Manuale di Mari, Storie d'amore

Tra i battiti del cuore

Malcolm Liepke, Looking At You

Vivere tra i battiti del cuore di una donna che ami molto è bellissimo. Ti sembra di essere un tamburo e vibri ad ogni suo battito.

Lui l’amava. Lei lo sapeva. Non ne dubitava, certo non aveva potuto ricambiare il suo amore ma non lo aveva mai allontanato e non riusciva a capire perché l’avesse lasciata. Ora che non era più innamorata, il vuoto lasciato da quell’abbandono la tormentava.
Alla fine le cose succedono anche se la nostra immaginazione sembra non prevederle o non le ritiene possibili; queste si verificano e allora torniamo indietro sui nostri passi a cercare la rotella non funzionante dell’ingranaggio della nostra storia.
Aveva tentato di ottenere spiegazioni direttamente da lui. In tutti i modi. Ma le cose che non si capiscono da soli spesso non si possono spiegare. Non crediamo a quella verità che ci viene suggerita e somministrata da altri. Così il tempo passa. Certi fatti si sedimentano in noi. Sono come i mattoni di un muro che cresce. A un certo punto il muro è così alto davanti a noi che… Lo vediamo! E capiamo tutto. Proprio come in un miracolo, non siamo più ciechi.
I mattoni che si sedimentarono in lei furono alcune parole scritte da lui in un libro che le aveva donato. Una sua poesia cominciava così:
“Amore se i battiti del tuo cuore non dovessero essere per me…”
Poi, nei giorni successivi, altri mattoni decisivi si depositarono in lei, erano le parole di una ricerca sulla magia nera, che stava conducendo da tempo.
Quella notte, come in sogno, la verità fondamentale si fece strada nella sua mente.
Vivere tra i battiti del cuore di una donna che ami molto è bellissimo. Ti sembra di essere un tamburo e vibri ad ogni suo battito.
Ma se un giorno capisci che il suo cuore non batte per te ma per un altro uomo, allora ti sembra di essere la bambola della più perversa macumba e quei battiti sono spilli che s’infilano nel petto. Allora vivi in un continuo intervallo tra un battito e l’altro, tra una telefonata e l’altra, tra un pensiero e l’altro. Alla fine di ogni intervallo, però, muori un po’.
Lui non volle morire o morì. Nessuno lo sa, ma questo non è essenziale.
Lei ora vive, ma quando pensa a lui, trattiene un istante il respiro.

Immagine: Malcolm Liepke, Looking At You

© 2006 – 2016, Blog Manuale di Mari. Tutti i diritti riservati

Pubblicato da Robert

Robert, autore del Blog Manuale di MariPoesie e Storie d’amore e direttore editoriale del Portale Manuale di Mari. Ha ideato e lanciato nel 2005 il Concorso di Emozioni. Nello stesso anno ha creato il Blog degli Autori. Nel 2009 ha ideato e lanciato con Nicla Morletti la Fiera dei Libri on line.

32 pensieri su “Tra i battiti del cuore”

  1. shady hassan dice:

    ciao tutti ,
    credo che l’amore e il benissimo del mondo
    ma la vita senza amore non e vita reale .
    grazie lo stesso

  2. VALENTINA dice:

    Questa storia è la mia storia..non potrebbe essere più vera ed azzeccata, solo ch eio non amavo un altro, avevo solo troppe carenze, carenze che la distanza crea, lui non aveva colpe ma neanche io…lo sto cercando ancora e se pure l’ho trovato e sono andata fin da lui, nella sua sconosciuta città, è andata male…mi ama..lo amo..ci amiamo..ma ha deciso di fa rsoffrire entrambi ed è così già da un anno….PAOLO mi manchi..un bacio a chi ha saputo descrivere il mio amore passato presente e futuro….

  3. Mariella dice:

    Rileggere dopo qualche tempo questa storia…rende ancora partecipe…le tue emozioni ma meno le sensazioni che vuole trasmetterti…ancora complimenti…Mariella

     

  4. Mariella dice:

    Cara Iride,questa storia mi ha talmente emozionato che ancora sento il cuore in gola…nel cercarne di capire il senso…sono pervasa da una miriade di emozioni contrastanti, associazioni  vibranti e alterno razionalità a sentimento nell’immaginarne il senso o la ragione di un abbandono…senza senso.Purtroppo cio’ che ha senso per noi…puo’ non averlo per gli altri e purtroppo gli altri a volte scappano di fronte a se’ stessi…provando un sentimento e leggendo nel non amore…solo la paura di essere rifiutati..In questa favola…il vero senso è..in amor vince chi fugge..Il sono molto possibilista…la mia lettura è..in amore vince chi  RESTA:chi ha coraggio..di perdere , di essere abbandonati ….ma deve provare ad amare…senno’ il senso non lo da il soggetto della storia ma..l’insicurezza….Qualcuno dice che….la  vertigine non è..paura di cadere…ma voglia di volare….è sempre una questione di lettura delle cose, di prospettiva…ma anche le piu’ grandi rinunce, e incomprensioni portano sempre dentro se’ tanto amore….se anche non maturato..ma sempre amore è…o avrebbe potuto diventarlo..Chissà, nella vita mai dire mai …tutto è possibile…

    Ti ringrazio di avermi fatto tanto emozionare e scuotere ma….io sono possibilista..il cerchio non lo chiudo mai…anche quando si pensaq sia finito un amore….Solo il tempo, il recupero delle cose apparentemente perse, danno  il coraggio di provare a trovare la forza di rischiare…di perdere se il caso ma solo apparentemente…perchè chi ha il cporaggio di viversi nonostante tutto … puo’ sempre dire….ci credevo, ci ho provato , peccato!A volte è meglio un rimorso che un rimpianto….Con tanto affetto e gratitudine Mariella

  5. Francy dice:

    Molto vere queste parole e azzeccata la metafora del muro di mattoni: a volte non si riescono a capire le cose più lampanti e poi d’un tratto in un istante tutto è chiaro e trasparente.

    Amare qualcuno e morire tra un intervallo ed un altro perché il suo cuore batte per qualcun altro è sofferenza che uccide dentro. Meglio andar via…

    Bella la conclusione: anche se non ricambiato dell’amore resta sempre traccia!

    Coinvolgente ed intenso il tuo racconto…

    😀 Francy

  6. ceciliakellermann dice:

    Come una favola, una favola non solo coinvolgente sul piano emotivo ma di raffinata penetrazione psicologica. Un abbraccio affettuosissimo.mariamartina.

  7. ManualediMari dice:

    @paolo

    Vorrei segnalare ai due o al massimo tre visitatori che hanno lamentato di non vedere lo sfondo del mio blog (una tonalità molto chiara del colore rosa) visualizzando solo il sottofondo nero (ovvero il cielo stellato) che il problema dipende dal loro browser e non da questo blog.

    Questa pagine sono compatibili con i browser internet più diffusi e credo che, sinceramente, di più non si possa pretendere.

    Ad ogni modo, se potrò, mi sforzerò di verificare la visualizzazione del blog anche con altri browser internet.

    Grazie!

  8. paolo dice:

    Un piccolo consiglio, cambia sfondo o i tuoi lettori diventeranno ciechi.

     

  9. Biancaneve dice:

    Scusa ma io non riesco a leggere niente sul tuo blog scritto in rosso cupo su fondo nero….uso un macintosh….
    mi spiace.
    Ciao

  10. blu dice:

    … vivere con l’idea intorno di lei…. si può vivere! Si deve poter vivere!!

  11. alessia dice:

    ho sempre letto passi stupendi e toccanti qui…mi entrano sempre dentro…nelle mie profonde e segrete verità….

    un abbraccio…

  12. penelope dice:

    no per me

    l’Amore è una conchiglia che si fissa allo scoglio

    fino a diventarne un tutt’uno

    Le onde non riescono a staccarli

  13. Femme dice:

    bellissimo questo racconto.. vivere.. tra un battito e l’altro..

    Femme.

  14. Area67 dice:

    L’amore va e viene come un’onda del mare che s’infrange sugli scogli, lasciando schiuma e sale.

  15. mari dice:

    per capirci qualcosa in più…. è possibile conoscere il brano in sottofondo? Non posso ascoltare. Grazie.

  16. AntonellaP dice:

    Quando inizia un amore, si sente nascere in noi qualcosa di nuovo, diverso, che porta gioia. Al contempo, quando l’amore muore, anche in noi qualcosa va via. Gli amori successivi potranno apportare nuove gioie o sofferenze, ma ogni amore, quando è vero, profondo, lascia di sè una traccia singolare e insostituibile. I ricordi sono l’unica testimonianza di un qualcosa che è vissuto in noi.

  17. Susanna dice:

    Avevo pensato che fosse tutta nelle mia mani questa vita scompiglita all’improvviso da una volontà che ha prevaricato sulla mia, da un episodio che solo ieri credevo impossibile o soltanto improbabible.

    Un percorso ha avuto termine, un altro è iniziato: rimane un dolce ricordo.

  18. cabra dice:

    continua…

    voglio leggere.

  19. El Gordo loco dice:

    E lei ha provato a fargli capire quanto lui sia importante per lei?

    Ha provato a spiegargli cosa sente quanto pensa a lui e che forse un giorno avrebbe potuto conquistarne ogni battito? 

  20. MARISA dice:

    E’ pura VERITA’…mi sono celata x un attimo….
    sembrava scritto x me…..sara’ capitato a tante…..
    complimenti…..

  21. astrifiammante dice:

    🙂 so alla perfezione cosa significa vivere nell’attesa di una telefonata, con la speranza che lui si dimentichi dell’altra e tutto finisca col lietofine delle fiabe.
    e so anche che aiuta fantasticare, dopo essersi presi il benservito, sui sospiri dell’amato che, rinsavito, si rende conto di ciò che ha perduto preferendo l’altra a noi… ma son solo desideri… piccole crudeltà che ci concediamo.

  22. Lemurakkia dice:

    Ho trovato il racconto delicato eppure profondo… davvero bello.

    emoticon

  23. penelope dice:

    Isabel

    la faccina è meravigliosa

    Maya

    non sono d’accordo

    l’amore non è possesso e la consapevolezza che quel battito possa avere una vita propria ti dà lentamente la vita

    L’amore abbatte ogni muro

  24. Venexiana dice:

    I battiti del cuore sanno per chi battere…il passato è passato, viviamo il presente, non c’è tempo per vivere di ieri… diminuirà la mancanza, pur lentamente il battito riprenderà e tuonerà di un nuovo straordinario, fortissimo, amore… Venexiana

  25. Maya dice:

    una pagina di grande emozione e verità. L’amore è possesso, nonostante tutto, e si vorrebbe che il nostro cuore battesse per sempre all’unisono con quello amato, in uno stesso ritmo, in un’unione che diventasse perfetta simbiosi. E l’amara consapevolezza che quel battito possa avere una vita propria è qualcosa che uccide lentamente. Un tarlo fecoce s’insinua con violenza. Allora meglio la lontananza e l’oblio. E nessuna spiegazione, nessuna parola sarebbe adeguata ad esprimere un così lancinante dolore.

    E comprendo bene quel muro di piccole cose apparentemente insignificanti che pian piano s’innalza fino ad apparire in tutta la sua dimensione. E’ la verità che si palesa cruenta davanti agli occhi, una verità dura come il cemento ed appuntita come spuntoni. Ma è tardi per qualunque rimpianto. Ed anche per ogni rimorso…

    Un racconto veramente intenso che coinvolge e rende partecipi di tanta sofferenza.

    Un abbraccio

    Maya    

  26. Isabel Cardoso dice:

    Ciao  per tutti … La pace di  Dio  sia con tutti  voi  !!!

    Stupenda storia , io   sono  in lacrime … Questa canzone aiuta  fare parte delle parole  che ora leggo  con cuore nella mano   come in ultimo  gioco  dell’ Italia … Ecco  ma che nervoso …

    Va ben , cuore è per questo  battere , UFFA !

    emoticon

  27. monica dice:

    sì lei pensa a lui..lei vive ..ma ogni volta che la mente lo porta da lui il respiro si ferma e per un’ attimo si ferma anche il suo cuore….

    Questo tuo scritto è bellissimo e struggente…mi si strozza in gola una lacrima….

    monica

  28. romina dice:

    davvero nn ho parole, ogni volta che leggo tra queste pagine virtuali il mio cuore vaga tra i miei sogni + segreti e profondi, quelli + belli! Complimenti anche per le musiche sempre azzeccatissime 🙂

  29. penelope dice:

    "Vivere tra i battiti del cuore di una donna che ami molto è bellissimo. Ti sembra di essere un tamburo e vibri ad ogni suo battito."

    Ma come fa la donna a cui hai dedicato queste parole a far battere il suo cuore per un altro

    E’ impossibile

  30. Ilaria dice:

    Bellissime parole, profonde verità…

    Niente da aggiungere…

    Un bacio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 Metti la spunta se vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento.
- Prima di inviare il commento puoi aggiungere una immagine: