La recensione di Nicla Morletti

Chiudi gli occhi di Silvana Giacobini Affascinante, nella narrazione dei fatti e nella descrizione di personaggi e storie, questo romanzo di Silvana Giacobini. Bellissimo il prologo: Palestrina, 1535, con la giovane e dolcissima Livia che si gode una passeggiata tra cespugli di roselline selvatiche, mentre sogna il suo cavaliere, il Principe Marzio Colonna. E tutto è bello attorno. Anche le mura del castello, fino a quando una mano d’acciaio, all’improvviso, le cala sul volto impedendole di vedere. I rapitori sbucati dai cespugli, la trascinano via, lontano dal suo sogno. Un libro ricco di colpi di scena, una trama ben costruita, stile fluido. Interessanti i personaggi: una giovane giornalista televisiva che possiede il dono e vede con gli occhi della mente, una dama del passato, una donna in pericolo, il mondo del mistero. Tutto cattura, in queste pagine. Tutto affascina. Al lettore la sorpresa di un finale inaspettato…

PRIMO PREMIO NARRATIVA EDITA
“IL MOLINELLO” 2008

CHIUDI GLI OCCHI
di Silvana Giacobini

Cairo Publishing
Collana Scrittori italiani
2007, 479 p.
Per ordinare il libro clicca qui

 

Salvala.
Una donna che viene dal passato affida questo messaggio a una giovane giornalista televisiva in carriera.
Ma chi dev’essere salvata?
Come fermare la corsa del tempo per impedire alle forze del Male di portare a compimento un destino scritto da secoli?
Una giovane giornalista televisiva, Chiara Bonelli, possiede il Dono. Quando da bambina vedeva cose che gli altri non vedevano, la madre le diceva: “Chiudi gli occhi, vedrai che spariranno”.
Però con gli occhi della mente Chiara ha continuato a vedere ciò che le persone e i luoghi nascondono, soprattutto se hanno conosciuto il dolore, se hanno ospitato la morte.
Un giorno, tra le mura di un antico palazzo nobiliare fuori Roma, le appare una Dama misteriosa. In un lontanissimo passato ha subito una morte violenta; ma la Dama non chiede vendetta per sé, è ambasciatrice di un importante messaggio: la vita di una donna è in pericolo. Chiara deve trovarla, salvarla, non c’è tempo.
La giornalista deve vincere la paura, non può sottrarsi a una responsabilità così grande sapendo che l’esistenza di un’innocente è nelle sue mani.
Improvvisamente, il figlio di un’amica scompare nel nulla. Forse Chiara può essere utile: ma come comandare quelle visioni veloci e travolgenti come febbri? Come aiutare l’amica e al tempo stesso fermare il conto alla rovescia per quella vittima ancora senza volto?
In una trama che intreccia la vera storia di Livia Colonna della Rovere e una vicenda odierna in cui si muove anche il jet set internazionale con le sue ville favolose e i party per le star hollywoodiane, si aprono scenari di cruente lotte di potere nella Roma del Cinquecento, di giochi pericolosi del nostro tempo che coinvolgono finanzieri senza scrupoli e giovani in cerca di se stessi. Passione e odio, violenza e culti diabolici, Storia e mistero sono al cuore del nuovo romanzo di Silvana Giacobini, che si consacra a tutti gli effetti come la regina della suspense al femminile.

Silvana Giacobini, romana di nascita e milanese di adozione, è sposata e ha una figlia. È stata direttore di Gioia, ha progettato e diretto Chi, e attualmente dirige Diva e donna, che ha ideato per Cairo Editore. Ha collaborato inoltre con vari quotidiani e condotto trasmissioni per la Rai e per Mediaset. Ha scritto i romanzi “La signora della città” e “Un bacio nel buio” (Mondadori, 1994 e 1999), da cui sono stati tratti gli omonimi film per la tv; i ritratti di personaggi famosi “Celebrità” (Mondadori, 2001); il romanzo breve “Diana, l’ultimo addio” (apparso a puntate su II Resto del Carlino, La Nazione, II Giorno) e la raccolta di poesie “I fiori sul parabrezza” (Rai-Eri, 2003).

 

GUARDA L’INTERVISTA PRESENTE TRA I VIDEO ON DEMAND DI MANUALE DI MARI WEB TV: CLICCA QUI.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

 Metti la spunta se vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento.

- Aggiungi una immagine -