domenica, 26 Maggio 2024
HomeNarrativaAutori italianiDove non mi hai portata di Maria Grazia Calandrone

Dove non mi hai portata di Maria Grazia Calandrone

-

Dove non mi hai portata di Maria Grazia Calandrone

Dove non mi hai portata di Maria Grazia Calandrone, edito da Einaudi e presentato da Franco Buffoni, è nella cinquina dei finalisti del Premio Strega 2023

Dove non mi hai portata di Maria Grazia Calandrone, l’autrice, ben nota da decenni come indiscutibile voce poetica, non solo conferma le qualità di narratrice di razza (…), ma le corrobora con una magistrale ricostruzione storica dell’Italia degli anni Cinquanta e Sessanta” (Franco Buffoni)

Nel 1965, una coppia abbandona la loro figlia di otto mesi nel parco di Villa Borghese e poi compiono un gesto estremo. Nel 2021, quella bambina abbandonata, Maria Grazia Calandrone, torna nei luoghi in cui sua madre ha vissuto, sofferto, lavorato e amato, determinata a scoprire la verità. Il libro racconta la sua storia di indagine emotiva e sentimentale attraverso lo specchio del tempo, illuminando una scheggia di storia d’Italia e le vite interrotte delle donne. Lucia e Giuseppe, la coppia che ha abbandonato la bambina, sono innamorati ma inquieti a causa della situazione in cui si trovano. Lucia è fuggita da un marito violento e ha tentato di costruirsi una nuova vita con Giuseppe. Tuttavia, secondo la legge dell’epoca, la donna si è macchiata di gravi reati, tra cui relazione adulterina e abbandono del tetto coniugale. Prima di morire in circostanze misteriose, la coppia lascia la bambina su un prato di Villa Borghese, confidando nel fatto che qualcuno si prenderà cura di lei. Più di cinquant’anni dopo, Maria Grazia Calandrone si mette in viaggio per ricostruire quello che è successo ai suoi genitori. Attraverso la ricostruzione della sequenza dei movimenti di Lucia e Giuseppe, l’enumerazione degli oggetti abbandonati dietro di loro, e la ricerca di informazioni sul tempo che impiega un corpo per morire in acqua e sul funzionamento delle poste nel 1965, Maria Grazia Calandrone cerca di capire quando e dove i suoi genitori abbiano spedito la lettera a “l’Unità” in cui spiegavano con poche parole il loro gesto. Il libro esplora la storia dei genitori di Maria Grazia Calandrone attraverso gli articoli di cronaca dell’epoca, facendo emergere il ritratto di un’Italia stanca di guerra ma non di regole coercitive, che ha spinto una donna forte e vitale a sentirsi smarrita e senza vie di fuga, fino a pagare con la vita la sua scelta d’amore.

L’autrice

Maria Grazia Calandrone è poetessa, scrittrice, giornalista, drammaturga, artista visiva, autrice e conduttrice per la Rai. Scrive per il «Corriere della Sera» e tiene laboratori di poesia nelle scuole e nelle carceri. Con i suoi libri di poesia ha vinto importanti premi. La sua ultima opera, Splendi come vita (Ponte alle Grazie 2021), è entrata nella dozzina del Premio Strega. Per Einaudi ha pubblicato Dove non mi hai portata (2022).

Leggi anteprima nella libreria Amazon

Dove non mi hai portata
di Maria Grazia Calandrone
Editore: Einaudi (18 ottobre 2022)
Copertina rigida: ‎256 pagine

FIERA DEI LIBRI ON LINE

LIBRI IN OMAGGIO! Per ricevere copie omaggio dei libri che commenti iscriviti alla Newsletter dei Lettori inserendo il tuo indirizzo postale completo di nome e cognome del destinatario.

23 Commenti

0 0 votes
Rating Articolo
Notifiche
Notificami
guest

23 Commenti
Più recenti
Più vecchi Più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Flo
Flo
6 mesi fa

Raccogliere insegnamenti tra le vicende della Roma d’oro degli anni 50-60… un presupposto davvero affascinante: gli anni che sembravano difficili ci hanno riservato molte caratteristiche irripetibili, che ci hanno segnati per gli anni a venire.
Un romanzo che fa fare un tuffo negli anni piu’ belli, e che ci regala il disegno di un percorso di vita, per capire da dove siamo partiti e fin dove potremo arrivare.

chiara
chiara
8 mesi fa

Un fatto di cronaca che ammetto non di non conoscere o ricordare…ecco perchè vale la pena di leggere il libro, non fosse altro perchè nonostante il tempo passi gli errori e talvolta orrori troppo spesso si ripetono.

Rebecca
9 mesi fa

Trama molto intrigante, sicuramente capace di smuovere tenerezza e tristezza nei confronti della protagonista. Mi piacerebbe molto leggerlo e recensirlo!

Sara
Sara
10 mesi fa

La vita passata unita a quella presente attraverso i gesti e le memorie di una ragazza alla ricerca delle sue radici…

Chiara
Chiara
10 mesi fa

Il mio voto per questo libro per 5 Libri nel mare del web.

Una scrittrice che conosco ed ogni volta che la sento parlare di un suo libro mi affascina e mi incuriosisce, spero di poter leggere il suo libro.

Valeria
10 mesi fa

Ho sentito parlare di questo libro e mi sono incuriosita. Spero di poterlo leggere perché le storie come quelle della Calandrone stimolano la mia voglia di conoscere storie reali di persone che hanno gioito, sofferto e lottato per la propria vita.

Valentina Pisano
Valentina Pisano
10 mesi fa

Il mio voto per questo libro per 5 Libri nei mari del web

elisa Albano
elisa Albano
10 mesi fa

Il mio voto per questo libro per 5 libri nei mari del web

Anna Grazia
Anna Grazia
10 mesi fa

“Il mio voto per questo libro per 5 Libri nei mari del web”
Sono stata attratta dal titolo di questo libro senza sapere che fosse autobiografico, genere che adoro. La trama è molto interessante, chiamarla trama in realtà non mi sembra adatto … visto che è una storia di vita che riporta il lettore in un contesto storico un po’ chiuso. Sarebbe bello leggerlo e confrontarli con la realtà odierna. Forse oggi non si abbandonano più i bambini come una volta, ma davvero le cose sono cambiate e le mentalità si sono aperte?

ANTONIO DE SANTANNA
ANTONIO DE SANTANNA
10 mesi fa

Un fatto di cronaca. Una trama avvincente. Una storia dell’Italia bacchettona e baciapile che non sa cosa vuol dire avere un’anima e confonde il vero amore con le preghiere recitate in fretta la domenica per cancellare il falso senso del peccato che si porta inesorabilmente dietro.
Il vero peccato è lasciar annegare un sentimento come l’amore nella corrente impetuosa del giudizio e dell’ignoranza.

francesca martino
francesca martino
11 mesi fa

argomento toccante e molto importante , l’amore delle volte puo condizionare la nostra vita per sempre .

Anna Maria Refano
11 mesi fa

Credo sia difficile per una persona accettare un passato cosi misterioso senza sapere, conoscere…ed e’ forse questo che spinge alla ricerca della verità…per trovare un po’ di se stessi, per poter capire, per poter andare avanti senza quel tarlo che fa fermare a pensare…

Maria
Maria
11 mesi fa

Veramente molto intensa la trama, e sapere che l’autrice ripercorre in prima persona un mistero che la riguarda personalmente, mi fa venire la pelle d’oca. Sembra tanto lontana l’Italia che viveva su regole rigide e stereotipi, ma chissà se è veramente così. Affrontare questo viaggio insieme all’autrice sarebbe meraviglioso.

ANNA NENCI
1 anno fa

Adoro il genere di storie dove si ripercorrono negli anni vite vissute, emozioni,una parte di storia che emoziona, catapultandomi in un periodo lontano ma cosi’ vivo.

Federica
Federica
1 anno fa

L’anteprima mi ha colpita molto, come Maria Grazia, vorrei conoscere più a fondo le ragioni per cui Lucia e Giuseppe l’abbiamo abbandonata da neonata. Mi interessa moltissimo come siano stati utilizzati gli articoli di cronaca del tempo all’interno del romanzo, spero si poter approfondire questa lettura.

Fatima
1 anno fa

Un’anteprima molto interessante e che mi ha fatto venire la pelle d’oca. Non deve essere stato semplice per l’autrice, in quanto protagonista, ripercorrere la vita dei suoi genitori e scoprire che erano, perché l’hanno abbandonata e quali sono state le circostanze che li hanno portati a fare alcune scelte nella loro vita. Vorrei tanto poter leggere la storia di Maria Grazia, di poterla (in un certo modo) accompagnare in questo viaggio alla scoperta della sua famiglia e di addentrarmi nella sua vita, capire le sue emozioni e come certe scelte l’abbiano portata ad essere la donna che è oggi.

Valentina
1 anno fa

Una storia piena di pathos che fa rivivere uno spaccato di vita che sembra lontano. Due genitori che fanno una scelta difficile e una bambina ormai grande che cerca di rimettere insieme il puzzle della sua vita.
Tematica davvero molto interessante che fa riflettere.

Anna Maria
Anna Maria
1 anno fa

Un libro che già dalle poche righe introduttive mi fa riflettere e sentire i brividi lungo la schiena. Non sarà stato facile per Maria Grazia ripercorrere le sofferenze dei suoi genitori e ciò che questo ha comportato sulla propria vita.
Mi piacerebbe molto poter conoscere la sua storia, viverla attraverso i suoi occhi, le sue emozioni, le sue sensazioni.

ELENA B.
ELENA B.
1 anno fa

Un libro dalla bella copertina (mi piacciono le foto in bianco e nero) ed un titolo accattivante.
L’anteprima invoglia alla lettura, sia per la tematica che per lo stile narrativo.
Sarei felice di poterne approfondire la lettura.

Anna
Anna
1 anno fa

Bello questo argomento, mi piace il tema della ricerca che Maria Grazia compie partendo dagli oggetti che possiede. Mi piacerebbe leggerlo.

Rossana
Rossana
1 anno fa

Storia d’amore coinvolgente ma tormentato dalla paura dell’opinione pubblica. Mi piacerebbe leggere questo libro.

Vanessa.Dt
1 anno fa

Un’anteprima toccante e coinvolgente, sicuramente la storia di Lucia e Giuseppe non è stata facile e altrettanto la scelta di lasciare Maria Grazia. La vita è costituita da una concatenazione di eventi, difficili da poter controllare. Spero di poter approfondire la storia di Maria Grazia e la sua ricerca, grazie agli oggetti abbandonati dai propri genitori.

Maria Rosa Guzzetti
Maria Rosa Guzzetti
1 anno fa

Molto interessante l’argomento trattato- molto veritiero se si pensa che negli anni passati non si poteva lasciare il tetto coniugale- si guardava molto a quello che la gente poteva pensare e dire (era un disonore) – mi farebbe molto piacere approfondire la lettura di questo libro per l’argomento trattato-

Fiera dei Libri on line

LIBRI IN PRIMO PIANO

FIERA DEI LIBRI ON LINE

23
0
Libri in omaggio per chi commenta!x