sabato, 29 Gennaio 2022
HomeNarrativaFantasyIl fuoco di Àstrict di Daniele Del Fante

Il fuoco di Àstrict di Daniele Del Fante

-

Il fuoco di Àstrict di Daniele Del Fante

Il fuoco di Àstrict di Daniele Del Fante, in uscita a febbraio 2022, è il terzo romanzo dello scrittore fiorentino

Il fuoco di Àstrict di Daniele Del Fante, l’eterna lotta tra bene e male in un fantasy mozzafiato

Sono passati ottant’anni da quando Àstrict, angelo caduto, si è ribellato a Iblìs, il Maligno, ed è stato imprigionato nella pietra. Ma ora è di nuovo libero e pronto ad affrontare Iblìs e le sue emanazioni, in particolare la più violenta, Hiòhris. Tuttavia per farlo avrà bisogno di alleati. Così, grazie al diario del sapiente Geremia, si mette sulle tracce di Ged ed Eràmsih, due campioni del Bene. Àstrict sa che non sarà facile: dovrà fare i conti con un mondo profondamente cambiato, con il destino e soprattutto con sé stesso. Ma adesso deve decidere una volta per tutte da che parte stare. E fare la scelta giusta potrebbe richiedere un prezzo altissimo.

Leggi anteprima

PARTE PRIMA
I TRE SAGGI

1

«Si muove silenzioso sulla sabbia. Parte da quella spiaggia, da quello scoglio, e si dirige verso la grotta. Attraverserà città, boschi, altri mari. Ma la meta è sicura. Non lo spaventa il viaggio, né ciò che potrebbe incontrare. Ogni suo passo lascia il segno, una scia indelebile e nascosta, travolgente e intima, di chi colpisce a fondo e non schernisce l’avversario. Sfidarlo equivale a morire; sottomettersi porta a un cambiamento perenne; ignorarlo significa essere codardi. Incrociare la sua strada comporta pericoli e lotte, poiché le sue orme portano a sentieri nuovi e misteriosi. Si nasconde sotto molti nomi. Ne ha poi assunto uno, appropriato, unico. Quel nome è…»
Continuava a tenerci sulle spine il cantastorie. Il suo racconto non era finito. Doveva arrivare la parte più cruda e sconvolgente.
«Chi vuole può alzarsi e andare via, o tapparsi occhi e orecchie, se gli fanno paura i cattivi.»
Non era una storia per bambini.
Nessuno si aspettava il lieto fine, non chiedevamo risate e spettacoli di burattini, ma non ci immaginavamo questo tipo di racconto. Forse sarebbe stato il caso di prendere la via del ritorno, però nessuno lo fece. Fu il cantastorie a far finta di andarsene. Il suo solito trucco. Voleva essere trattenuto, desiderato.
E accadde proprio così.
Cosa ci spinse a restare seduti e a richiamarlo a gran voce?
Non credo fosse solo curiosità o imprudenza, caratteristiche tipiche dei bambini. Era molto di più: sete e fame di un cibo nuovo, mai assaggiato, di una bevanda inebriante e squisita. Ma, insieme al dolce, l’amaro. La beffa della vita, che mischia gli opposti.
Chi più, chi meno, si sente come Àstrict, in lotta fra l’essere angelo o diavolo.

2

Il Male aveva perso due volte. Prima contro Geremia avo, poi contro l’esercito di Ged.
Iblìs non era riuscito a sfruttare né Àstrict, né uomini come il colonnello Karter. Così il suo campione del male rimaneva a ringhiare nella sua prigione, a tentare l’umanità da dietro le mura di una casa diroccata, accanto a un pozzo tempestato di strani segni.
Negli ottant’anni che Àstrict aveva passato nella roccia del Tempio erano successe molte cose.
Carlotta aveva superato in qualche modo il trauma e si era sposata con un uomo pio e facoltoso. Aveva avuto un figlio, che era divenuto ingegnere e padre per due volte. Prima di una femmina, poi di un maschio. Carlotta era diventata nonna: i suoi nipoti, Lara e Nicodemo, erano coloro che avevano respinto ZU.
Anche Eugenio si era sposato, non con una modella, ma con una ragazza bruttina, la quale non gli aveva mai dato una discendenza. La sua vita era stata comunque felice e il suo lavoro da impiegato all’ufficio postale gli aveva dato una certa sicurezza e dignità. Le sue maggiori soddisfazioni erano provenute dal suo orticello e dai suoi tre labrador, cresciuti come figli.
Al settantaseiesimo anno Iblìs aveva avuto la sua opportunità, quando Zuren Uria aveva liberato l’Immagine, ZU, e Karter aveva conquistato definitivamente il potere. ZU aveva passato quattro anni a costruire il suo piano, finché non era stato sconfitto al Tempio. In quella battaglia erano periti il sicario Carol Schutz e il colonnello Reuen Karter, e si era estinta l’associazione criminale denominata «Korona del Tempio».
Lara, Nico e Carlo erano andati ad abitare nella casa di Eric, stringendosi un po’.
Àstrict, tornato alla vita dalla pietra, era intenzionato a riprendere il discorso lasciato a metà con Eràmsih e con Iblìs.
Adesso, nella faggeta, aveva davanti una creatura nata dall’odio di Iblìs, qualcosa dalle fattezze simili a un cobra. Stava eretto sulla parte finale del tronco, con due ridicoli arti dotati di sottili artigli acuminati. Si era materializzato quando Ged era sparito.
«Salve, Àstrict.»
L’angelo ricordò la sgradevole voce sibilante del Serpente.
Non si degnò di salutarlo, benché lo conoscesse. Fece dietrofront e cercò un’altra strada per uscire dalla faggeta. Dopo pochi passi si ritrovò davanti il fastidioso compagno.
«Non è carino da parte tua ignorare i vecchi amici. Ti ho aspettato tutti questi anni, sai?»
Àstrict cambiò nuovamente percorso e ancora si imbatté nel Serpente.
«Togliti dal mio sentiero, Sciamìrne.»
«Sono qua solo per comunicarti una cosa. Il capo dice che ha voglia di rivederti e ti aspetta alla radura. Dove avresti dovuto uccidere la ragazza, ma il tuo cuoricino te l’ha impedito.
Vergogna della tua razza, vituperio della tua stirpe! Nessuno avrà pietà di te.»
«Non ne ho bisogno.» Lo superò di nuovo.
«Se non verrai, manderà Hiòhris a prenderti.»
Àstrict si fermò e un brivido lo percorse. Si voltò e, con falsa sicurezza, disse: «Non vedo l’ora».
Sciamìrne strisciò via fra gli alberi.
Àstrict temeva il viscido Serpente, che però non poteva più ingannarlo con le sue lusinghe. Hiòhris, invece, con la sua violenza distruttiva, avrebbe potuto cancellarlo per sempre.
(Estratto da Il fuoco di Àstrict di Daniele Del Fante)

Il fuoco di Àstrict
di Daniele Del Fante
Editore: ‎Bookroad (1 febbraio 2022)
Copertina flessibile: ‎176 pagine

Daniele Del Fante

Daniele Del Fante è nato nel 1982 a Firenze, dove vive con la moglie e le due figlie. Dopo aver conseguito la laurea in Tossicologia dell’ambiente e quella in Farmacia, attualmente lavora in un laboratorio di analisi chimico-ambientali. È appassionato di teatro e nel tempo libero si diletta a inventare giochi da tavolo. Ha esordito per Leone Editore con Il Tempio degli Angeli Ignoranti (2018) e per BookRoad con L’esercito di Ged (2019).

11 Commenti

  1. L’eterna lotta tra il bene il male, io amo questi libri, adoro il fantasy in ogni sua sfumatura, ogni volta che leggo vivo un’avventura diversa, mondi diversi, tante vite, qui c’è un angelo caduto che si è ribellato al maligno….cerca alleati e la storia si fa più interessante!! Mi piacerebbe leggere l’intera storia e suoi protagonisti, sono curiosa di leggere la lotta

  2. Già solo dall’anteprima la storia mi ha preso moltissimo. Sono da anni un’appassionata del genere fantasy e ogni giorno in libreria sono alla ricerca di quella storia nuova, originale che mi possa far vivere un viaggio indimenticabile. Spero di ricevere l’opportunità di leggere questo libro e potervi dare un’opinione onesta al riguardo!

  3. Il fantasy è il mio genere preferito e ho capito subito che questo libro lo era appena ho visto la copertina che mi ha colpito subito per i suoi dettagli e colori utilizzati proprio ad evocare il fuoco nella mente del lettore.
    Ho letto con grande curiosità sia la trama e l’anteprima e ho pensato subito “fantastico”!
    Non tutti i libri fantasy dalla prima impressione mi fanno questo effetto. Infatti ho notato che è un genere molto gettonato ma cadere nel baratro del già visto o della storia senza sostanza è un attimo perché penso che sia considerato da molti come un genere in cui si possono dilettare tutti ma non è così. Sono ben pochi i libri che si possono a mio parere definire veri fantasy. Mi piace anche tenermi aggiornata e quando vado in libreria sono solita prendere in mano quei libri che mi colpiscono subito dalla copertina, poi leggo anche cosa c’è scritto nella quarta per farmi un’idea e a quel punto decido se acquistarlo o no, se mi ha convinta insomma. Ecco questo è un libro di cui mi piacerebbe leggerne la storia perché dalla cura messa nella copertina, la trama e l’anteprima lo reputo un vero fantasy dove l’autore non vuole intrattenere il lettore ma trasportarlo all’interno della storia facendogliela vivere in prima persona.

  4. Bellissima anteprima un libro che coinvolge ,non smetteresti mai di leggere , il coinvolgimento nella lotta fra il bene e il male è così immediato da carpire emozione forti.Bravissimo ,spero di poterlo leggere presto tantissimi auguri Mariliana

  5. L’eterna lotta tra il bene e Il Male affascina sempre e lo stile mi è piaciuto molto. Da quanto ho letto nell’anteprima, è un cantastorie che narra a un gruppo di bambini e questi ne sono affascinati. Quindi, è veramente interessante seguire gli sviluppi anche attraverso le loro impressioni, anche perchè la vicenda si snoda in modo incalzante e avvincente. Molto bello!

  6. Mi è quasi dispiaciuto aver finito l’anteprima, avrei continuato ancora e ancora per scoprire di più e immergermi totalmente nel racconto…
    Il genere fantasy è molto interessante e, devo dire, che da quando l’ho “scoperto” me ne sono innamorata.
    Complimenti all’autore per questo suo romanzo… già l’introduzione promette molto bene

  7. Un genere, il fantasy, che ho imparato ad apprezzare ed amare nel tempo.
    L’anteprima porge un assaggio interessante, preludio di un romanzo da divorare con gli occhi.
    Spero di ricevere una copia del libro!

  8. Un bel fantasy che ispira alla lettura, lottando insieme ai protagonisti per il bene di tutti. Faremo volare immaginazione e fantasia pagina dopo pagina, per vedere chi vincerà infine… se il bene o il male.

  9. Che dire…finalmente un fantasy horror…che già dalle prime righe coinvolge e affascina…inferno o paradiso?difficile sarà scegliere a quale personaggio affezionarsi…ma certamente pronta a immergermi nella lettura…grazie

  10. Anteprima molto coinvolgente, copertina davvero bella. Da grande appassionata di fantasy non posso che apprezzare una nuova uscita italiana, spero di poter continuare la lettura e scoprire un nuovo promettente autore!

  11. L’anteprima del libro è molto bella soprattutto io che sono appassionata di fantasy e mi piacciono anche molto i libri che hanno come succo della storia inferno e paradiso, spero che quando mi arrivi il libro sia bello come l’anteprima grazie

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

 Metti la spunta se vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento.

- Aggiungi una immagine -

spot_img
Fiera dei Libri on line

LIBRI IN PRIMO PIANO

FIERA DEI LIBRI ON LINE

40 libri per

il Nuovo Anno!

Scegli tra i libri consigliati da

MANUALE DI MARI

LIBRI DA REGALARE