Contrappunti di Federica Castellini e Fabio Fracas

“La poesia ci salverà” diceva Giorgio Saviane. “La poesia, proprio come la scienza, cerca di placare la sete di conoscenza dell’uomo. Ma da un altro punto di vista: quello dei sentimenti e delle emozioni” scrivono Federica Castellini e Fabio Fracas, per poi proseguire: “Il poeta non si domanda quali leggi fisiche regolino l’universo. Semplicemente contempla il firmamento e cerca di interpretarne i messaggi… E la luce che lo colpisce gli dà gioia. E lo farà per sempre.” Messaggio stupendo e veritiero.
“Contrappunti” è un florilegio di poesie, di versi sciolti in rime armoniose e suadenti. E’ un miracolo di vita che alla vita si accosta in straordinarie effigi di pensiero e rime, note musicali nello spazio del firmamento e nella mente di chi legge.
Versi sbocciati dal profondo dell’animo, suadenti e densi di pàthos, assumono una tonalità appassionata arricchita da vivide immagini. La duttilità espressiva degli autori racchiude sia riflessi di vita vissuta, sia aneliti di profondo amore che si estrinsecano in una sequenza di note cadenti e vibranti. Una poesia che affascina, dunque, per il suo trasporto e il suo candore e che si avvale del sentimento per concludere il suo discorso poetico che va ad arricchire sicuramente la miglior poesia contemporanea. Nicla Morletti

Anteprima del libro

Amami

Amami
oltre ogni confine.

Amami
nell’eterna caduta.

Amami
ogni istante che
ci scivola
tra le dita.

Un altro giorno
va disfacendosi
senza il nostro
stare insieme.

Amami
dietro gli orizzonti
in questo
immane silenzio.

***

Cerco

Cerco
la purezza del ruscello
nato dall’immacolata neve
sciolta ai raggi di febbraio.

Cerco
il fresco sorso di sorgente
al mattino, nell’aria frizzante.

Non desidero.
Sento il tepore del sole
che illumina il cielo.

Terso.

***

L’attesa

Pensavo arrivassi
nella notte squarciata
dai rintocchi della luna
quando il suono delle stelle
doma le luci fredde della città.
Ti aspettavo in un letto di piuma
per leggere la trama del vento,
e scioglierne i nodi.
Anche il filo del sogno
si domanda:
hai dimenticato il mio nome?

Quando dalla strada
scompaiono le illusioni,
quando l’alba mostra
solo ciò che esiste davvero
nulla rimane dell’eco
della notte, solo un respiro
vibrato tra i denti,
un affanno lento
dietro una canzone
dell’estate.

***
Contrappunti
di Federica Castellini e Fabio Fracas
dbooks, 2013 – pag. 94

Federica Castellini

Federica Castellini, nata e cresciuta a Padova, città dove attualmente vive, ha pubblicato due raccolte di racconti, a cura dell’editore Firenze Libri: La gara e Vendette e tempeste. Ha lavorato al catalogo del pittore padovano Mauro Bazza, aggiungendo proprie poe­sie accanto alle sue opere, e sue composizioni sono state inserite in varie antolo­gie collettive. Nel 2004 ha fondato, con Fabio Fracas, la scuola di narratologia MacAdam – MacAdemia di Scritture e Letture dove attualmente insegna fondamenti di scrittura e tecnica poetica.
Fabio Fracas, nato a Sestino nel 1967 vive attualmente a Padova. Autore, editor, poeta e giorna­lista si occupa di letteratura dai 1988 e ha pubblicato sia opere di poesia: Lunghi viaggi in spazi brevi (dbooks.it 2010); sia testi d’avventura e libri gioco: L’ulti­mo drago (Nexus Editore, 1996), Minaccia su Gorm (De Agostini, 2009), Tutto Planet 51 (De Agostini, 2010); sia racconti: Mezze stagioni (Il giallo Mondadori, 2010); sia fumetti: Arthin (Stratelibri, 2007); sia, infine, opere per il teatro La cena dei serpenti – con David Conati – (2006) e Un lavoro pulito con I MacAdemici (2009). Ha ricevuto vari premi letterari e riconoscimenti: 1998, vincitore del “Con­corso letterario nazionale Arci”; 1999, vincitore del “Miglior gioco italiano al Best of Show, Lucca Games”; 2004, vincitore del “Premio nazionale Rolando Editore, Premio Partenope per la narrativa”; 2004, segnalato al “Premio nazionale di poe­sia Tina Accardi”.
Ha pubblicato propri testi anche in raccolte collettive sia di prosa sia di poesia. Nel 2004, assieme alla poetessa padovana Federica Castellini, ha fondato la scuola di scrittura MacAdam – MacAdemia di Scritture e Letture di Fabio Fracas. Attualmente collabora con varie testate giornalistiche, pubblica per diverse case editrici italiane e affianca al lavoro autoriale quello come editor e traduttore, dall’inglese e dal tedesco.

Guarda tutti gli articoli

2 Commenti

  1. Davvero dei versi colmi di pathos, di attesa..che mettono in luce la voglia di vivere e di amarsi, in quest’universo descritto sapientemente..
    complimenti agli autori..

  2. Questa e’ una bella novita’ :
    poesia a due cuori, d’ alta qualita’.
    E’ una somma di emozioni,
    si moltiplican le sensazioni :
    questi versi son gocce d’ oro,
    mescolati col verde dell’ alloro.
    Federica e Fabio insieme,
    come a due assi si conviene,
    raccontan la vita segreta
    che in ognun , ritorta, s’ acquieta.
    E le parole acquistano un significato
    da nessun sinora svelato ;
    questa e’ vera poesia,
    ci conduce e ci llumina oer via,
    e noi siam lieti di assaporare
    un capolavoro di stile esemplare.
    Complimenti dunque a Fabio e Federica,
    presto la fama vi sara’ amica.

    Gaetano

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

 Metti la spunta se vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento.

- Aggiungi una immagine -