domenica, Ottobre 25, 2020
Home Poesia Poesia - Novità Accanto a un bicchiere di vino. Antologia della poesia da Li Po...

Accanto a un bicchiere di vino. Antologia della poesia da Li Po a Rino Gaetano di Piero Buscemi

-

Accanto a un bicchiere di vino. Antologia della poesia da Li Po a Rino Gaetano di Piero Buscemi

Accanto a un bicchiere di vino, di Piero Buscemi – antologia della poesia da Li Po a Rino Gaetano -, raccoglie 174 autori. Nata come rubrica settimanale all’interno di www.girodivite.it tra il 2011 e il 2015, una poesia e un autore alla settimana, accoglie non solo poeti occidentali o provenienti dal mondo tradizionale della “poesia di carta”. Il gusto e la scelta sono ben più vasti, fanno rientrare nella poesia e all’attenzione dei lettori contemporanei, poeti africani e latino-americani, poeti dialettali, e cantautori: un abbraccio universale e “laico” (dal punto di vista dei media), controcorrente e coraggioso che è stato molto apprezzato dai lettori online della rubrica, e che ora qui si ripropone in forma di libro. Il titolo dell’antologia fa riferimento al titolo di una poesia della poetessa polacca Wislawa Szymborska.

Anteprima del libro

Francesco Guccini

Le stragi nel Mediterraneo non annullano soltanto un sogno di libertà, o d’illusione. Col tempo, stanno cancellando un ricordo di coscienza.
mercoledì 22 aprile 2015, di Piero Buscemi

Amerigo

Probabilmente uscì chiudendo dietro a sé
la porta verde.
Qualcuno si era alzato a preparargli in fretta
un caffè d’orzo.
Non so se si girò, non era il tipo d’uomo
che si perde
in nostalgie da ricchi, e andò per la sua strada
senza sforzo.

Quand’io l’ho conosciuto, o inizio a ricordarlo,
era già vecchio
o così a me sembrava, ma allora non andavo
ancora a scuola
colpiva il cranio raso e un misterioso e
strano suo apparecchio
un cinto d’ernia che sembrava una fondina
per la pistola
ma quel mattino aveva il viso dei vent’anni
senza rughe
e rabbia ed avventura e ancora vaghe
idee di socialismo.

Parole dure al padre e dietro tradizione
di fame e fughe
e per il suo lavoro, quello che schianta
e uccide: il fatalismo.
Ma quel mattino aveva quel sentimento nuovo
per casa e madre
e per scacciarlo aveva in corpo il primo vino
di una cantina
e già sentiva in faccia l’odore d’olio e mare
che fa Le Havre
e già sentiva in bocca l’odore della polvere
della mina.

L’America era allora, per me i G.I. di Roosvelt
la quinta armata l’America era Atlantide, l’America era il cuore,
era il destino
l’America era Life, sorrisi e denti bianchi
su patinata
l’America era il mondo sognante
e misterioso di Paperino
l’America era allora per me provincia
dolce mondo di pace
perduto un paradiso, malinconia sottile,
nevrosi lenta
e Gunga-Din e Ringo, gli eroi di Casablanca
e di Fort Apache
un sogno lungo il suono continuo e ossessivo
che fa il Limentra.

Non so come la vide quando la nave
offrì New York vicino
dei grattacieli il bosco, città di feci e strade,
urla, castello!
E Pàvana un ricordo lasciata tra
i castagni dell’Appennino
l’inglese un suono strano che lo feriva al cuore
come un coltello
e fu lavoro e sangue, e fu fatica uguale
mattino e sera
per anni da prigione, di birra e di puttane,
di giorni duri
di negri ed irlandesi, polacchi ed italiani,
nella miniera
sudore d’antracite, in Pennsylvania, Arkansas,
Tex, Missouri.

Tornò come fan molti, due soldi e
giovinezza ormai finita.
L’America era un angolo, l’America era un’ombra
nebbia sottile
l’America era un’ernia, un gioco di quei tanti
che fa la vita
e dire boss per capo, e ton per tonnellata,
rifle per fucile.
Quand’io l’ho conosciuto, o inizio a ricordarlo,
era già vecchio
sprezzante con i giovani, gli scivolavo accanto
senza afferrarlo
e non capivo che quell’uomo era il mio volto,
era il mio specchio
finché non verrà il tempo in faccia a tutto il mondo
per rincontrarlo.

“…Finché non verrà il tempo in faccia a tutto il mondo/per rincontrarlo“, sono i versi finali di questa canzone che Guccini ripete tre volte nel finale nella versione cantata. Quando fu inserita nell’album omonimo, uscito nel 1978, era già un messaggio per le generazioni successive, dopo che anch’egli aveva attinto dal passato un’altra storia di migrazioni. Oggi, difficilmente con il ritorno citato nelle parole del cantautore.

E si potrebbero ricordare cronache, più o meno dimenticate, alcune lasciate nell’oblio di un mondo che prova a dare le risposte a domande che non sa più porsi. Si potrebbero citare film, libri, altre poesie di chi ha visto un aspetto cosmopolita del mondo che a molti, in questi tempi, sembra sfuggire.

Perché ci si appropria di un diritto di appartenenza, del quale solo una casualità ha stabilito una latitudine dove collocarlo. Ci si arrocca dietro ideologie, presunzioni, detenzioni di verità assolute, dentro le quali la vita umana vale meno di un oggetto galleggiante che “oltraggia” il nostro consumismo e i sensi di colpa.

Non si perde neanche il tempo per approfondire quanto una sommaria e oculata informazione ci crea intorno al nostro mondo, dove vorremmo rifugiarci per sempre e custodire un oltraggio all’immortalità. Quasi a proteggere un mito culturale che, in altre occasioni, abbiamo cancellato senza ritegno, e adesso rivendichiamo scandalizzati da invasioni culturali che ci ostiniamo a separare da un unico passato.

Qualcosa sta cambiando dentro le sicumere delle nostre vite, in quelle degli altri, in quelle che preferiamo ignorare illudendoci che non si debbano mischiare alle nostre. Ma non abbiamo alcun potere per controllare e modificare quanto accade intorno a noi, se non ci soffermeremo a cercare ostinatamente il rovescio della medaglia di quanto ruota attorno al nostro vissuto, che sentiamo minacciato.

Se non prendiamo a prestito quel verso di Guccini “…e non capivo che quell’uomo/era il mio volto/era il mio specchio” per trasformarlo in chiave di lettura del nostro destino.

Accanto a un bicchiere di vino.
Antologia della poesia da Li Po a Rino Gaetano
di Piero Buscemi
2016, 375 p.
ZeroBook

7 Commenti

  1. Balzo al cuore…estratto di Guccini, il mio cantautore preferito. E poi condivido in pieno questa visione ampia della poesia. Vorrei davvero poterlo leggere!

  2. Un bicchiere di emozioni , un bicchiere di versi per assaporare l’incanto di una sensibilita’ che attraverso le parole
    donano un viaggio imperdibile. Spero di poter leggere presto il suo libro , le auguro un meraviglioso inizio e tanta
    fortuna .
    Mariliana

  3. Questo libro cattura subito l’attenzione dal titolo. Infatti è la prima cosa che mi ha spinto a saperne di più. Sono rimasta piacevolmente colpita nello scoprire che si tratta di un’antologia di poesie che dall’anteprima sembra essere ben curata e ricercata, cosa che non è facile trovare. Non so se ne do una giusta lettura ma a me “Accanto a un bicchiere di vino” ha trasmesso un voler far sentire compagni di avventura tutti gli autori menzionati, renderli parte integrante della propria vita cogliendo da tutti loro gocce di sentimenti ed emozioni che vanno a colmare la psiche del lettore.
    Mi piacerebbe proprio avere l’opportunità di leggere quest’antologia.

      • Gentile Piero,
        La ringrazio, non vedo l’ora di leggerlo.
        La informo che la redazione dovrebbe già avere il mio indirizzo dal momento che lo avevo indicato nell’apposito form.
        Un cordiale saluto,
        Valentina

  4. Ti ringrazio per le parole sulla fiducia e non appena avrò il tuo indirizzo, sarò lieto di regalartene una copia.
    P.Buscemi

  5. ” Accanto a un bicchiere di vino ” la poesia si costruisce nella sua anima più profonda, dando empiti di magia. E Buscemi , scorrendo i versi degli autori più diversi, ci offre un’ antologia poliedrica e ricca di notizie e di versi.
    Un libro impossibile da perdere. Che spero di ricevere per un commento adeguato.
    Grazie.
    Gaetano

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

 Metti la spunta se vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento.

- Aggiungi una immagine -

Commenti recenti

FIERA DEI LIBRI ON LINE

Panico a Milano di Gino Marchitelli

Panico a Milano di Gino Marchitelli. La terza indagine del professor Moreno Palermo: dal lago Maggiore a Lambrate una serie di delitti collegati a un crimine del 1943.

La traccia del pescatore di Roberta Castelli

La traccia del pescatore di Roberta Castelli è un romanzo giallo ambientato in Sicilia, nell'immaginaria cittadina di Lachea, con protagonista il commissario Angelo Vanedda.

Enne di Piero Buscemi

Enne di Piero Buscemi è uno sorta di diario intimo, come lo definisce l'autore, della quarantena conseguente all'esplosione della pandemia di COVID-19.

Cercando le cose di lassù di Paola Zugna

Cercando le cose di lassù di Paola Zugna è un testamento autobiografico fedele nella verità dei primi quaranta anni di vita dell'autrice.

L’eredità dei vivi di Federica Sgaggio

L’eredità dei vivi di Federica Sgaggio è la storia di una donna, di una famiglia, ed è un romanzo politico, se politica è la lotta da combattere per attraversare i cambiamenti, per godere dei propri diritti, per avere la vita che si desidera avere.

Il professore di italiano di Marcello Signorini

Bellissima storia d'amore tra un professore liceale quasi sessantenne e una bella ragazza ventenne, raccontata dall'autore con delicatezza e sottigliezza psicologica.

Un nuovo inizio di Arianna Capogrossi

Un viaggio interiore della protagonista, proprio a cavallo del lockdown, tra ostacoli da superare, paure, incertezze e nuovi amori, porterà all'acquisizione di nuove consapevolezze e alla riscoperta di sé stessa.

Il collegio dei segreti di Paolo Arigotti

È esistita una resistenza tedesca contro il nazismo? Se si, chi furono coloro che trovarono il coraggio di opporsi, spesso a rischio della vita propria e dei familiari? A queste domande risponde il romanzo storico di Paolo Arigotti.

Liceo a Luci Rosse di Paola Lena

Una storia che fa riflettere e che accende mille campanelli di allarme; una storia che, nella sua folle assurdità, risulta essere purtroppo possibile e fin troppo reale.

BeatriX di Cristiano Venturelli

Quale potere è racchiuso in uno sguardo? Secondo gli antichi, lo sguardo, quando ha raggiunto tutta la forza di penetrazione e di influenza di cui è capace, diventa un'arma terribile.

NEWSLETTER MANUALE DI MARI