[youtube id=”T9_ZA2ve1zk”]

Vince la Francia sull’Italia 3 a 0, come dice Francesco Gallo (inviato Ansa). Effetto sopresa al 68° Festival di Cannes, anche per gli stessi critici francesi: nessun premio ai film italiani. Pur avendo meritato grandi applausi da parte del pubblico e della stampa internazionale, Matteo Garrone (“Il Racconto dei Racconti”), Nanni Moretti (“Mia Madre”) e Paolo Sorrentino (“Youth”) tornano a casa a mani vuote. I temi sociali della difficile situazione internazionale hanno influenzato la Giuria. Vince la Palma d’oro “DHEEPAN” del francese Jacques Audiard. Autore de “Il profeta” (2009) e “Un sapore di ruggine e ossa” (2012), il regista francese questa volta ha narrato la storia di un ex soldato, di una donna e di una bambina in fuga dalla guerra in Sri Lanka fino a Parigi, dove ricostruiscono una vita insieme.
Francesi anche i premi per la migliore attrice (Ex aequo) con Emmanuelle Bercot in MON ROI diretto da MAÏWENN e quello per il migliore attore con Vincent Lindon in LA LOI DU MARCHÉ del Regista Stéphane BRIZÉ.

I premiati

Palma d’oro: Dheepan, Jacques Audiard
Gran Premio della Giuria: Saul Fia, László Nemes
Premio della giuria: The Lobster, Yorgos Lanthimos
Miglior regia: Hou Hsiao-Hsien (The Assassin)
Miglior attore: Vincent Lindon (La loi du marcé)
Miglior attrice: Rooney Mara (Carol) e Emmanuelle Bercot (Mon roi)
Miglior sceneggiatura: Chronic, Michel Franco
Caméra d’or: La tierra y la sombra, César Augusto Acevdeo
Miglior cortometraggio: Waves ’90, Ely Dagher

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

 Metti la spunta se vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento.

- Aggiungi una immagine -