domenica, Agosto 9, 2020
Home Narrativa Autori italiani Gli sposi profeti di Corrado Leoni

Gli sposi profeti di Corrado Leoni

-

Gli sposi profeti di Corrado Leoni

Gli sposi profeti di Corrado Leoni è un romanzo incentrato sui temi quanto mai attuali dell’integrazione tra diverse culture e costumi politici e religiosi

Gli sposi profeti di Corrado Leoni, alla scoperta delle radici profonde dell’unità nella diversità

Prima di Cristo, prima di Abramo, prima di Maometto, prima di Budda, prima c’era l’uomo… e prima ancora l’universo: qui i pensieri e i sentimenti dell’uomo osano vagare nell’infinito aggrappandosi a rivelazioni o immaginando utopie o creando legami con l’ignoto verso espressioni di credenze e comunità condivise, chiamate religioni. Stiamo diventando un popolo che non ama la propria terra, i propri figli, le proprie tradizioni perché utilizziamo la terra, i figli, le tradizioni come strumento di pregiudizi e di odio. La linfa di un popolo è il rinnovamento culturale e generazionale che può svilupparsi dal superamento della monocultura per esser fecondati dalla diversità nel confronto e nel rispetto.

Anteprima dell’opera Gli sposi profeti di Corrado Leoni

La donna con il velo 

Una macchina avanza tra i massi delle marocche.
Ondeggia, prosegue a strappi.
Si ferma a lato dello sterrato.
La luce degli abbaglianti si proietta su una distesa di massi, le cui ombre disegnano figure sinistre.
La luce diventa più circostanziata, ora gli anabbaglianti illuminano un raggio circoscritto, che fa chiaro su alcuni cespugli di bacche a lato della strada e si dilegua su un masso scheggiato.
Il motore è acceso. La macchina si muove lentamente in retromarcia per scostarsi dalle rocce davanti alle quali si è fermata. Riprende a viaggiare sullo sterrato bianco, che abbaglia. Si ferma in una piazzola.
Una sagoma all’interno piega la testa, la rialza e di nuovo la reclina di lato lasciandola penzolare dal collo.
Rimane dondolante per alcuni minuti, poi si raddrizza in modo repentino.
La macchina si mette nuovamente in moto in cerca dello sterrato bianco.
Una brusca frenata per immettersi in una curva lieve che porta a una leggera discesa, in fondo alla quale si scorge un luccicare, un riflesso che sembra quello dell’acqua che rifrange i raggi dei fari e li riproduce lungo la superficie.

La macchina si avvicina allo specchio d’acqua e sparisce dietro una siepe, che essa costeggia ad andatura lenta e prosegue fin tanto che si ferma in una piazzola lungo il lago.
Si spengono i fari e il motore.
Tutto tace.
I finestrini sono aperti. La frescura del lago concilia a trasformare la sonnolenza in un sonno di sasso.
Tutt’attorno un profondo silenzio.
Il canto stridulo di una civetta potrebbe incutere timore a un animo sveglio e superstizioso, ma Silvano è caduto in un inconscio pesante, quasi soffocato dalla stanchezza della veglia notturna e dall’abbondante vino, bevuto a gara per valutarne la qualità e individuarne la provenienza.
«Teroldego di Mezzocorona,»

«Che vuoi Anna? Che vuoi Marisa?».
Si agitava per i sogni confusi e conturbanti del primo mattino, quando venne svegliato da un bussare leggero sulla portiera della macchina con i finestrini semiaperti.
Non voleva aprire gli occhi. Sentiva piacevole la freschezza dell’aria e non riusciva a reagire alla pesantezza del corpo. La bocca sembrava avere la lingua incollata al palato.
«Come si sente? Sta male? Ha bisogno di un soccorso?».
Una voce femminile giunse leggera, flebile e storpiata alle sue orecchie, sembrava la voce stentata e gracidante di un sordomuto.
Girò la faccia verso il finestrino e vide il volto di una donna con un velo che le copriva i capelli e scendeva fin sotto il mento a illuminare un viso rotondo giovanile, ovale come quello della Madonna pellegrina posta nella nicchia sotto il monte a ridosso del paese.
Sbarrò gli occhi.
«Oh! Scusi! Pensavo che lei non stare bene!»
«Sì, sì! Sto bene. Mi devo esser addormentato in macchina» s’affrettò a precisare. «Che ore sono?» chiese più rivolto a se stesso che alla donna misteriosa.
«Sono le otto» rispose lei. «Sono scesa per accompagnare i miei padroni alla macchina, aiutarli a caricarla per la loro gita a Lagolo e ho visto lei chino in macchina. Pensare che fosse morto!».
Sorrise mostrando ingenuamente i denti bianchi in un’espressione più faceta che seria.
«Grazie. Grazie di avermi svegliato. Devo tornare a casa».
«Gradisce un caffè per svegliarsi?».
Silvano, sempre schivo, specie agli inviti delle donne, rispose stranamente in modo affermativo e seguì come un automa quella donna misteriosa vestita con un plissettato ondeggiante che giungeva fino alle caviglie e i cui movimenti trasmettevano una sconosciuta magia.

«Come ti chiami?» chiese Silvano, mentre seguiva i movimenti leggeri e flessuosi della donna, che versava il caffè in due tazzine istoriate a fiori.
«ASSAADAH FELICITÀ» rispose lei in modo marcato e deliberatamente lento, sillabando le parole e accoppiandole per dare con la seconda un significato alla prima. «Il mio nome è Assaadah, che in italiano significa Felicità.»

Il sole era già alto sulle montagne e illuminava tutta la valle, coperta di un verde maturo che dava un senso di rilassatezza.
Entrò in paese rallentando, per dirigersi e parcheggiare in un giardino.
Ritornò sulla strada e si diresse verso l’ingresso di una bottega, nella quale entrò con fare noncurante e distratto.
Si infilò nel corridoio tra due scaffali, dai quali iniziò a prendere delle confezioni di pelati, girandole tra le mani come per osservarne la scadenza.
«Mamma, sono arrivato».
«Silvano? Metti nel carrello la spesa per zia Adelina. Sai che non può uscire di casa. Ti aspetta. Passa da lei prima di andare a Messa. Accendile la televisione, così può seguire la trasmissione della funzione religiosa».
«Ho visto una donna con il velo. Sembrava l’immagine della Madonna. Un viso delicato, avvolto da un velo azzurro che si raccoglieva sotto il collo e lasciava cadere un lembo triangolare sulla schiena. Era vestita come la nonna quando andava a Messa!»
«Fai svelto. Sono già le nove passate e ti devi anche fare una doccia e vestirti dalla festa».
«È presto. Faccio in un attimo. Tra le marocche ho visto anche due angeli al chiaror di luna.
Avevano le braccia aperte e il viso rivolto al cielo!»
«Va bene. Ora sbrigati! È passato don Antonio e mi ha lasciato questo volantino».
Silvano dette un’occhiata al foglio e sbirciò in fondo a destra la scritta Alcolisti anonimi.

Gli sposi profeti
di Corrado Leoni
Copertina flessibile: 160 pagine
Editore: Kimerik (17 ottobre 2018)

Corrado Leoni

Corrado Leoni nasce a Dro (TN) il 25 settembre 1942. Frequenta il Liceo classico e si diploma a Trento. Lavora in Germania presso la VDO-Siemens, dove viene eletto nel Consiglio di fabbrica. In Italia negli anni Settanta lavora presso l’ENAIP nella formazione professionale a Trento e diventa Direttore ENAIP a Francoforte sul Meno per la formazione professionale degli emigrati italiani. Si laurea in Economia politica presso la Facoltà di Economia e Commercio di Trento con la tesi Sviluppo economico della Repubblica Federale Tedesca 1950-1978. Entra di ruolo con concorso ordinario nelle Scuole Superiori della provincia di Genova per l’insegnamento di Economia aziendale, che svolge negli Istituti Tecnici Commerciali di Genova, di Chiavari, di Rapallo.
Dal 2002 vive a Casola in Lunigiana MS, comune di nascita della moglie Reana.
Promuove e diventa Presidente dal 2003 al 2010 della pro loco di Casola in Lunigiana MS; è curatore del libro Le Pievi Romaniche in Lunigiana, scritto da Franco Rampone e stampato dalla pro loco 2005.
Collabora con Emanuele Leoni e Florian Tudor nella stesura del volume Introduzione alla grammatica italiana in sette passi e mezzo corso pratico in lingua italiana e rumena rivolto ai Rumeni che desiderano imparare i fondamenti della lingua italiana., Editura Craiova 2008.
Ha scritto i romanzi Nane (2010), Migrare (2011), Il prete e il diavolo (2012/13), editi dalla Maremmi editore. Con Europa Edizioni nel 2014 ha pubblicato Il cavaliere senza cavallo.
Collabora con il settimanale Il Corriere Apuano.
Ha pubblicato con la Casa Editrice Kimerik nel 2015 il romanzo Donna Luigia. Profuga e partigiana e a gennaio 2016 La miseria del Sindacato Italiano – Dialogo tra nonno e nipote.

Guarda tutti gli articoli

8 Commenti

  1. Ho letto l’anteprima del libro tutta d’un fiato. Sono rimasta affascinata dall’immagine di questa ragazza paragonata alla Madonna. Credo molto nel destino e sono sicura che sta nascendo una storia a lieto fine. Non è mai stato facile unire religioni etnie diverse ma l’amore può fare miracoli e credo che qui il miracolo sia appena iniziato. Mi piacerebbe avere l’opportunità di leggere il libro. Sono sicura che non rimarrò delusa

  2. Cosa c’è di più bello della famiglia? che differenza fa il colore della pelle? In un mondo dove ancora ci si tiene alla larga dalla gente di colore e nazioni diverse, questo è il libro che ci voleva come abbraccio fra tutti gli uomini e tutte le razze siamo tutti uguali anzi è l’incontro fra le diversità che crea i presupposti del vivere civile. Complimenti per questo tema così delicato e grazie per affrontarlo così semplicemente.

  3. Libro interessante con un tema molto attuale purtroppo ancora oggi la razza e la religione fanno la differenza mi piacerebbe conoscere la fine di questa storia

  4. La copertina del libro è molto bella: una coppia con un bimbo in braccio, il simbolo della famiglia. Anche le prime righe sono intriganti. Lasciano presagire un incontro tra mondi diversi… forse una storia dove le differenze di cultura, razza e religione vengono finalmente superate… Mi piacerebbe leggere il seguito e dare così un significato al titolo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

 Metti la spunta se vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento.

- Aggiungi una immagine -

Commenti recenti

FIERA DEI LIBRI ON LINE

Aspettando le stelle di Carola Helios

Carola Helios racconta una storia di crescita e di memoria che attraversa la storia italiana del secondo Dopoguerra. Un nuovo emozionante romanzo dell'autrice di Specchio d'acqua

Cenerentola 2000 di Mariarosaria Rigido

Una scarpetta da ginnastica rosa su una scalinata e qualcuno che fugge via… Si chiama Bella la “Cenerentola 2000″.

Cantata per voce sola di Mario Manfio

Cantata per voce sola di Mario Manfio, emozioni e tanto humor ed ottimismo nella silloge del poeta triestino. Da leggere.

Non c’è più tempo di Sandro Orlandi

Nel paesino immaginario di Pèrtola, tra i monti del trentino, un bambino di quattro anni e mezzo viene rapito, tutto il paese ne rimane coinvolto e molti si presteranno ad aiutare i carabinieri...

Le scale di Isabella Pojavis

Un romanzo profondo e coraggioso sulle scelte che la vita ci propone. Un viaggio tra il passato e il futuro in un presente difficile, ma non impossibile.

Gli sposi profeti di Corrado Leoni

Gli sposi profeti di Corrado Leoni è un romanzo incentrato sui temi quanto mai attuali dell'integrazione tra diverse culture e costumi politici e religiosi

Alla luce della luna di Maristella Angeli

Alla luce della luna di Maristella Angeli è una deliziosa raccolta di 103 emozionanti haiku e 20 creazioni grafiche dell'autrice

Voglia di fare un viaggio di Roberta Rizzo

Emozionante passionale romanzo di formazione, scritto dalla poliedrica scrittrice e pittrice pugliese che, oltre ad essere una storica dell'arte, è una grande esperta di innovazione e trasformazione digitale.

Avenida Libertador di Cristina Amato

Avenida Libertador di Cristina Amato narra di persone scomparse, di chi le ha cercate e di chi non ha mai smesso di farlo. Buenos Aires, 1978.

E sempre corsi e mai non giunsi il fine… di Mario Manfio

E sempre corsi e mai non giunsi il fine... di Mario Manfio, una autobiografia scritta come un romanzo che ci aiuta a capire perché nessuna vita è una vita qualunque.

NEWSLETTER MANUALE DI MARI