A viso coperto di Riccardo Cazzaniga

Riccardo Gazzaniga è un poliziotto. Sa che cosa significa trovarsi in mezzo ai corpi che combattono e conosce la ferocia degli scontri allo stadio. Ma solo un vero scrittore, e lui lo è, poteva restituirci la frenesia convulsa di quegli attimi con esattezza disarmante e dare a questa materia il respiro e la forza di un romanzo. Vincitore del Premio Calvino 2012, Gazzaniga ci inchioda dentro i personaggi, nelle loro vite comuni dove i desideri si trasformano in delusioni e la fedeltà al gruppo può diventare cappio al collo. Attraverso i loro occhi di ultrà e celerini ci racconta il miscuglio di paura ed esaltazione, di odio e istinto di sopravvivenza che nella battaglia acceca ogni uomo.

Riccardo Gazzaniga
Ha 36 anni e vive a Genova. Sovrintendente della Polizia di Stato, lavora nella caserma di Bolzaneto.
Ha vinto la XXV edizione del Premio Italo Calvino.

A viso coperto
di Riccardo Gazzaniga
2013, 532 p., brossura
Einaudi
Ordina questo libro

Premio Letterario Internazionale Il Molinello
Il Molinello 2015 – Primo premio per la Narrativa Edita

5 Commenti

  1. Il coraggio, l’onore, la tenacia….quanti sentimenti pervadono chi come il protagonista ha scelto di incarnare l’ideale di giustizia….credo che nel testo si respirino questi importanti valori, quanto mai più necessariamente da percorrere per noi giovani…spero di poter leggere il prosieguo…

  2. Sembra che il libro sia colmo di sentimenti contrastanti rappresentativi di una umanità che ha sempre più paura di mostrare la sua parte migliore e si difende divenendo apparentemente forte in questi incontri feroci.

  3. Appena ho letto l’anteprima di presentazione questo libro mi ha incuriosito molto. Sarebbe interessante leggerlo e capire il punto di vista dell’autore, dovuto anche al lavoro delicato che svolge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

 Metti la spunta se vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento.

- Aggiungi una immagine -