domenica, 29 Marzo, 2020
Home Narrativa Recensioni Il mostro e i suoi mostrilli di Lidia Colla

Il mostro e i suoi mostrilli di Lidia Colla

-

LA RECENSIONE DI NICLA MORLETTI

Il mostro e i suoi mostrilli di Lidia Colla
Una storia tenerissima, delicatissima, scritta con amore. Un libro per comprendere quanto sia importante e motivo di arricchimento morale avvicinarsi al mondo degli animali e scoprire così grandi meraviglie.
Anche per i gatti la vita è un’avventura straordinaria, soprattutto se nella loro strada incontrano una famiglia generosa e comprensiva che li accoglie in casa.
Lidia Colla, Insegnante e Preside di Scuola Media, narra in queste morbide pagine la storia di una gattina che, dopo essere stata abbandonata, viene accudita con amore dalla famiglia del bambino che l’ha trovata sola, denutrita, raffreddata e disidratata, sul marciapiede. E che da “mostro” si trasformerà in una stupenda gatta che darà alla luce sei gattini. “Sei mostrilli”, per l’occasione. “Mostrilli” indimenticabili.
Una lettura emozionante e dolcissima che consiglio a tutti.

IL MOSTRO E I SUOI MOSTRILLI
Storia di una micia e sei micini
di Lidia Colla

L’Autore Libri Firenze
Collana Biblioteca 80. Ragazzi
2007 (seconda edizione), p. 80
Prezzo: € 8,50
CLICCA QUI per ordinare libro con dedica dell’autore!

C’era una volta un mostro… Così comincia la storia di una gattina abbandonata che, grazie all’accudimento amoroso da parte di tutta la famiglia del bambino che l’ha raccolta per strada, si trasformerà in una splendida gatta. La sua crescita, l’intessersi di relazioni sociali con le altre micie di casa, l’incontro col principe dalla lunga coda, la nascita di sei teneri, deliziosi mostrilli saranno motivo di intense emozioni per i suoi “benefattori”. Dei piccoli saranno seguite da vicino le fasi dello sviluppo: come per i bambini, anche per i micini crescere vuoi dire più capacità, più autonomia, ma anche sofferenza per il distacco dalla madre, dai fratellini e dal mondo dell’infanzia, per prendere tutti – ma proprio tutti? – la propria strada… Un racconto nato da un’esperienza indimenticabile e dalla consapevolezza che per i giovani, ma non solo, avvicinarsi con amore al mondo degli animali è una grande occasione di crescita e di arricchimento; un racconto che farà vedere come, anche per i micini, la vita è una grande avventura.

Dalle prime pagine

C’era una volta un mostro

«Un mostro…?!» diranno i miei piccoli lettori. Sì, c’era una volta un gattino. Piccolo, piccolo così. L’aveva trovato Giuseppe, mentre tornava a casa un pomeriggio di luglio dell’anno scorso, proprio il giorno prima di partire per la Turchia.
L’aveva trovato, o meglio, si era lasciato trovare, come dice lui, a dimostrazione che si tratta di un gatto ‘con una marcia in più.’ Quando l’aveva visto trotterellare tutto solo sul marciapiede deserto, aveva cercato di accarezzarlo, ma quello si era subito nascosto sotto una macchina. Ripreso però il cammino, Giuseppe si era accorto di essere seguito. Come in ogni pedinamento che si rispetti, il piccolo a volte si fermava. Per non dare nell’occhio? Attratto da altre piste? Certo: farfalle, formiche, fili d’erba, lucertole misteriose attiravano la sua curiosità; ma non quanto quel quarantasette di piede. Così il pedinamento continuava.
«E quando si è trattato di attraversare la strada?»
«Ormai era talmente vicino, stanco e desideroso di coccole, che si è subito fatto prendere. E poi non volevo che corresse altri rischi.»
Così ora è in salotto il piccolo segugio, e noi intorno a guardare questa meraviglia tutta orecchi, il muso affilato, gli occhi piccoli e cisposi, la coda mozza. Starnutisce, è raffreddato, disidratato, denutrito.
«Mio Dio, Giuseppe, è proprio un mostro! E poi abbiamo già tre gatte…»
«Mamma, dove ci sono tre gatti ce ne possono stare anche quattro, non ti pare?»
Il ragionamento non fa una piega. E poi come si può buttar fuori chi, in queste condizioni, sarebbe destinato a soccombere, e proprio mentre crede d’aver trovato casa, cibo e tanti amici, e se ne sta lì fiducioso, a prendersi moine e carezze?
Intanto, fuori della stanza, il mondo delle gatte è in subbuglio. All’arrivo di Giuseppe, tutte si sono accorte del piccolo ospite, e ora, al di là dei vetri smerigliati, se ne possono distinguere le sagome e il dilatato luccichio, verde e giallo, dei loro occhi.
Nella nostra ormai ventennale familiarità con i gatti, siamo tutti d’accordo nell’attribuire al piccolo un’età di circa tre mesi, con una possibilità di errore in difetto di non più di quindici giorni, considerate le particolari condizioni fisiche.
Ora però si tratta di rifocillarlo… o piuttosto di rifocillarla, perché, a una rapida ispezione, risulta che il nostro trovatello è inequivocabilmente femmina.

L’accoglienza

Per prima cosa porto in salotto la ciotola dell’acqua, perché la piccola possa bere tranquilla. Poi la prendo in braccio e insieme entriamo in cucina.
Le gatte sono tutte schierate in attesa: sia pure a distanza, annusano l’estraneità della presenza. Scatta l’allarme, e quando la piccola trotterella fiduciosa verso di loro per fare conoscenza, la miccia s’accende in un baleno.
Prima reagisce Tigrata, la più vecchia di casa; ha sette anni. Si gonfia, ringhia, avanza minacciosa, ma d’improvviso si ferma e con due balzi salta sul piano alto del frigorifero. Semplice avvertimento? l’aura? Voglia di starsene tranquilla? Nerina invece parte decisa all’attacco, la bocca rossa ben aperta, le zanne in mostra. Non c’è scampo. La nuova venuta fugge, e ormai terrorizzata si nasconde sotto il lavello. In trappola! Nerina blocca l’uscita. Dispiaciuta di non aver saputo prevenire, cerco almeno di rimediare. Allontano Nerina e recupero il mostro, che subito incomincia a leccarmi… e ronfa.
Quando lo rimetto a terra, Grigina gli si accosta e lo esplora, annusandolo dalla testa alla coda. I nasi si sfiorano più e più volte, e infine si mette a leccarlo. È il segnale del riconoscimento e dell’accettazione, espresso dalla più autorevole del gruppo. La nuova arrivata non ha più niente da temere.
Così dopo qualche giorno di semi-isolamento, per motivi non solo sanitari, viene presa sotto tutela da Grigina. A Tigrata non pare vero di continuare la sua vita tranquilla, appartata sui piani alti. Nerina, messa in minoranza, deve adattarsi, anche se non perde occasione per dimostrare la propria insofferenza, e che se potesse…
Inizialmente però, la piccola non resiste al richiamo del mondo esterno: fruscii, voci, rumori, cinguettii, attrazione di misteriose memorie; e per ben tre volte riesce a infilare porta e scale, e a sparire nel nulla. La ritroviamo sempre dopo qualche giorno, smagrita, sporca, ma vispa e trotterellante.
E ogni volta e lei che ci viene incontro tranquilla, dopo tante nostre affannose ricerche; e mentre l’accarezziamo ronfa, e socchiude gli occhi dal piacere, ripagandoci dell’ansia delle nostre attese.

L’adozione

Quanto più il nostro piccolo mostro cresce, ci rendiamo conto che non è una gatta comune. Pronta, grintosa, ha veramente una marcia in più.
L’esperienza vissuta fuori casa le ha lasciato però una grande voglia di carezze, un vuoto che lei è comunque decisa a colmare, a tutti i costi. Così quando riesce a farsi prendere in braccio, ronfa, si strofina, tende le zampine ad accarezzarci il viso, e soprattutto ci lecca. Naso a naso, umida di muco per questo raffreddore che non passa mai, e noi a dirle che le vogliamo bene, come a nessun’altra.
Ma il grande rapporto d’amore è con Grigina. Si sono adottate a vicenda, madre e figlia. Grigina la lecca, l’abbraccia, la pulisce, le dorme accanto, e se c’è un solo vassoio di cibo si tira indietro, e aspetta paziente che la piccola mangi. E lei non risparmia certo tenerezze a questa madre, compagna di giochi e di avventure. L’unica.
Il richiamo più seduttivo e irresistibile Grigina lo esercita con la coda, che fa oscillare gonfia e morbida. L’estremità, quasi prensile, si snoda sinuosa oppure all’improvviso scatta, come serpe o anguilla. La piccola l’osserva incantata, la punta, cerca di afferrarla, l’insegue. Ma ben presto il gioco cambia e la coda, nervosa, batte ritmica il tempo o, sferzante, diventa un’arma.
Quella del mostro invece ha ben minori capacità espressive: le manca la punta. ‘Coda mozza,’ avevo pensato la prima volta. ‘Chi può essere stato così crudele?’ Invece poi scopro che è una coda con la punta ripiegata a uncino, rara, da alcuni apprezzata perché, quando il pelo si allunga, da luogo a un bel fiocco ornamentale.
Grigina spesso provoca deliberatamente la piccola, in un crescendo di giochi e tenere baruffe; e a farle sperimentare tutta una tecnica di attacchi, reazioni, difese, non le risparmia certo zampate, morsi, abbracci bloccanti, divincolii. Ma quando decide che non si deve andare oltre, si erge d’improvviso, dominante, con tutto il tronco, e la guarda a lungo, severa. La piccola, ancora eccitata, dapprima risponde con uno sguardo di sfida, ma poi, non riuscendo a contrastare l’imperativo magnetico, l’autorevolezza di quegli occhi, è costretta a cedere, e si stende, appiattendosi al pavimento, in segno di resa.

Lidia Colla, è nata a Roma e vive vicino a Firenze. Laureata in lettere classiche, insegnante e preside nella Scuola Media, ha lavorato anche nell’editoria scolastica.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

 Metti la spunta se vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento.

- Aggiungi una immagine -

FIERA DEI LIBRI ON LINE

L’amore vero è per sempre di Nicla Morletti

L'amore vero è per sempre di Nicla Morletti, è il nuovo libro dell'ideatrice e Presidente del Premio Letterario Internazionale Il Molinello nonché direttore del...

Strani i percorsi che sceglie il desiderio di Francesca Mazzucato

Una storia di guerra e di pace. Protagoniste sono tre donne e ognuna di loro ha assedi da fronteggiare, piccole euforie, frantumi speranze e sollievi. Un'epica corale di prodigiosa bellezza dedicata agli esclusi...

Il parco Buoi Apota di Corrado Leoni

L'autore ci guida alla scoperta dei meandri della ragnatela finanziaria moderna introducendo il concetto di 'apota', quale filtro razionale che dovrebbe guidare ogni decisione, e procedendo ad una disamina dell'economia moderna...

Cupido nella rete di Daniela Quieti

Lilli e Sam danzano sull'orlo del baratro telematico, dentro la rete che, a mano a mano, li avvolge e li stringe. Sarà vero amore o l'inizio di un incubo? Il finale lo scriverà il computer, il nuovo Cupido di questa storia esitante tra ragione e sentimento.

Viaggio nell’umano di Enrico Fattizzo

Salento, anno 2013. Cinque personaggi, un intricatissimo caso di omicidi seriali da risolvere. Un viaggio metaforico e introspettivo nelle “pericolose curve” forgiate dalle dinamiche umane.

Controcanto di Angela Ambrosini

È suggestiva e suadente questa raccolta di poesie di Angela Ambrosini. Un florilegio di emozioni, tenerezze e palpiti del cuore.

Brumby, l’orizzonte degli eventi di Nadia Bertolani

Un altro bellissimo lirico romanzo di Nadia Bertolani, l'autrice che molti lettori hanno scoperto nel Portale Manuale di Mari

Il giardino degli dei di Nadia Meriggio

In Il giardino degli dei, Mistery e Fantasy si fondono, si amalgamano, si uniscono per dare vita ad una storia che ha il privilegio di catturare l'attenzione di qualsiasi lettore

Specchio d’acqua di Carola Helios

La storia dei Bengasi, una famiglia che attraversa il ‘900 italiano nei ricordi di una donna; memorie che sono come l’acqua, ricordi in cui si specchiano tante generazioni, diverse nello spirito e spesso divise da interessi opposti...

Piramidi nel mondo di Sabrina Stoppa

Alla scoperta delle piramidi attraverso un meraviglioso viaggio in 57 siti archeologici mondiali, dalla lettera A di Alaska fino alla lettera U di Uzbekistan, passando anche dalla Luna e da Marte

NEWSLETTER MANUALE DI MARI