In viaggio – Poesie e racconti nel tempo di Eros Pessina

Questo libro è un meraviglioso viaggio della memoria, fatto di poesie e racconti che racchiudono il senso della vita e delle cose. Versi melodiosi e musicali cantano la luna, le stelle, gli anni più belli, la vita. E tutto è armonia, mistero e magia. I grandi poeti, come sosteneva Mario Luzi, devono possedere la capacità di stupirsi, meravigliarsi, di racchiudere nel proprio cuore un sogno. La vita dell’uomo diviene migliore se egli riesce a catturare gli attimi che da soli valgono un’eternità, se egli rimane stupito dal chiarore dell’alba o dai caldi colori di un tramonto. Un volo di rondini e la felicità è tutta lì, contenuta in quell’attimo di eterno splendore. Eros Pessina è un autore dalla vena poetica e dalla sensibilità non comune: “Felicità è guardare il mondo con l’innocenza di un bambino.” Il segreto della magia della vita è racchiuso tutto qui, in questi versi così puri e veri che il poeta dona al lettore per ritrovare il sogno e la meraviglia dell’esistenza, del resto anche Dino Campana con il libro “Canti Orfici” aveva unito narrativa e poesia proprio come fa Pessina in questo suo libro: “In viaggio”,  alla scoperta della vera natura del sentimento e delle cose in un inno alla magia dei giorni. La poetica di Pessina ci riporta ad una meravigliosa e suggestiva atmosfera che non solo affascina, ma ci rende partecipi della sua ricerca interiore espressa con vera armonia. Nella sua scrittura si nota un realismo che forse supera il vero e proprio naturalismo tradizionale nel creare un’opera personalissima, molto originale e non facilmente identificabile con altre. Ci sono dei versi bellissimi scaturiti dalla mente e dal cuore dell’autore: “Oggi ho scoperto la vita / fatta di sogni e di fantasie, / una primavera che rincorri / e raggiungi nel sogno / e non va più via. / Ho scoperto nascosto / nel profondo del cuore / il coraggio di andare avanti / senza farsi domande / e senza troppe parole. / Ho scoperto che il buio spaventa / chi non ha luce dentro di sé.”  Armonia di versi, questa, maturità, forza e grandezza d’animo, un messaggio per tutti coloro che sono alla ricerca del proprio mondo interiore. Mi vengono in mente queste parole di John Updike: “I sogni si avverano. Se non esistesse questa possibilità la natura non ci spingerebbe a sognare.” O forse la vita stessa è sogno. Nicla Morletti

Anteprima del libro

Da UN UOMO ED UN RAGAZZO

Una notte di primavera, avvolti dalla nebbia bassa sui prati pianeggianti della campagna ai piedi del Monviso, andando in direzione di Torino, un uomo ed un ragazzo si tengono stretti per mano. Camminano piano, seguendo il corso del fiume.
Ogni tanto si guardano negli occhi, cercando l’uno nell’altro una risposta, un sorriso, un dubbio sul volto davanti.
La strada è lunga, la meta indefinita.
Lassù la luna, oltre le nuvole a sprazzi che corrono veloci, rimane a guardarli.

Alla luna

Mi guarda e sorride
nella notte infinita
come un sogno fantastico
che racchiude la vita.

I raggi delicati
accarezzano il viso
sfiorano le labbra
che si aprono al sorriso.

Lei è là
avvolta nel mistero
che segue la vita
nell’immensità del cielo.

È timida e gagliarda
non vuole compagnia
volge le spalle
e sembra ormai fuggire via…

***

Il bimbo e la stella

Il ragazzo è l’uomo con qualche anno in meno, con venti anni sulle spalle. L’uomo è il ragazzo cresciuto, ha quasi 45 anni.
L’uomo guarda il ragazzo con tenerezza, con passione, cercando di trasmettergli l’entusiasmo per l’avventura fantastica che ha davanti. Il ragazzo guarda l’uomo con invidia, vorrebbe già essere grande per poter provare esperienze nuove e fare più cose.

Bimbo che guardi arrossendo
una stella che cade
che osservi la luna
col viso innocente
e voli felice nel cielo
con la tua piccola mente.

Ragazzo che guardi stupito
il giorno finito
che cerchi alla sera
una nuova atmosfera
e lavori e combatti
col tuo viso sincero.

Uomo che a volte nascondi
le cose al tuo viso
e arrossisci in silenzio
solo davanti a Dio
e ricerchi in te stesso
quel bimbo che ora hai per mano,
e piangendo ti porta lontano…

***

Gli anni più belli

L’uomo ascolta le frasi, scritte un tempo, recitate dal ragazzo. Le ascolta dolcemente per riuscire a interpretare con la mente di “un grande” le fantasie ed i sogni di un ragazzo non ancora ventenne, che si fa condurre nella vita dalla sicura mano di una persona più grande accanto a lui.

È bello negli anni più belli
sorridere in faccia al destino
percorrere con allegria la strada
stringendo forte una mano vicino.

E se questa mano ti stringe
ti senti ancora più forte
è bello negli anni più belli
 poter così entrare in tutte le porte.

E avere il coraggio di andare
per quella strada
che sempre non porterà al mare,
e sorridere anche senza allegria
se questa mano mai più fuggirà via.

Son mille campane qui attorno
questa mano vorrei stringerla sempre
ogni giorno
e forse con un po’ di fantasia
vorrei tenerla qui per sempre mia.

***
In viaggio – Poesie e racconti nel tempo
di Eros Pessina
2014, 60 p., rilegato
Genesi
Ordina questo libro

Eros Pessina

Eros Pessina è nato a Cuneo. Si è laureato a Torino in Scienze Politiche, con una tesi in storia contemporanea, la sua grande passione oltre alla poesia. La successiva maturazione professionale, approfondita al Politecnico di Milano, gli consente di pubblicare articoli su riviste specializzate e partecipare ad organismi in­ternazionali per l’armonizzazione delle norme europee. Ha ottenuto, sin da giovane, dei riconosci­menti per le poesie scritte.
Ha pubblicato nel 2014 il libro In viaggio. Poesie e racconti nel tempo.

Guarda tutti gli articoli

6 Commenti

  1. La copertina già di per sé incuriosisce il lettore non solo per il titolo ma soprattutto per l’immagine di Giano bifronte.
    Nella prefazione a cura del Dott. Sandro Gros-Pietro viene data una prima infarinatura dello stile di Pessina per incuriosire il lettore e viene posta l’attenzione sul tema del doppio. Infatti il libro presenta l’incontro del protagonista con sé stesso di due età diverse, la sua versione giovanile e quella senile. Ecco quindi spiegata anche la scelta dell’immagine di copertina! Inoltre, a mio parere, facendo riferimento al tema del doppio è come se l’autore volesse portare avanti la tradizione classica. Infatti nell’antichità possiamo trovare molti esempi che trattano di questo tema ma quello del protagonista presentato in due età diverse credo che sia molto raro.
    Altra cosa che ho molto apprezzato è l’unire la prosa con la poesia perché questa non è solo una raccolta di poesie ma una vera e propria storia o, per citare il titolo, un vero e proprio viaggio che si compie davanti agli occhi stupiti del lettore.
    Non vorrei sbagliarmi ma per me tutte le poesie sono lo specchio dell’anima del poeta che non solo fanno sì che il lettore sia coinvolto nel turbinio di emozioni provate al momento della scrittura ma viva in un certo senso la situazione di cui si parla. Quindi non ci si immedesima solo nelle due età del protagonista ma si cerca anche di andare al di là e capire cosa stesse provando l’autore quando le ha scritte. Onestamente a me è piaciuta tutta la storia, poesie comprese, perché ho capito subito che ognuna di loro era un puzzle importante del viaggio affrontato.
    Mi fa piacere apprendere dalla sua presentazione riportata nel libro che lei abbia ottenuto vari riconoscimenti.
    Per tutto ciò che ho detto, gentile Eros, quindi sono davvero felice di aver avuto l’onore di ricevere la copia autografa e di aver fatto questo viaggio con lei.
    Spero con tutto il cuore che ciò che ho scritto sia davvero quanto lei desiderava trasmettere.
    Grazie ancora di tutto,
    Valentina

  2. I viaggi dell’anima sono la nostra ricchezza e grazie all’autore e al suo primo assaggio si scopre tutta la bellezza di una viaggio ricco di emozioni.
    Spero di ricevere qualche copia nell’attesa auguri e grazie è stato un assaggio
    fantastico.
    Mariliana

  3. Già dall’immagine di copertina cattura, mi incuriosisce. Per me il libro deve colpire già da lì e questo ci è riuscito. Sono sicura che non mi deluderà

  4. Ringrazio l’autore per avermi inviato una copia omaggio. Non vedo l’ora di leggerlo per intraprendere il mio viaggio. Naturalmente poi le farò sapere cosa ne penso.

  5. Già il titolo rende chiaro il concetto che ciò che andremo a leggere tratterà del “viaggio dell’anima”. Nelle poesie che compongono l’anteprima ho notato molto pathos e un profondo senso di pace. Mi piacerebbe ricevere una copia del libro per vedere dove terminerà il viaggio e per dare la mia opinione in proposito.

  6. ” In viaggio. Poesie e racconti nel tempo ” portano l’ inconfondibile stile del suo autore, Eros Pessina. Perche’ la narrazione , per completarsi, necessita della poesia ; e l’una e l’ altra sono tessere indispensabili di quel mosaico che noi definiamo comunicazione.
    Agile libro, il quale puo’ solo elevare l’ animo ai migliori sentimenti.
    Mi piacerebbe averlo.
    Grazie.
    Gaetano

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

 Metti la spunta se vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento.

- Aggiungi una immagine -