Manuale di Mari, Storie d'amore

Solite cose

Il telefono squilla. Per scoprire chi è sali di corsa la scala. Sbatti la porta e lanci le scarpe in un angolo afferrando una cornetta già muta…

Nella luce fioca di una lampada scopri una smagliatura nella calza nuova e briciole di pane sul tappeto, sul comodino il libro che non riesci a leggere perchè ti addormenti sempre prima.
Non senti più il tuo profumo e corri a farti una doccia. L’acqua ti sembra così fredda ma scopri che sei tu ad avere freddo…
Le cose, dici, non sono nemiche ma le vedi attorno a te sempre uguali e immutabili, qualunque cosa tu faccia…

Ti guardi allo specchio. Sai che non sei tu quella che vedi, ma l’ombra di te…
Hai ancora freddo e allora cerchi una coperta più calda e pesante, ma ti manca il fiato, sembra che ti schiacci e avvolgendoti nel lenzuolo ti alzi di corsa avvicinandoti alla finestra.

Osservi il traffico nella strada: un uomo e una donna s’incontrano sempre all’angolo, si abbracciano e sorridono.
Li segui con lo sguardo, mentre si allontanano con passo svelto e lontani sembrano una persona sola. Un’ombra ondeggiante di vita mentre si baciano sotto un lampione. E tu sei lì, dietro quella finestra appannata anche stasera senza che nessuno ti veda.

Il telefono non squilla più… E adesso hai più freddo.

© 2005 – 2016, Blog Manuale di Mari. Tutti i diritti riservati

Pubblicato da Robert

Robert, autore del Blog Manuale di MariPoesie e Storie d’amore e direttore editoriale del Portale Manuale di Mari. Ha ideato e lanciato nel 2005 il Concorso di Emozioni. Nello stesso anno ha creato il Blog degli Autori. Nel 2009 ha ideato e lanciato con Nicla Morletti la Fiera dei Libri on line.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 Metti la spunta se vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento.
- Prima di inviare il commento puoi aggiungere una immagine: