Il parco Buoi Apota di Corrado Leoni

Il parco buoi apota di Corrado Leoni, ci guida alla scoperta dei meandri della ragnatela finanziaria moderna.

L’autore introduce il concetto di ‘apota’, quale filtro razionale che dovrebbe guidare ogni decisione, e procede ad una disamina dell’economia moderna, analizzandone la storia, le teorie ed i rapporti con la politica.

Leggi anteprima

L’assistenzialismo, come risposta alle pretese populiste, distruggerà lo stato sociale costruito sulla laboriosità e lo spirito solidale. Il titolo vuole risvegliare nel risparmiatore uno scatto di orgoglio nella consapevolezza del proprio stato e con la voglia di autodeterminazione.
Molti professionisti della finanza creativa e speculativa definiscono “parco buoi” il popolo dei risparmiatori, da far pascolare secondo le proprie promesse, lusinghe, prospettive economiche attraendolo in prati di verdi, facili e perenni guadagni, facendo balenare come universale e per tutti le fortunose avventure di entrate milionarie e veloci che risulteranno spettare a pochi come le vincite al gioco.
L’apòta invece è colui che non se la beve.
Questo termine fu coniato nel 1922 dal giornalista italiano Giuseppe Prezzolini, il mese prima che Mussolini guidasse la marcia su Roma. Lo scopo era di costituire idealmente la “Società degli apoti”.
In questa parola ho trovato la chiave per conservare un pensiero libero e continuare a tenere la barra dritta nel ragionare, perché esprime una condizione mentale che ho tentato di coltivare negli anni fino a diventare una ‘condicio mentis’ un’abitudine mentale, aperta e disponibile a credere a tutti e a tutto, passando attraverso il filtro della mente che sa distinguere la logicità dall’illogicità come se la prima corrispondesse ad un algoritmo sequenziale che individua e filtra eventuali virus che interrompono l’algoritmo, esigendo un controllo sul processo conoscitivo di questo e quell’altro argomento.
Il mondo della finanza è diventato una grande ragnatela, che affascina, attrae, convince sempre più numerose persone a lasciarsi coinvolgere come se esso fosse una grande sala da gioco, innocua, dove ciascuno si può cimentare e magari avere la fortuna anche di vincere.
Giocare in borsa!
Non passa giorno che sul computer o sullo smartphone giungano tramite i social annunci come il seguente, che promette guadagni veloci, certi e duraturi e che esemplifico: <Siamo alla ricerca di persone motivate e intraprendenti, desiderose di mettersi in gioco per realizzarsi dal punto di vista personale e professionale. Anche se non hai esperienza lavorativa, non preoccuparti: offriamo infatti a tutti i candidati un periodo di formazione, sotto la guida e con la supervisione di tutor esperti e qualificati, i quali insegneranno ai propri collaboratori come ottenere i massimi profitti dalle operazioni finanziarie in breve tempo.
Per ulteriori informazioni sulla nostra offerta di lavoro: ‘Clicca Qui’. DIVENTA RICCO IN MENO DI DUE SETTIMANE>; di seguito si chiedono telefono, email, un versamento con carta di credito, tanto per fare i primi acquisti.
Di fronte a questi annunci l’atteggiamento mentale di chi vuol cimentarsi nella finanza creativa, come nelle varie vicissitudini della vita, dovrebbe essere “apota”, se si vuole condurre una vita sociale costruttiva e solidale in libertà di pensiero e di azione.
Non si tratta di verificare se l’annuncio sia vero o falso, ma di constatare, se la proposta possa valere per tutti e con gli stessi risultati o sia soggetta al caso come il gioco.
Da un punto di vista economico il risparmio, che non diventa investimento, è uno spreco di denaro, che porta povertà collettiva. Se non si investe il denaro a disposizione è come metterlo sotto il materasso.
Il denaro è un misuratore della ricchezza, rappresenta il titolo di un bene o di un servizio, che può esser utilizzato senza trasferire materialmente quanto misurato o rappresentato.
Il titolo o la banconota hanno sempre avuto valore in proporzione a quanto misurato, ma da qualche tempo gli speculatori finanziari, specie tramite i derivati, pretendono di misurare e trasferire valori di titoli gonfiati e sopravalutati rispetto allo scopo e al contenuto, per i quali sono nati e sono stati emessi.
Le monete in sé non sono una ricchezza, ma sono misuratori di ricchezza in proporzione al bene misurato e alla garanzie che l’ istituto di emissione lega alla moneta stessa.
Non era un’eccezione nel secondo dopoguerra trovare nei bauli di case abbandonate o persino nei muri di abitazioni in ristrutturazione pacchi di banconote emesse dalla Repubblica di Salò o emesse dagli Alleati per far fronte alle spese di occupazione, che hanno perso ogni valore di scambio in presenza dell’emissione di banconote legate alla nascita della Repubblica italiana.
Persino nei decenni successivi si trovavano nelle intercapedini di case in ristrutturazione rotoli da diecimila lire inutilizzabili perché scadute oppure rosicchiate dai topi, lasciando con l’amaro in bocca la progenie sempre ansiosa di trovare il tesoro, spesso frutto di duro lavoro e di risparmio ed altre volte di traffici truffaldini.
I risparmi non investiti sono buttati al vento.
Si dirà che quotidianamente vi è una valutazione di rapporto tra le varie monete, che oscilla.
Gli esperti sanno che la moneta misura le ipotetiche variazioni delle economie, che quelle monete misurano, utilizzando il misuratore monetario per scommettere sull’andamento di un prodotto come ad esempio il petrolio, legandolo ad una moneta come il dollaro che ne prevede in futuro una rivalutazione vantaggiosa o una svalutazione speculativa. Il valore della moneta non dipende quindi da ciò che rappresenta, ma da ciò che misura, per cui tante discussioni in dispregio dell’euro sono semplicemente pretestuose ed ideologiche, a ben valutare addirittura risibili.
Se la discussione riguardasse la corsa dei centometristi o dei duecento, quattrocento e via di seguito, senza specificare se si tratti di metri o di yard, e si misurasse la prestazione in secondi, avrebbe un evidente vantaggio chi percorre la distanza misurata in yard, ma un risultato migliore in secondi non significherebbe in sé una prestazione migliore.
Il mutare del sistema di misurazione legato al sistema informativo porta inesorabilmente ad un cambiamento nei rapporti economici.
Il saggio “Parco buoi. Apota” vuol esser un manifesto dei risparmiatori avverso gli speculatori finanziari.

Il parco Buoi Apota.
Dialogo tra nonno e nipote
di Corrado Leoni
Copertina flessibile: 108 pagine
Editore: Kimerik (29 novembre 2017)

Corrado Leoni

Corrado Leoni nasce a Dro (TN) il 25 settembre 1942. Frequenta il Liceo classico e si diploma a Trento. Lavora in Germania presso la VDO-Siemens, dove viene eletto nel Consiglio di fabbrica. In Italia negli anni Settanta lavora presso l’ENAIP nella formazione professionale a Trento e diventa Direttore ENAIP a Francoforte sul Meno per la formazione professionale degli emigrati italiani. Si laurea in Economia politica presso la Facoltà di Economia e Commercio di Trento con la tesi Sviluppo economico della Repubblica Federale Tedesca 1950-1978. Entra di ruolo con concorso ordinario nelle Scuole Superiori della provincia di Genova per l’insegnamento di Economia aziendale, che svolge negli Istituti Tecnici Commerciali di Genova, di Chiavari, di Rapallo.
Dal 2002 vive a Casola in Lunigiana MS, comune di nascita della moglie Reana.
Promuove e diventa Presidente dal 2003 al 2010 della pro loco di Casola in Lunigiana MS; è curatore del libro Le Pievi Romaniche in Lunigiana, scritto da Franco Rampone e stampato dalla pro loco 2005.
Collabora con Emanuele Leoni e Florian Tudor nella stesura del volume Introduzione alla grammatica italiana in sette passi e mezzo corso pratico in lingua italiana e rumena rivolto ai Rumeni che desiderano imparare i fondamenti della lingua italiana., Editura Craiova 2008.
Ha scritto i romanzi Nane (2010), Migrare (2011), Il prete e il diavolo (2012/13), editi dalla Maremmi editore. Con Europa Edizioni nel 2014 ha pubblicato Il cavaliere senza cavallo.
Collabora con il settimanale Il Corriere Apuano.
Ha pubblicato con la Casa Editrice Kimerik nel 2015 il romanzo Donna Luigia. Profuga e partigiana e a gennaio 2016 La miseria del Sindacato Italiano – Dialogo tra nonno e nipote.

Guarda tutti gli articoli

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

 Metti la spunta se vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento.

- Aggiungi una immagine -

* L'asterisco indica che i dati da inserire sono obbligatori. Il tuo indirizzo email sarà visto solo dalla Redazione e, in determinati periodi, dagli autori dei libri che hai commentato.