Manuale di Mari, Storia da blog, Storie d'amore

Storia da blog – 1^ puntata

“Cosa sono le sue mani?” pensò. Le mani di quell’uomo avevano segnato le sue. Le guardò ancora, le annusò. Avvertiva un profumo.

Le mani

Sara aveva uno sguardo strano. Porgendogli le mani, nel saluto di fine serata, aveva avuto una sensazione nuova, mai provata prima.
Era stata una serata piacevole anche se era cominciata con una impressione sbagliata. Marco le era sembrato subito un uomo noioso, taciturno e la sua galanteria persino insopportabile.
Ora sostava sulla porta di casa e guardando un cielo brulicante di stelle teneva stretta una mano nell’altra, come per trattenere ancora quella di Marco.
La prima idea che si era fatta di lui era profondamente sbagliata. Non era noioso, taciturno né più galante di quanto un uomo gentile possa essere. Era la sua disabitudine al silenzio, agli sguardi e alla stessa galanteria che l’avevano tratta in inganno.
Ed ora, sola sul bordo della strada, dopo un saluto breve ma di una intensità che non aveva pari nei suoi ricordi, ripensava a Marco.
“Cosa sono le sue mani?” pensò. Le mani di quell’uomo avevano segnato le sue. Le guardò ancora, le annusò. Avvertiva un profumo.
Cercò le chiavi in quella specie di trappola che era la sua borsetta. Le trovò nel solito angolo, ferendosi a un dito. Aprì la porta di casa. Un fascio di luce lunare, proveniente dal lucernario, investì il suo volto.
Accese la luce e osservando la piccola ferita all’indice, sentì di nuovo quel profumo.
Capì che la settimana sarebbe passata ripensando a quell’uomo e alle sue mani, aspettando di stringerle di nuovo. Questa volta senza perdere l’occasione di tenerle nelle sue più a lungo possibile. Mordendosi le labbra si lasciò cadere sul letto. E’ bello addormentarsi avendo voglia di sognare.

Continua

Immagine tratta dal film Sin City

© 2006 – 2016, Blog Manuale di Mari. Tutti i diritti riservati

Pubblicato da Robert

Robert, autore del Blog Manuale di MariPoesie e Storie d’amore e direttore editoriale del Portale Manuale di Mari. Ha ideato e lanciato nel 2005 il Concorso di Emozioni. Nello stesso anno ha creato il Blog degli Autori. Nel 2009 ha ideato e lanciato con Nicla Morletti la Fiera dei Libri on line.

54 pensieri su “Storia da blog – 1^ puntata”

  1. isotta dice:

    Congetture?

    Immagino che… Quell’invito l’avesse accettato un po’ tentennando, perchè non è una storia che potrebbe vivere. Forse di lì a poco arriverà a sdraiarsi con lei sul letto l’uomo che ha sposato. Un perfetto estraneo… un profumo familiare, ma diventato insopportabile.

     

    Paola

  2. marni dice:

     L’inizio è dolce, ma intrigante…mi è piaciuto l’accenno all’odore rimasto nelle mani…uno delle sensazioni più forti che richiamano la memoria, uno degli afrodisiaci più potenti…io cercherei lì un altro appiglio….sono sensazioni che tutti sentono

  3. lafigliadelmare dice:

     

    Maya ha scritto: "Le migliori storie d’amore nascono spesso da un’impressione sbagliata …che è dovuta più ad un’inconscia paura che a fatti reali. Ma poi in genere scatta qualcosa che fa mutare le intenzioni e i programmi.."

    io spero ardentemente che Maya abbia ragione.

    nelle mani è la forza è la tenerezza e la storia di un uomo. Se quelle mani ti paiono fragili, nel suo cuore si nasconde fragilità. 

    ——————————————————

    se ne andò nella notte senza voltarsi indietro, rapido e silenzioso. Quell’abbraccio forte e disperato, quelle parole gentili sussurrate con voce rotta dall’emozione volevano essere un addio…

    Ripercorrendo il corridoio sentivo nell’aria uno strano profumo: era il suo odore di buono. Me ne andai a letto sfinita da tante emozioni e quella notte non chiusi occhio. Non sapevo se piangere disperata o sognare ancora di lui e di me.

    Nessun uomo prima in così poche ore insieme era riuscito a trasmettermi così tanto di lui. 

    —————————————————————- 

  4. ohrasputin detto giuseppe dice:

    … è un gesto che faccio. tocco le dita con le labbra ed annuso, cercando l’odore di Lei. nelle curve dei miei sogni, che hanno luce del giorno e della notte. dove ogni pensiero diventa palpito invincibile e si veste di lingue di fuoco. e così i tuoi sogni diventano reali e trovano passi giusti sul tappeto delle parole, dove si costruiscono le Storie e si inventano nuove vite. sento che la tua Storia può continuare il suo viaggio. noi l’accompagneremo e saremo accompagnati. troveremo ancora le mani del movimento e sapremo riconoscerle. oh si … 

  5. Nicoletta dice:

    di certo non ti servirà il mio commento per continuare la tua storia, ma un saluto per migliorare la giornata, quello si.

    Ciao!

     

  6. Vivendolestelle dice:

    Interessante, davvero particolare questa narrazione..

    aspetto di leggere il continuo..emoticon 

  7. francesca dice:

    Continua la tua storia ti prego!Ne vale la pena

    Volevo dirti che io sono già "loggata" su splinder anche se il mio blog è del cannocchiale. O non ho capito bene? Non sarebbe la prima volta! Comunque ti mando una mail!

    Ciao Robert

    Bacio

    Un bacio

  8. Alanis dice:

    semplicemente bellissimo l’inizio di questo racconto

    complimenti Robert…vorrei che lo continuassi

    è molto intenso e si riesce bene a sentire l’emozione

    che la protagonista prova….

    mi piace molto come descrivi Sara

    le percezioni visive come il riflesso della luna sul suo volto e anche

    quelle olfattive del profumo che sente sulle mani

     

    un saluto Robert…ciao

  9. Renato dice:

    E’ bello addormentarsi per sognare tenere mani che esplorano carezzevoli ogni centimetro di pelle.

  10. Ladyviolet4 dice:

    il tocco delle mani il contatto umano rivela e trasmette ora Sara puo’ sentire se puo’ lasciarsi andare e reincontrare la fonte delle sue inaspettate emozioni..chissà

  11. Francy dice:

    …erano strane le sensazioni che provava quando il solo pensiero di lui per un attimo la sfiorava. Fitte improvvise allo stomaco la trascinavano in dolci sogni non voluti. No, non poteva permettersi d’illudersi, di sognare ancora…

    Ciao Robert, alla prossima 😀

  12. Alidada dice:

    forse un altro uomo aveva lo stesso profumo prima. Forse era “Roma” di Laura Biagiotti.. Forse il suo sogno sarebbe stato un ricordo.. chissà.
    Buon continuo Robert :-)..ti seguo e ti abbraccio,
    Alidada

  13. Rosa Scarlatta dice:

    bellissimo…mi viene voglia di leggere il seguito..dai.. 🙂

  14. Eufemia dice:

    Un ottimo inizio, lo seguirò con piacere

    un abbraccio eufemia emoticon

  15. lascintilla dice:

    Devi continuare a scrivere perchè solo scrivendo ci si immerge nella fantasia di noi stessi…le mani simbolo di forza, attrativa per una donna che si sente protetta e attratta da una carezza…

    Lei che pensa sempre a quel nome,ci costruisce desideri,dialoghi,sogni,uscite…Solo perchè è inebriata da quella sensazione sensuale del profumo.Devono rivedersi,sfiorarsi,desiderarsi…

    Sono con te!

  16. laura dice:

    una stretta di mano

    una stretta al cuore

     

    vai avanti …… 

  17. Angie dice:

    Continua! Per favore, continua! Lo dico perché già quest’incipit mi sta tenendo sulla corda…Marco mi sembra il tipo d’uomo che piace a me: un uomo da assaporare lentamente, una persona che si lascia svelare a poco a poco e man mano che rivela un tassello della sua anima lascia dietro sé la scia di un profumo inebriante, impossibile da dimenticare.

  18. maluna dice:

    la prima parte è bella… e se lui fosse un pianista??? troppo banale?

    Maluna

  19. caterina dice:

    Quando le tue mani vengono,

    amore, verso le mie,

    cosa mi recano volando?

    Perchè si son fermate

    sulla mia bocca, d’improvviso,

    perchè le riconosco

    come se allora, anzi,

    le avessi toccate,

    come se prima d’essere

    avessero percorso

    la mia fronte, il mio fianco?

    (P. Neruda, Le mie mani).

     

    le mie mani lunghe, con dita affusolate e unghe sempre smaltate.

    … Amo le mie mani fragili e sensibili.

    A presto.

     

  20. Renato (grisby) dice:

    continua, continua …. l’esordio è ottimo

  21. mynona dice:

    Gli odori sono una parte molto importante nelle relazioni tra persone, è un buon inizio. Continua la storia.

  22. LadyDeath75 dice:

    L’inizio promette bene a mio avviso, sembra interessante. Spero tu scriva almeno qualche altro capitolo di modo che riesca a farmene un idea un po’ più precisa. Un saluto ciao.

     

  23. Rosy dice:

    C’è sempre repulsione quando qualcosa può minare la tua stabilita. Come uno schiaffo violento che ti scuote…ne sei attratta ma diventi refrattaria allo stesso tempo.Persino sognare ti fa temere.

  24. StregaLunare dice:

    Caro Robert non ti manca di certo la fantasia per continuare…Sara è solo impaurita di lasciarsi andare ai moti della vita….ma quel profumo è lì in agguato, misterioso e molto coinvolgente più di quanto lei non possa ancora sapere.

    Un bacio.

    D

  25. Samy dice:

    Come inizio promette bene emoticon…mi piace, anch’io nel leggere ho pensato a quanto la mente con tutti i suoi paletti e pregiudizi spesso possa poi essere smentita o in contrasto con l’attrazione instintiva che segue percorsi diversi. Nel tuo breve racconto questa attrazione è dipinta in modo sottile, discreta e forse proprio per questo più persistente…

    Ciao!

  26. Flavia dice:

    Sara è inebriata di sensazioni. Si mordicchia il dito lievemente ferito e riannusa un odore che riconosce, quando la serata volge al termine. E’ il profumo di Giulio. Nient’altro che un ricordo che ritorna. La poesia attonita di un profumo che stordisce sull’onda d’un nuovo innamoramento non è che un deja vu. Credeva di avere smarrito ogni traccia, di avere smaltito l’emozione antica, invece è tornata addosso ad un tizio quasi sconosciuto, che le ha suscitato uun tempesta dentro, intensa e fuorviante. A volte, ritornano. Quelle mani stringono un volante che s’allontana nella notte, di persona ignara d’essere una replica d’emozione, perché il cuore cede ai sensi, l’olfatto è un senso e tocca al cervello dipanare la matassa. Non resta che un goccio di porto, a dissolvere la delusione. Delusione, mah! Forse no. Tornino, quelle mani, con tutto il resto appresso. Questa volta lo guarderà negli occhi e se anche lì ci sarà ancora Giulio, meglio guardare altrove. Quel film è già visto… Le mani di un uomo insopportabile avevano portato il profumo di carezze conosciute ed in una vita d’incertezza, una certezza è una luce, anche se fioca, nel buio.

    Una Flavia love dark

  27. Korus dice:

    Inizia quasi in sordina. Un saluto sulla porta di casa, quotidianità di un incontro che si prospettava noioso ma che  nel lasciarsi rivela quel certo non so che…

    La stretta della mano, quel semplice contatto che si intuisce caldo ed accogliente e che trasmette molto più delle parole e poi il profumo…

    Dio come può stordire un profumo! Inebriarci o addirittura disgustarci.

    Quel profumo rimasto sulle mani che or si attacca addosso nel momento in cui, addormentandosi , si abbraccia il corpo sognando braccia calde come quella stretta di mano che dolcemente la stringono…

    …continua… e complimenti!

     Le tue parole cadono come le calde carezze di quella stretta di mano…

  28. ambra dice:

    Un inizio intrigante dolce….con tanti possibili sviluppi…

    Quelle mani saranno un elemento importante nella tua storia Vero?

    Le mani trasmettono sensazioni particolari , una semplice stretta di mani può emanare tanta sensualità può fare battere un cuore….

    Robert continua….Fai andare Sara nel mondo dei sogni…

    Il profumo di qelle mani la inebria portandola verso altri confini…Sente una carezza sul suo viso, lieve, delicata e il profumo diventa più insistente le arriva al cervello facendole assaporare sensazioni mai percepite. Sente la testa girare non vede il suo volto, ma sa che è lui ……….Tu sei bravissimo facci sognare! Buon viaggio in qesta impresa.

    emoticon

  29. Blue dice:

    Le mani.

    L’intreccio di mani che si cercano e si annusano.

     

    Bellissimo racconto.

  30. Ars dice:

    .. mmm.. continua.. mi interessa il seguito
    Questo assaggio mi ha già intrigata…

    Un abbraccio
    Ars

  31. Etain dice:

    Certo che ti incoraggio a scrivere la storia, è un’ottima premessa.

    Continua così che sei grande emoticon

  32. Margot dice:

    Il suo cuore si agitava in un tumulto senza fine. Poteva innamorarsi di quell’uomo, anche se lo conosceva ancora pochissimo.

    Non era solo il suo profumo ad esserle era così famigliare, era qualcosa che di lui l’aveva colpito rimanendo indistinto e indefinito.

    Non voleva soffrire, non voleva amare…. era meglio non rivederlo  più…. ma le aveva chiesto  il suo numero di telefono e lei glielo aveva dato… e allora? Avrebbe lasciato fare al caso, se lui l’avesse chiamata… forse, una sola volta ancora, avrebbe potuto vederlo.

    Si addormentò e sogni bui dove danzavano le sue mani la vennero a visitare……

     

    Una ne fai e cento ne pensi Robert!

    Sei un vulcano

     

  33. malibra dice:

    come sempre in questo periodo convulso per me, perdo molti dei tuoi scritti, ma mi rifarò :-)…

    Per quanto riguarda Sara…lei attende di ritrovare quelle sensazioni dal vivo, mentre le ripercorre mentalmente…è curiosa, profondamente curiosa…come se le si fosse aperta la porta di una nuova dimensione…forse la conosce…o forse….

    un sorriso

  34. zoe dice:

    perchè scrivere se gli altri incoraggiano e non per sè stessi? per il proprio piacere di far fluire e creare, esprimersi ed essere?

  35. maria teresa dice:

    hai molta classe, continua,  sei bravissimo e coinvolgente in tutte le cose che scrivi…..sei chiaro e comprensibile…. grazie x le belle emozioni che ci regali….

    maria teresa

  36. Barbara dice:

    sognò: le era capitato una volta, quando era ancora ragazzina, un incontro di mani …erano come al solito in piazzetta con tutti gli altri amici della comitiva, e lei aveva comprato un pacchetto di patatine. in quel pacchetto le due mani, le sue e quelle dell’amico più caro che aveva si erano sfiorate..i loro sguardi intensi mentre le mani nel pacchetto si dicevano il bene che provavano l’uno per l’altro,mai avevano avuto modo di parlarsi fino a quel momento, fino a quell’incontro di mani nel pacchetto di patatine!

    Bellissima storia …continua a scriverla. un abbraccio:-) 

  37. Irene L. dice:
    Ispirata ho lasciato traccia qui…
    racconto ricco d’emozione il tuo…
  38. Irene L. dice:
    I pensieri  piccole frecce che lontano volavano oltre le mani oltre gli occhi. Pensò di poterli far sogni, ma i sogni si sfuocano come rose di maggio nell’autunno, morendo.
    Passò il tempo, e le settimane divennero fogli pastellati ed il profumo un rosato ricordo.
    Marco decise di non vederla mai più. Temeva si inquinasse la sua idea in faccia alla realtà.
    Sara lo cercò:doveva, voleva, poteva…
    Ma lui si accontentò di quel frangente seppur bello.
    Non  seguì il suo cuore, piuttosto credette solo ai suoi occhi, e alla forza grigia della ragione. Non seppe guardar oltre, non volle farlo.
    Una donna imperfetta. Come tante forse. 
    Era Sara.
    Ma le impressioni a volte sono errate.
    Lei l’avrebbe dimenticato ad una sola condizione:
    "…Solo quando un dipintore cieco dipingerà il rumore di una rosa che cade ed infrange un pavimento di cristallo…"
    Ma lui non lo seppe mai, aveva già tirato giù la cortina della sua anima, sbarrando la strada al vento delle possibili emozioni…per sempre.
  39. Edo e le storie appese dice:
    Mordendosi le labbra silasciò cadere nel suo letto. E bello addormentarsi avendo voglia di sognare ….
    Quelle mani…
    Mani… amorevoli mani
    Birichine quelle mani
    Dolci morbidi rampini
    Sollazzo che sono doni
    Se al buio vai a tastoni
    Carezzando i frutti buoni
    Decisamente li arpioni
    Sale un volo di gabbiani
    Se ti metti a cavalcioni
    Scateni gli uragani
    Scambiandoci profumi
    Tracimo lava dai vulcani
    Con i baci Tu mi sbrani
    Ma non son certo osceni
    Un potere tu detieni
    Tremeranno gl’indovini
    Leggendo quelle mani
    Edo e le storie appese
  40. ManualediMari dice:

    @Eliselle

    Sì Eli, l’immagine di questa prima puntata come di tutte le altre sarà tratta dal film Sin City. Lo specificavo in un testo che si visualizza ponendo il mouse sull’immagine e che ora riporto anche sotto la stessa.

  41. FabrizioRm77 dice:

    Incoraggiamenti? Secondo me saranno i tanti "te stessi" che creerai a darteli.

    Congetture? Uhmmm… non vorrei essere stupito a tutti i costi. Non è Dan Brown che cerco, né un amore infuocato tra attori bellissimo. E’ la vita, quella che cerco.

  42. Maya dice:

    Le migliori storie d’amore nascono spesso da una prima impressione sbagliata, che è dovuta più ad un’inconscia paura che a fatti reali. Ma poi in genere scatta qualcosa che fa mutare i programmi e le intenzioni. Nel caso di Sara, la protagonosta di questo affascinante racconto che oggi ha avuto il suo incipit, il destino è nelle mani di quell’uomo che ha lasciato una traccia nel salutarla e in quella stretta che ancora la turba.

    La mani, uno dei simboli maschili che più colpiscono le donne, forse perchè nelle mani è la forza, la tenerezza, la storia di un uomo.

    Non vedo l’ora di leggere la prossima puntata.

    Ti abbraccio con affetto, carissimo Robert, sai sempre stupirci e coinvolgerci.

    Maya

  43. Eliselle dice:

    Complimenti… (bella l’immagine, tratta da Sin City, no?) emoticon

  44. Maurizio dice:

    I sogni aiutano a capire lo stato d’animo di una persona.

    E’ straordinariamente bello e intenso andare a dormire e avere voglia di sognare….. A me ogni tanto capita! Non sempre..ma capita!

    Continua…..

    Ispanicus

  45. Angela dice:

    Quella notte lo sognò…
    si sentiva inquieta, continuava a girarsi e rigirarsi nel letto senza trovare pace, l’immagine di lui non le lasciava scampo, ormai l’aveva fissa nella mente….

    bella questa storia Robert, dolce e romantica… fa già sognare!

    un abbraccio

  46. Nicoletta Perrone dice:

    Carissimo, un’iniziativa bellissima.

    Continua a scrivere questo racconto che forse non si sà, diverrà romanzo.

    E’ vero le mani sono il fluire di un gesto delicato che accompagna pensieri che fanno sognare.

    Un caloroso abbraccio

    Nicoletta 

  47. ceciliakellermann dice:

    Continua Robert. Hai un modo di narrare delicato e lineare che mi piace molto. Cecilia

  48. Ilaria dice:

    non mi accade spesso
    non mi accade quasi mai
    ma…ho pianto. leggendolo
    Sara, sono io…

    (continuala…)

    Ilaria 

     

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 Metti la spunta se vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento.
- Prima di inviare il commento puoi aggiungere una immagine: