emozionato moltissimo…
    Molti ricordi si sono accesi nella mia mente!

  3. Laura Tonti Parravicini dice:

    Poesis….

    Il mio verso
    è la voce del mio pianto,
    è il battito del mio cuore infranto.
    E’ melodia
    -insostenibile-
    della mia vita
    senza ritmo.
    Il mio verso,
    bisogno insaziato
    del mio spirito di prendere forma,
    della mia voce di vibrare.
    Ecco tutto ciò che mi ricordano le tue ricche parole!
    Laura Tonti Parravicini

  4. Blue dice:

    …rosso il battito che vive nell’anima…rosso è il colore della passione…e l’amore che colma lo sguardo in un arco di rossa armonia…

    stupenderrima emozione!

  5. lorenzo dice:

    Il letto il nostro rifugio più intimo di tutta la nostra vita un compagno di notti d’amore uniche. Il nostro amore finirà quando un pittore cieco dipingerà il tuo nome su di un pavimento di cristallo di un castello mai esistito…

  6. giogiò dice:

    …come sempre senza parole…mi manca un sacco leggerti…ovunque sei lungo l’orizzonte una carezza trasportata dal vento alla tua anima…guardando il mare…

  7. Marghy dice:

    Sensibilità. Le parole non bastano mai. Le sensazioni le superano infinitamente. E passi come in un altro mondo. Ora il tuo vestito è un rosso lenzuolo che scivola lungo i bordi del letto sfatto. Levitando di emozione in emozione ti accorgi che non sei mai stata così viva. Il lavoro, i problemi quotidiani, le cose e le pene del giorno, nulla ti importa o può infrangere questo tuo meraviglioso stato di grazia. Cosa infrangerebbe mai lo stato di grazia di una persona che è innamorata, che si sente amata? Una emozione che mai avrei creduto potesse esistere. Il mondo si stravolge sotto ai piedi, e ci si chiede come abbiamo fatto senza questa persona, prima. E si ci chiede come si farebbe senza questa persona, se decidesse un giorno che non ci ama più. Io ho pregato che non succedesse ma…. non sempre il mondo va dove vogliamo noi. Bello e meraviglioso essere innamorati. Quanto è lacerante essere lasciati. Perchè ormai, sai cosa sinifica Amore… e un sentimento così meraviglioso, che ha sfiorato così sensualmente la pelle e l’anima, non può che mancare, quando abbandona. E questa mancanza, questa… astinenza, ti fa comprendere quanta sia rapida e a volte troppo futile la nostra vita. Certi momenti non tornano più… teniamocelo stretto, finchè ci è permesso, e godiamone appieno il profumo. Il lenzuolo rosso sia la nostra vita, il nostro stile. Grazie, di queste parole meravigliose, Robert.

  8. SERENA dice:

    Ciao Robert,
    lascio la mia traccia, laddove rileggo i tuoi
    versi di poesia..d’amore..di una vita che freme(come spesso dico io)
    La vita deve FREMERE ogni giorno.
    Un bacione
    Serena

  9. Arsomnia dice:

    … sublime condensato d’emozione
    Ma dopo? dopo che hai fatto l’amore con l’Universo, non puoi accontentarti di nient’altro… che sia meno..
    Bravo come, anzi, più di sempre!
    Ars

  10. lenio vallati dice:

    Mi sorprendi sempre, Robert, con le tue parole che sono stille di emozioni. Chi non ha provato l’amore non ha provato niente, e parlo dell’amore vero, quello senza confini, quello che non é necessariamente legato al sesso, che ci può appagare anche stando lontani. Io l’ho provato sai questo immenso amore, e da allora tutta la mia vita é cambiata, e il lavoro e le preoccupazioni quotidiane sono niente in confronto a me e a lei, che siamo l’universo intero. Tu sei bravissimo, Robert, a far capire anche a chi non ha mai provato questo amore che esso esiste, e che vale la pena cercarlo, ogni giorno, ogni minuto della nostra esistenza e lo si può trovare laddove sembra impossibile, e quando sembra ormai scaduto il tempo. Complimenti vivissimi, Lenio.

  11. Maya dice:

    Un racconto meraviglioso e vibrante di passione. L’amore è il caos che sconvolge il filo ordinato e programmato che magari si è deciso di dare alla propria vita, l’amore è quel lenzuolo sgualcito dove trovare l’universo intero, senza confini, senza Oceani e senza limiti. Come sempre la tua penna è emozione.

  12. Daniela dice:

    Splendido racconto d’amore e di emozioni.Complimenti
    Daniela

  13. federica dice:

    un blog incantevole e un post dedicato davvero all’amore!

  14. LadySoul dice:

    Parole piene di emozioni, dolcezza, amore infinito…
    🙂

  15. VIOLET dice:

    Amore senza età
    amore senza volto
    2 anime in un unico battito…
    Un respiro eterno

  16. Giusy dice:

    Ormai sono giorni che leggo le tue poesie e i tuoi scritti, voglio davvero complimentarmi con te, spesso ritrovo nelle tue parole le mie emozioni.
    Mi sono permessa di inserire una tua poesia nella mia Com, ti chiedo scusa non avevo letto che dovevo prima chiedere l’autorizzazione. Spero tu non me ne voglia, anche perchè sappi che per me è stato un onore poterla far leggere agli iscritti sia questa bellissima poesia:
    “…Scoprirai l’amore o lui scoprirà te e non sarà

    mai né troppo presto né troppo tardi quando lo scoprirai

    quando lo capirai che oggi è amore e ieri era amore e

    lo sarà domani allora sarai viva nascerai di nuovo coglierai

    l’universo dentro un respiro la profonda anima

    di tutte le cose in un solo sguardo allora sarai eterna

    e persino la morte sarà un bel sorriso…”

    sia questa :

    In quella lingua d’onda
    sulla battigia della vita
    che la sabbia imprigiona
    ondeggi anima lucente
    come riflesso di sole
    che al mare s’abbandona

    Terra di te s’imbeve
    si disseta e s’insapora
    nell’oasi che abbraccia
    quel tenero sentimento
    di vita che non s’immagina
    e il dolce sogno annuncia

    Tu sei dolce primavera
    così aspettata, desiderata
    nei prati immensi del cuore
    dove sono bei fiori i baci
    e radici d’anima le mani
    prima che sbocci amore

    Nessuno, però, ti consuma
    nessuno coglie il profumo
    del giardino solitario
    ed immenso della notte
    in cui tu sei stella
    così vicina e luminosa

    e tra l’altro li ho invitati a leggere il tuo blog, spero siano in molti a farti visita perchè ne vale veramente la pena.
    Grazie e complimenti per le stupende emozioni che le tue parole riescono a suscitare a chi ti legge.
    Giusy

  17. daniela rindi dice:

    scusate ma non riesco a trovare il nome degli autori di questi post. E’ sempre e solo Robert che scrive? Sto cercando di capire, mi sono appena iscritta. ciao

  18. Ambra dice:

    Robert è sublime è l’esaltazione dell’amore senza tempo e senza confini .
    leggendo il tuo racconto mi è venuto spontaneo scrivere le parole che trovi qui sotto.

    Immenso l’universo
    per un amore sublime
    non pareti
    non minuti scanditi
    da due lancette,
    ma solo il battere
    del cuore.
    Un cuore innamorato
    pieno d’amore
    e al dio Amore
    votato.

    saranno banali ma sono spontanei qst diciamo versi
    Complimenti non ti smentisci mai

  19. nicla morletti dice:

    Fare l’amore con il mondo. Straordinario. Come volare tra i colori dell’alba e quelli del tramonto. E di notte baciare la luna e le stelle e tutte le cose più belle. Un volo di gabbiano, il soffio del vento, di lontano il mare. Melodia d’amore.
    Un racconto da Grande Autore.

    Nicla Morletti

  20. Violet dice:

    La luna fa da spettatrice a questo
    Amore che è + immenso di un oceano…
    Baci
    Violet

  21. Zenzerocandito dice:

    Lei, infine consapevole di questo, sorrise mentre sollevava quel lenzuolo rosso e lo usava per coprirsi, o meglio, per adornarsi, in quel colore magico che la rendeva ancora più desiderabile.
    Lui si avvicinò e la strinse in tutto quel rosso…
    Silenzio.
    La notte rimase fuori e li guardò dalla finestra.

  22. Sebastiano Spadaro dice:

    Leggo da anni questo magnifico blog e voglio esprimere tutti i miei complimenti per i suoi contenuti. Sebastiano

  23. asaperloprima dice:

    splendide emozioni robert…le abbiamo vissuti tutti almeno una volta, quante lacrime, gioie e speranze conoscono le lenzuola di un letto d’amore…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 Metti la spunta se vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento.
- Prima di inviare il commento puoi aggiungere una immagine: