sabato, Ottobre 24, 2020
Home Narrativa Inediti Ada e la scrittrice di Angela Andreini

Ada e la scrittrice di Angela Andreini

-

Il commento di Nicla Morletti

Ada e la scrittrice di Angela Andreini“Per scrivere un buon libro e dare vita ai personaggi che non siano solo dei nomi scritti in nero su bianco, ma che abbiano anche qualcosa di reale, oltre a ricorrere alla vostra fantasia e creatività, dovete farli agire come se fossero persone che state osservando, persone in carne ed ossa… Per descrivere un’azione di un vostro personaggio in una data situazione, dovete chiedervi come vi comportereste voi in quella stessa situazione…” Così spiega la scrittrice Nives, protagonista del romanzo, agli alunni del suo corso di scrittura creativa.
L’autrice Angela Andreini, brillante studentessa di soli ventidue anni, che frequenta la facoltà di Lettere dell’Università di Pisa, è stata per me una vera e propria rivelazione. “Ada e la scrittrice” è un romanzo completo, ben dettagliato, discreto e attento. Una storia incentrata sul disagio e solitudine dei giovani, sul disamore, sull’abbandono e indifferenza da parte della famiglia che, in questo caso, è cieca, sorda e non crede ai sogni, non conosce affetto, né amore, ma è incentrata esclusivamente sul potere del materialismo e del denaro. Null’altro. Non una carezza, né una tenerezza, nessuna parola buona, piuttosto violenza fisica e verbale nei riguardi della giovanissima figlia. Ada, la nostra eroina, così mi piace definirla, è un personaggio che ti cattura subito il cuore. Tredicenne dolce e amabile dai grandi occhi marroni, sogna di diventare scrittrice. Il suo mito, invece di un cantante o un divo di Hollywood, è Nives Nicolai una delle autrici più lette del periodo. La fanciulla vorrebbe diventare come lei, peccato però che i suoi genitori non siano d’accordo. Il padre Antonio e la madre Luisa insieme ai fratelli maggiori lavorano nelle acciaierie e tutti appaiono freddi e insensibili come “ingranaggi di un gigantesco meccanismo, il meccanismo dello squallore e della miseria della povera vita di periferia”.
Riuscirà la nostra Ada a coronare il suo sogno pur vivendo in un mondo che uccide qualsiasi aspirazione? Angela Andreini con questo significativo e attuale romanzo dimostra di avere talento e creatività. E una buona dose di umanità. Tutto ha ritmo nella narrazione e ciascun personaggio colpisce il lettore per la propria specificità e particolarità tanto che è difficile poter interrompere la lettura. Si possono scrivere o leggere infinite storie e nessuna di esse può rimanere in mente, magari qualcuna può farlo solo per poche ore. Questa di “Ada e la scrittrice” no, si fa ricordare per la profondità di sentimenti e situazioni. E come negli scritti di Charles Perrault, trionfano la bontà, la purezza, il desiderio di riscattarsi, la forza di volontà che nasce dalla solitudine, dall’abbandono. Dalla disperazione. Come negli scritti di Charles Perrault periscono gli inetti e i miserabili, gli uomini di cattiva volontà.

ADA E LA SCRITTRICE
di Angela Andreini

Inedito

2011
Leggi anteprima nel Blog degli Autori

Angela Andreini, ha 22 anni, frequenta la facoltà di Lettere dell’Università di Pisa. Da circa due anni si cimenta sulla scrittura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

 Metti la spunta se vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento.

- Aggiungi una immagine -

Commenti recenti

FIERA DEI LIBRI ON LINE

Panico a Milano di Gino Marchitelli

Panico a Milano di Gino Marchitelli. La terza indagine del professor Moreno Palermo: dal lago Maggiore a Lambrate una serie di delitti collegati a un crimine del 1943.

La traccia del pescatore di Roberta Castelli

La traccia del pescatore di Roberta Castelli è un romanzo giallo ambientato in Sicilia, nell'immaginaria cittadina di Lachea, con protagonista il commissario Angelo Vanedda.

Enne di Piero Buscemi

Enne di Piero Buscemi è uno sorta di diario intimo, come lo definisce l'autore, della quarantena conseguente all'esplosione della pandemia di COVID-19.

Cercando le cose di lassù di Paola Zugna

Cercando le cose di lassù di Paola Zugna è un testamento autobiografico fedele nella verità dei primi quaranta anni di vita dell'autrice.

L’eredità dei vivi di Federica Sgaggio

L’eredità dei vivi di Federica Sgaggio è la storia di una donna, di una famiglia, ed è un romanzo politico, se politica è la lotta da combattere per attraversare i cambiamenti, per godere dei propri diritti, per avere la vita che si desidera avere.

Il professore di italiano di Marcello Signorini

Bellissima storia d'amore tra un professore liceale quasi sessantenne e una bella ragazza ventenne, raccontata dall'autore con delicatezza e sottigliezza psicologica.

Un nuovo inizio di Arianna Capogrossi

Un viaggio interiore della protagonista, proprio a cavallo del lockdown, tra ostacoli da superare, paure, incertezze e nuovi amori, porterà all'acquisizione di nuove consapevolezze e alla riscoperta di sé stessa.

Il collegio dei segreti di Paolo Arigotti

È esistita una resistenza tedesca contro il nazismo? Se si, chi furono coloro che trovarono il coraggio di opporsi, spesso a rischio della vita propria e dei familiari? A queste domande risponde il romanzo storico di Paolo Arigotti.

Liceo a Luci Rosse di Paola Lena

Una storia che fa riflettere e che accende mille campanelli di allarme; una storia che, nella sua folle assurdità, risulta essere purtroppo possibile e fin troppo reale.

BeatriX di Cristiano Venturelli

Quale potere è racchiuso in uno sguardo? Secondo gli antichi, lo sguardo, quando ha raggiunto tutta la forza di penetrazione e di influenza di cui è capace, diventa un'arma terribile.

NEWSLETTER MANUALE DI MARI