mercoledì, Agosto 12, 2020
Home Narrativa Autori italiani Il Nobel per la letteratura a Vecchioni? Perchè no?

Il Nobel per la letteratura a Vecchioni? Perchè no?

-

Roberto Vecchioni

Tra i candidati al Premio Nobel per la letteratura 2013 spunta il nome di Roberto Vecchioni accanto a quelli di altri suoi illustri colleghi (Leonard Cohen e Bob Dylan). Che la parola sia all’origine di tutte le arti, anche quelle figurative, è sempre stata nostra convinzione e non ci stupisce affatto che un cantautore come Roberto Vecchioni possa vincere il Premio Nobel per la letteratura. Presentiamo un libro e il video di una intervista che in proposito sono molto illuminanti.

[youtube id=”T7nIHo3xt5s” mode=”normal” align=”left”]

E se un giorno Dio, in piena crisi esistenziale, si travestisse da pittore del Rinascimento o da chitarrista rock, da trapezista o da cortigiana, per cercare di comprendere gli uomini, quelle sue creature ribelli che ormai gli sembra di non capire più? Cosi infatti si presenta il Creatore davanti a Teliqalipukt, il “suo primo consigliere”, una specie di angelo mandato sulla terra con lo scopo di seguire gli uomini per poterli poi raccontare ai “piccoli immortali, i suoi allievi”. E proprio a lui Dio chiede di spiegarglieli, gli uomini, lui che li ha conosciuti da vicino. Inizia così una sorta di “terapia” in cui Teliqalipukt (vecchia conoscenza dei lettori di Roberto Vecchioni), di seduta in seduta, si fa cantastorie per Dio. Da Catullo a JFK, passando per Shakespeare e Federico II, i protagonisti dei racconti – che danno forma a un unico romanzo – sono accomunati dalla volontà di ribellarsi a un destino che appare già segnato. E così scopriamo che Oscar Wilde dopo anni di carcere vive sotto falso nome nel nord della Francia; che il matematico Evariste Galois muore in duello non a causa di una donna ma per il risultato sconvolgente delle sue ricerche; che sir Alec Guinness si converte dopo uno strano colloquio in una chiesa durante le riprese del film in cui veste i panni di padre Brown; che il campione del mondo di scacchi Capablanca non ha perso il suo titolo come credevamo…

Scacco a Dio di Roberto Vecchioni

Scacco a Dio
di Roberto Vecchioni
2011, pag. 254
Einaudi

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

 Metti la spunta se vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento.

- Aggiungi una immagine -

Commenti recenti

FIERA DEI LIBRI ON LINE

Aspettando le stelle di Carola Helios

Carola Helios racconta una storia di crescita e di memoria che attraversa la storia italiana del secondo Dopoguerra. Un nuovo emozionante romanzo dell'autrice di Specchio d'acqua

Cenerentola 2000 di Mariarosaria Rigido

Una scarpetta da ginnastica rosa su una scalinata e qualcuno che fugge via… Si chiama Bella la “Cenerentola 2000″.

Cantata per voce sola di Mario Manfio

Cantata per voce sola di Mario Manfio, emozioni e tanto humor ed ottimismo nella silloge del poeta triestino. Da leggere.

Non c’è più tempo di Sandro Orlandi

Nel paesino immaginario di Pèrtola, tra i monti del trentino, un bambino di quattro anni e mezzo viene rapito, tutto il paese ne rimane coinvolto e molti si presteranno ad aiutare i carabinieri...

Le scale di Isabella Pojavis

Un romanzo profondo e coraggioso sulle scelte che la vita ci propone. Un viaggio tra il passato e il futuro in un presente difficile, ma non impossibile.

Gli sposi profeti di Corrado Leoni

Gli sposi profeti di Corrado Leoni è un romanzo incentrato sui temi quanto mai attuali dell'integrazione tra diverse culture e costumi politici e religiosi

Alla luce della luna di Maristella Angeli

Alla luce della luna di Maristella Angeli è una deliziosa raccolta di 103 emozionanti haiku e 20 creazioni grafiche dell'autrice

Voglia di fare un viaggio di Roberta Rizzo

Emozionante passionale romanzo di formazione, scritto dalla poliedrica scrittrice e pittrice pugliese che, oltre ad essere una storica dell'arte, è una grande esperta di innovazione e trasformazione digitale.

Avenida Libertador di Cristina Amato

Avenida Libertador di Cristina Amato narra di persone scomparse, di chi le ha cercate e di chi non ha mai smesso di farlo. Buenos Aires, 1978.

E sempre corsi e mai non giunsi il fine… di Mario Manfio

E sempre corsi e mai non giunsi il fine... di Mario Manfio, una autobiografia scritta come un romanzo che ci aiuta a capire perché nessuna vita è una vita qualunque.

NEWSLETTER MANUALE DI MARI