venerdì, 27 Novembre 2020
Home Narrativa Inediti Il capro espiatorio di Paola Pica

Il capro espiatorio di Paola Pica

-

La recensione di Nicla Morletti

Il capro espiatorio di Paola PicaE’ questo lo spaccato di una famiglia all’apparenza “per bene”, ma che nella verità dei fatti nasconde cose non certo belle, con tormenti psicologici e violenze, anche se non fisiche, come le definisce l’autrice, da film come “Festen” del regista danese Thomas Vinterberg, del non lontanissimo 1998. Ma certe volte i dolori psichici, le ferite della mente e del cuore, sono più laceranti di quelle fisiche. Così Elena, la protagonista, per neutralizzare il dolore inflittole dalle famiglia, dato che le è stato negato l’aiuto affettivo, deve ricorrere ad un aiuto professionale. Scrive l’autrice: “Non sono mai stata in psicoterapia, ma credo moltissimo nell’aiuto che può dare alle anime sofferenti. E’ questo il motivo per cui ho voluto dare a questa mia storia l’aspetto di una lunga seduta di analisi”.
Un gioco sottile di flash – back e anticipazioni danno vita ad una trama leggera di uno spaccato di vita che sembra svolgersi man mano che lo leggiamo, in tappe quasi quotidiane che, invece, coprono lunghi lassi di tempo.
Un romanzo che induce alla riflessione con le dolenti note di una famiglia, come tante, dei nostri giorni.

IL CAPRO ESPIATORIO
di Paola Pica

Inedito
2005

Dal libro

“Come, come?… Continua.  Questa idea del capro espiatorio non è male; direi che mi interessa un bel po’, mi intriga”.
Erano secoli che non lo sentiva interessarsi ad uno qualsiasi dei suoi argomenti, che sempre, immancabilmente, venivano liquidati da un “Ah, sì…” e dal silenzio che a questo seguiva, quando non ne scaturiva un litigio violento e totalmente privo di presupposti…la pura e semplice risposta ad una sollecitazione terapeutica e catartica, appunto.
Ma questo colloquio non avveniva nello studio di un analista.
L’idea del capro espiatorio non era certo sua o, meglio, non solo sua, anche se lei c’era arrivata da sola, attraverso il suo cammino solitario di dolore, il suo male di vivere.
I trattati di psicologia ne erano e ne sono pieni.  Così le avrebbe detto di lì a poco il terapeuta con cui avrebbe confrontato questa sua supposizione, che, dopo il primo colloquio, sarebbe diventata una calma certezza, perché supportata dal sapere ufficiale.

Leggi tutto e commenta nel Blog degli Autori…

Articolo precedenteL’incontro di Paola Pica
Articolo successivoIntrospezione di Giusi Rollo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

 Metti la spunta se vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento.

- Aggiungi una immagine -

Commenti recenti

FIERA DEI LIBRI ON LINE

La mulatta. Il riscatto di Corrado Leoni

L’avventura di una giovane etiope, la quale viene in Italia dietro la promessa di un lavoro dignitoso, motivata anche dalla speranza e dal desiderio di incontrare parenti del bisnonno italiano. Trova invece una realtà ben diversa e finisce sulla strada.

Il suono del vento di Cristina Origone

Il suono del vento di Cristina Origone, una storia giallo-rosa che si svolge in tempi e atmosfere diverse e che emoziona e coinvolge.

Le infinite vie del cuore di Alba Venditti

Le infinite vie del cuore di Alba Venditti, poesie con cui l'autrice esorta tutti ad aprire le proprie vie del cuore per rinascere ed aiutare il prossimo.

Quando il lavoro fa male di Federico Fontana

Quando il lavoro fa male di Federico Fontana si presenta insomma come un vero è proprio must, uno strumento indispensabile non solo per manager di aziende pubbliche e private ma anche per lavoratori che desiderano essere consapevoli su questo tema.

Il reale e l’immaginario di Daniela Quieti

"L’autrice ci accompagna attraverso i suoi versi raffinati ma incisivi in un viaggio senza filtri, prima come un novello Virgilio nell’Inferno e nel Purgatorio in terra e poi nel Paradiso di Beatrice".

Le favole di Nina di Nina Miselli

Le favole di Nina di Nina Miselli, fiabe e favole dolci e delicate, da leggere o da farsi leggere, per crescere divertendosi insieme a Fili il ranocchio, a Kili la rondine, ai folletti…

La voce del maestrale di Nunzio Russo

La voce del maestrale di Nunzio Russo, la saga di una antica dinastia di pastai siciliani sullo sfondo del novecento. Memorabile romanzo di esordio.

Spietata verità di Alessandra Perilli

Spietata verità di Alessandra Perilli, è l'avvincente romanzo thriller di esordio della scrittrice romana che ha meritato già molti riconoscimenti

Il quarantacinquesimo parallelo di Laura Buizza

Il quarantacinquesimo parallelo di Laura Buizza, tra giallo e mistero una pericolosa corsa ambientata ai giorni nostri per arrestare l'avvento di una profezia biblica.

Frammenti di Norma Giumelli

Frammenti di Norma Giumelli è una sorta di zibaldone sentimentale in cui trovano espressione pensieri, ricordi ed emozioni dell'autrice.

NEWSLETTER MANUALE DI MARI