Manuale di Mari, Petali rossi

Vestito rosso

 

Metti quel vestito
rosso sangue che sai tu
fallo semplicemente
come fa una donna che ama
vestiti di me
indossa calze nere
e stivali alti
dai corriamo
andiamo a ballare
stasera…
Non volevi andare a ballare?
lo fai sempre
balli tutto il tempo su quest’uomo
adesso non vuoi?

Prendi quella borsa strana
quella con mille pupazzi appesi
guarda tra loro…
Ci sono anch’io
Sono il più brutto di tutti
ma non puoi fare a meno di me
quando è più scura la notte
lì in fondo alla strada
non c’è nessuno
al di fuori di me
quest’ombra di uomo
che ti accompagni
con un abbraccio
in un dolce oblio…

© 2005 – 2016, Blog Manuale di Mari. Tutti i diritti riservati

Pubblicato da Robert

Robert, autore del Blog Manuale di MariPoesie e Storie d’amore e direttore editoriale del Portale Manuale di Mari. Ha ideato e lanciato nel 2005 il Concorso di Emozioni. Nello stesso anno ha creato il Blog degli Autori. Nel 2009 ha ideato e lanciato con Nicla Morletti la Fiera dei Libri on line.

15 pensieri su “Vestito rosso”

  1. monica dice:

    Bhè..sono velatamente commossa tu.."pupazzo brutto" No …non puoi esserlo con l’anima bella che ti ritrovi.

    Bellissimi versi belli perchè tristi belli perchè umili!

    grazie,grazie di avermela fatta leggere.

    monica 

  2. faberimaginis dice:

    il sottile gioco
    del compiacere l’altro
    nella tensione del conquistarsi
    reciprocità
    strategie di parole
    e immagine
    provocazione, affondi e ritirate
    piacere e dolore

    a la guerre comme a la guerre
    a l’amour comme a l’amour

  3. Ars dice:

    … la rabbia delle parole si stempera con la magia della musica e diviene sottile malinconia..
    Un abbraccio.
    Ars

  4. ladypantera dice:

    Grazie per la rosa. Accetto sempre con piacevole sorpresa dei fiori,se poi son cosi’ sensuali ancora meglio. E sorrido con un pizzico di malizia e curiosita’ se non conosco chi me li manda.

  5. lameghy dice:

    Grazie mille per essere passato. Bello il tuo blog!

  6. emanuela dice:

    io odio pensare in silenzio,sfogarmi sul blog mi aiuta

  7. Valentina dice:

    scusa se non sono più passata ma non riuscivo ad entrare nel tuo blog…non so perchè.cmq è bellisima..davvero…c’è un po’di amaro però in fondo…mi sbaglio?!?

  8. Luna del deserto dice:

    Ciaooooo,
    che piacere per me rileggerti.
    Splendida questa poesia, con il sottofondo musicale che hai scelto, mi ha lasciato senza fiato! 🙂
    Magico! ^__*

    Un abbraccio!

    Abbraccio ricambiato di cuore.

  9. Silvana dice:

    Bellissima la descrizione…come sempre non nascondi le tue emozioni, anche le più recondite.
    Spero che la tua sia solamente “vene poetica” e non frutto di una realtà che cerca amore.
    “amico di penna” come ti sei definito…sarebbe davvero consapevolezza masochista…amare senza essere ricambiato.
    Ciao Silvana

  10. Luley dice:

    Impressionante! Mi è piaciuta molto…ma dal punto di vista femminile…fino a pochi giorni fa ero io il pupazzo (pupazza????)…purtroppo..

  11. luna dice:

    quanta rabbia..rabbia di un uomo che vuol rivendicare la sua posizione…non esser pupazzo,ma burattinaio…

  12. Fabienne dice:

    Terribile!!!!! oggetto di una donna!!!, maiiiiiiiiii.
    A parte tutto, riesci sempre a esprimere con chiarezza e semplicità lo stato d’animo di chi ti legge…..un abbraccio da chi sempre ti segue.

  13. Eliselle dice:

    Anche la scelta dell’immagine è azzeccata.
    Buon week end 🙂

  14. maria dice:

    ci sento rabbia…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 Metti la spunta se vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento.
- Prima di inviare il commento puoi aggiungere una immagine: