Manuale di Mari, Petali antichi

La sorte

Quand’anche la sorte dovesse privarmi di te
del tuo sguardo e della tua presenza…
il mio cuore, fino all’ultimo battito, batterà per te!

E se mi priverà della vista
io non vedrò che il tuo volto
dipinto per sempre nella mia mente!

E se mi priverà dell’intelligenza
ogni piccola cellula del mio corpo
continuerà a rigenerarsi per te!

E se mi priverà della vita
la mia anima volando in cielo
o sprofondando all’inferno
continuerà a vibrare in eterno per te!

Manuale di Mari, Petali antichi, Poesia del Mare

Lungo il mare

Lungo il mare
Ho camminato stanotte
E nel rifluire delle onde
Ho scorto per caso
Il tuo vero spirito,
Marea che sali invocata
Come i flutti tu sei
Infinita e imprevedibile
E la tua semplicità è un inganno,
Nessuno tocca i tuoi abissi,
In fondo al tuo cuore
Giace una indomabile tristezza.

Manuale di Mari, Petali antichi, Petali maledetti

Amore vampiro

Il tuo Amore
è un vampiro per me
Ama me
perché ama il mio sangue

Preferisce prendermi
vilmente mentre dormo
perché io non lo veda
scendere come un rapace
sulla mia pallida carne

Prende tutto di me
Non mi dà mai nulla
Se non la gioia dell’amplesso
quando mi lascia solo nella notte,
E in verità non mi lascia mai
perché sempre sua è la mia anima
che rimane in un languore
fervido di altri peccati

La più divorante passione
cela questo tuo sentimento
e così i tuoi intenti, lunghi tentacoli,
sempre mi raggiungono
i tuoi desideri, spire mortali,
sempre mi avviluppano
Non sfugge il mio cuore
alla morsa accerchiante
dei tuoi artigli spietati…

Manuale di Mari, Petali antichi

Dolce incanto

Come uno Spettro nella Notte Nera
il Ricordo di Te
Dolce Incanto dei miei giorni di marzo
si aggira nella Memoria

Come gl’incubi degli Assassini
la luce di quel Sorriso
L’eco di quelle Risa
Tormentano le mie Notti Bianche

E…
i tuoi Occhi scuri
Quando Visione invocata
Compari nei miei Sogni
Scandagliano
Profondamente la mia Anima
Cercando invano
Traccia residua
Dell’antico candore

E mi giungono pure
In parole inafferrabili
le dolci note della Tua Voce
Che grato ascolto
Finchè la Luce del Nuovo Giorno
Vento impetuoso
Non venga a spazzar via ogni Cosa.

Manuale di Mari, Petali antichi

Ricorderò

Ricorderò Mari
Le tue parole
I tuoi sguardi
Le tue mani
Attraverso cui
Il mio spirito
Si protende
Verso sconfinati orizzonti

Ricorderò le passeggiate
Lungo il mare
Abbracci e baci
Lunghi una notte
Dolce bruna fanciulla
Sei come il mare
Ed è piacevole
Solcare le tue onde
Scorgendo nel loro lento rifluire
Il tuo vero spirito
Forte e indomabile

Sarai per me un sigillo
Di dolcezza e speranza