domenica, 3 Marzo 2024
HomeFiera dei Libri on lineIl mio cuore è un campanile di Manuela Bellodi

Il mio cuore è un campanile di Manuela Bellodi

-

Il mio cuore è un campanile di Manuela Bellodi

Un inno struggente alla propria terra a cui l’autrice ha attinto le proprie radici, l’Emilia, devastata dal terremoto. Il campanile è il simbolo della fede per eccellenza ed anche della civiltà di un popolo e l’Emilia ne ha più di duemila che si stagliano tra i campi, il verde e i paesi. Il terremoto ha devastato tutto, in un attimo: “Chi rimetterà  a posto le lancette del tempo?” Scrive l’autrice. Scorrono tra le pagine i ricordi struggenti, la Bellodi ritrova i suoi portici che sembrano guardarla con occhi stanchi, mentre la città di Modena pare invecchiata sotto il peso del tempo, i leoni del Duomo accovacciati da secoli. E la città in questi lirici versi diviene essere vivente che ha un cuore e un’anima. Manuela Bellodi, autrice dalla vena poetica, spigliata e piacevole, attraverso un linguaggio valido, schietto, accessibile a tutti, trae dalla vita e dalla natura temi attuali, scottanti e crea poesie armoniose che sgorgano dal profondo del cuore, tra memoria e sentimento, rimpianto e amore.
La sua poesia non è lasciata al caso ma elaborata nella fucina della sofferenza e del ricordo attraverso una triste esperienza di vita vissuta, che lievita in fondo al suo nobile animo e trova il modo di esprimersi mediante queste particolari e armoniche liriche che il suo sentimento capta, elabora e detta. Dal suo canto tenue e soave traspare l’amore profondo per la sua terra con il viale d’ippocastani, i vigneti di Lambrusco, gli alberi da frutto, i voli di uccelli e l’aria di festa. Ha scritto Joyce: “Quando hai una cosa, può esserti tolta. Quando tu la dai, l’hai data. Nessuno te la può rubare. E allora è tua per sempre.” E così è per i ricordi: sono nostri per sempre, non c’è uragano, tempesta o terremoto che possa portarceli via perché ormai fanno parte della nostra vita. E qui è e si perpetua l’eternità. Nicla Morletti

Anteprima del libro

Il mio cuore è un campanile

Il mio cuore è un campanile e non lo sapevo.
Lungo e sottile o più squadrato,
con l’orologio puntuale o rallentato
che di sera illuminava la piazza.

Chi rimetterà a posto le lancette del tempo?
Peppone o Don Camillo,
uniti per sempre nello stesso dolore composto,
di razza.

Il mio cuore è un campanile che ora si è spezzato.
Tutto si è capovolto, non si distingue tra cielo e prato,
tra bello e brutto,
c’è solo lutto ed è sempre uguale.

Riusciremo ancora una volta
a rammendare ogni cosa
fino al giudizio universale?

***

Modena

Ho ritrovato la mia città invecchiata
i suoi portici mi guardavano come occhi stanchi,
e la Ghirlandina snella come un pioppo
pareva un po’ accasciata come i rari passanti.

Anche i leoni di pietra del Duomo accovacciati da secoli,
avranno tremato come l’uomo?
Nella cripta una donna inginocchiata davanti alla tomba del patrono
recita piano:

«San Zemian
da la berba bianca,
ho perso tutto e sono vecchia e stanca.
San Zemian San Zemian, an ster menga
con al man in man.»

***

La vigna del Cristo

Io scopro che il fusto del mazzo di rose
è una bottiglia destinata a me, le rose
sono per Teodora. Vino rosso frizzante
di Sorbara.
Eugenio Montale,
Le rose gialle da Farfalla di Dinard

L’aria era frizzante come il mio Lambrusco,
e il cielo così azzurro
che mi sembrava di essere rinato
insieme alla primula gialla e alla violetta del prato.

Poi, un colpo brusco, un boato,
la terra tremò, si aprì, e scomparve la vita.
E anche le mie viti in fiore, con accanto la rosa,
e il mio lavoro che più di un lavoro era amore verso una sposa.

Proprio per questo piano piano rimetterò a posto tutto.
«Io sono la vite, voi i tralci.
Chi rimane in me e io in lui, fa molto frutto…»
ha detto il Signore
Ecco, nonostante il dolore io insisto, sono viticoltore a Sorbara,
nella vigna del Cristo.

***

Il Crocefisso di S. Possidonio

Dalla chiesa senza pareti
quinta teatrale sul prato
escono i vigili del fuoco e due preti
con l’antico crocefisso recuperato.

Solo un pezzo di legno, e il braccio sinistro penzolante,
ma sulle loro spalle, Gesù è trionfante.
«Strappato a Napoleone prima, e al terremoto adesso,»
ci dice il parroco,
«per noi tutto è lo stesso, il Cristo è ancora nostro.»

Anche quest’anno si farà la processione d’agosto.

***
Il mio cuore è un campanile
di Manuela Bellodi
2014, 48 p.
La Vita Felice
Ordina questo libro

FIERA DEI LIBRI ON LINE

LIBRI IN OMAGGIO! Per ricevere copie omaggio dei libri che commenti iscriviti alla Newsletter dei Lettori inserendo il tuo indirizzo postale completo di nome e cognome del destinatario.

2 Commenti

0 0 votes
Rating Articolo
Notifiche
Notificami
guest

2 Commenti
Più recenti
Più vecchi Più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Valentina
Valentina
8 anni fa

Ho letto con vivo interesse le poesie che compongono l’anteprima e devo dire che davvero si riesce a comprendere lo stato d’animo della poetessa di fronte a ciò che è accaduto. Apprezzo anche molto il fatto che oltre a far trasparire il suo cuore attraverso le emozioni intrise nelle sue parole abbia scelto di farlo venire fuori anche richiamando la sua terra.

gaetano
gaetano
9 anni fa

” Il mio cuore e’ un campanile ” di Bellodi e’ un inno alle proprie origini, e’ una lauda alla terra dei propri natali. Quella di Manuela e’ Modena, ricordata con nostalgia e una vena critica in sottofondo.
Liriche spontanee, senza sovrastrutture ; che invitano il lettore a rivalutare il territorio che l’ ha partorito, come seconda mamma, ” culturale “.
Gradirei leggere per intero la poesia. E poi commentarle con dovizia.
Grazie.
Gaetano

Fiera dei Libri on line

LIBRI IN PRIMO PIANO

FIERA DEI LIBRI ON LINE

2
0
Libri in omaggio per chi commenta!x