lunedì, 27 Maggio 2024
HomePoesiaPoesia - Autori italianiLa Luna sul fuoco di Giovanni Pulci

La Luna sul fuoco di Giovanni Pulci

-

La Luna sul fuoco di Giovanni Pulci

La Luna sul fuoco di Giovanni Pulci, raccolta di racconti e poesie dello scrittore e poeta siciliano

La Luna sul fuoco di Giovanni Pulci, “a occhi aperti sotto la Luna attorno al fuoco”

La Luna sul fuoco di Giovanni Puci, racchiude una corposa vetrina composta da 17 racconti e 81 poesie dove il lettore si può identificare. Un viaggio onirico, o forse la proiezione allo specchio di se stessi, in cui il viaggiatore può fare suo il racconto o la poesia. Un cammino che trascina nella fantasia, oppure nella vita concreta a occhi aperti sotto la Luna attorno al fuoco, che regala il posto e il momento per sognare, tra gli elementi che compongono il desiderio di farne parte da protagonista, nelle storie e nei versi che sprofondano nel proprio “io”. Quest’opera è un percorso attraverso brevi sentieri, dove si arriva al traguardo senza stancarsi, accompagnato da un forte sentimento poetico che affronta varie tematiche, come la morte, l’ironia, la malinconia, l’amore, il sarcasmo. Una breve appendice sicula, con alcune poesie in vernacolo, chiude il viaggio.

Leggi anteprima

RACCONTI

Arrivano i Garibaldini

Un giorno soleggiato e caldo tra le vie del centro di Caltanissetta, il Canonico Pulci, così lo conoscevano i nisseni, come tutte le mattine da qualche tempo passa­va davanti la polverosa strada che vedeva la costruzione dell’edificio municipale con l’annesso teatro, che da lì a poco doveva prendere il nome di “teatro Santa Sofia” in onore dell’augusta consorte di Francesco II, Maria Sofia Wittelsbach di Baviera, ma per mutate vicende politiche nel 1860 fu dato il nome della principessa Margherita, con la Sicilia nel regno d’Italia.

Quel giorno non fu una passeggiata comune alle al­tre, ma una disperata corsa verso la salvezza, una car­rozza dei pompieri con forte e incessante scampanellio, trainato ad alta velocità da quattro cavalli, gli tagliò la strada quasi a investirlo; il futuro tempio del palcosce­nico cominciò a prendere fuoco velocemente come se dal di sotto un forte mantice soffiasse per alimentare le fiamme.  Il giorno seguente, difronte la chiesa di Santa Croce, si apprese dalla forte voce dello strillone che vendeva Il Giornale di Sicilia per i pochi che sapevano leggere, che la nuova costruzione, dopo un attento controllo delle autorità competenti e dello stesso ingegnere Barbera che progettò lo stabile, andò in fiamme per motivi non iden­tificati propagandosi misteriosamente e che nessun dolo pesasse sull’accaduto.

***

La magara

Era una donna minuta, alta, curva su se stessa. I suoi vestiti erano perennemente di colore nero e apparente­mente uguali, non andava mai in giro se non per uscire davanti casa, una piccola dimora in fondo a un cortile senza vie di fuga. La vedevo quando si caricava addosso dal vicino capanno la fascina di legna che le serviva per cucinare e fare decotti magici, così dicevano i grandi, sa­peva curare ogni male, per questo motivo la chiamavano “la Magara”, la strega.

Non la vidi mai sorridere, il suo viso scarno di colore olivastro era appena pronunciato, un grande fazzoletto scuro come il carbone la copriva in modo che non si vedessero nemmeno i capelli. Viveva in quella modesta casa da sempre, anche dopo essersi sposata e rimasta ve­dova subito dopo aver messo al mondo quell’unico figlio che le doveva dare sostegno alla sua vecchiaia. Il pove­retto, un omone alto da poter toccare il cielo, trascorre­va le sue interminabili giornate seduto davanti l’uscio, come un tappeto messo fuori per prendere aria, aveva perso la sua volontà cognitiva e la parola durante la guerra sotto un pesante bombardamento sul fronte libi­co, praticamente era diventato “lo scemo del villaggio”.

Lo chiamavamo “lu mutu”, il muto. Di nascosto, quando la madre stava dentro casa a preparare le sue diavolerie, lo prendevamo per mano frettolosamente tra­scinandolo nel vicino quartiere nemico a capo del no­stro agguerrito esercito di bambini per incutere paura ai nostri avversari.

***

POESIE

Fuggir dal gregge
Torno a risentir la capinera
a risvegliare l’aspra mia natura,
fiera a cantar sulle mie mura
e liberar la mente ancor straniera.
Mi sforzo ad uscir da questa gabbia
che tanto mi opprime e mi protegge
smanioso di fuggir dal turpe gregge
folla d’illusion perdute e rabbia.

***

Ali di speranza
Non so tra quei fondali
cos’avverrà domani.
Un veleno scorre in piena.
Ma so ch’è in vita la speranza
per sciogliere al futuro i polsi
e rendere alla poesia le ali.

***

Una goccia in mare
Se mai volessi amare
a chi di marmo ha il cuore
e spiegar cos’è l’amore,
non credo servirebbe.
È come riempir
con una goccia il mare.

***

La Luna sul fuoco
di Giovanni Pulci
Editore: ‎Robin (24 gennaio 2023)
Copertina flessibile: ‎192 pagine

FIERA DEI LIBRI ON LINE

LIBRI IN OMAGGIO! Per ricevere copie omaggio dei libri che commenti iscriviti alla Newsletter dei Lettori inserendo il tuo indirizzo postale completo di nome e cognome del destinatario.

32 Commenti

0 0 votes
Rating Articolo
Notifiche
Notificami
guest

32 Commenti
Più recenti
Più vecchi Più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Anna Maria Refano
2 mesi fa

Ho amato molto questo libro! Ogni singolo racconto racchiuso nella prima parte del libro, é coinvolgente, reale e riflessivo. Mi ha coinvolto ed entusiasmato moltissimo. La seconda parte con i suoi splendidi versi, alimenta nuovi sentimenti…parole e versi che rimangono nella mente a lungo… Seppur all’ inizio l’idea era quella di leggerlo con una maggiore “velocità”, strada facendo, pagine dopo pagine, ho rallentato progressivamente…non volevo “lasciarlo” con facilità, bensì, assaporarlo poco per volta…come una sorta di “talismano” da prendere ed aprire tutti i giorni… Sto ancora cercando la mia poesia, o il mio racconto preferito…ma non è una scelta facile…sono… Leggi il resto »

Giovanni Pulci
Giovanni Pulci
5 mesi fa

Auguro a tutti i lettori di manualedimari buon anno!

Valentina
5 mesi fa

Il volume si presenta subito ben curato con una copertina essenziale ma al tempo stesso piena di significato: sfondo blu a richiamare il cielo notturno, la “U” di luna di colore giallo e a forma di luna, la “F” di fuoco rigirata a simulare le fiamme e di colore rosso. Nella quarta di copertina il poeta si rivolge direttamente al lettore presentando la sua silloge con le tematiche trattate e la struttura. In una delle alette interne è riportata una breve biografia dell’autore. Nella prefazione a cura dell’Ins. Luigi Pulci si scopre che questo volume fa parte di una sorta… Leggi il resto »

GIOVANNI PULCI
GIOVANNI PULCI
Risposta a  Valentina
5 mesi fa

Questa bella recensione mette a nudo la passione scritta con sentimento, allo stesso modo è stata colta da te. Grazie.
Un sincero augurio di Buone Feste.

Cordialmente
Giovanni Pulci

Valentina
Risposta a  GIOVANNI PULCI
4 mesi fa

Gentile Giovanni,
La ringrazio per le sue parole. Sono felice di aver colto ogni sfumatura.
La ringrazio per gli auguri, ricambio di cuore augurandole un felice 2024

Un cordiale saluto,
Valentina

Anna Maria Refano
6 mesi fa

Con grande gioia, la corsa settimana ho ricevuto il libro.
Ringrazio di cuore l’ autore per questo suo dono…non appena avrò terminato la lettura del libro che ho tra le mani, La Luna sul fuoco sarà la mia prossima lettera.
Grazie ancora e a presto…

Giovanni Pulci
Giovanni Pulci
Risposta a  Anna Maria Refano
6 mesi fa

Felicissimo! Avrai ancora modo di farti trasportare in luoghi magici. Spero che una profonda lettura possa soddisfare le tue aspettative.

Anna Maria Refano
Risposta a  Giovanni Pulci
5 mesi fa

Buon pomeriggio caro Giovanni, ho iniziato a leggere il suo libro questo fine settimana e sin dalle prime pagine é molto coinvolgente e bello…mi piace! Non vedo l’ora di proseguire… A presto

Valentina
7 mesi fa

Ringrazio Giovanni Pulci per avermi inviato una copia del suo libro con una bellissima dedica.
Non vedo l’ora di leggerlo.

Giovanni Pulci
Giovanni Pulci
Risposta a  Valentina
7 mesi fa

Sono felice che sia già con te. Ti auguro una buona lettura, sperando di riuscire a coinvolgerti e trascinarti in altri luoghi e… chissà, se così fosse, magari leggerai il mio prossimo libro che uscirà a breve. Un caro saluto.

Giovanni Pulci
Giovanni Pulci
9 mesi fa

“Ali di speranza” è una poesia veramente profonda, ha visto il primo premio in un concorso nazionale campano due anni fa. Grazie Anna.

Giovanni Gagliano
Giovanni Gagliano
9 mesi fa

Interessante la scrittura sia dei racconti che delle poesie, l’uso attento, ricercato e colto delle parole mi ricordano Pascoli, Carducci.

Giovanni Pulci
Giovanni Pulci
Risposta a  Giovanni Gagliano
9 mesi fa

Grazie Giovanni, non ho mai fatto segreto dell’influenza che mi hanno trasmesso questi due “grandi poeti”.

Giovanni
Giovanni
9 mesi fa

…e come viaggiare nei ricordi

Giovanni Pulci
Giovanni Pulci
Risposta a  Giovanni
9 mesi fa

Un comune sentimento attraverso i ricordi. Grazie.

chiara
chiara
9 mesi fa

Senza troppi giri di parole, queste poesie mi hanno letteralmente stregata. I racconti sono così intensi…sarei molto felice di poter leggere questa raccolta di racconti e poesie, Sinceri complimenti all’autore

Giovanni Pulci
Giovanni Pulci
Risposta a  chiara
9 mesi fa

Grazie Chiara, sono sicuro che troverai questo libro interessante. Spero che tu possa leggerlo fino all’ultima pagina.

Anna Maria Refano
9 mesi fa

Una breve anteprima e pochi versi che ti trascinano subito in luoghi magici e a pensieri sognanti…
Grazie all’autore per averci regalato questo bellissimo estratto.

Giovanni Pulci
Giovanni Pulci
Risposta a  Anna Maria Refano
9 mesi fa

Se un estratto è riuscito a trascinarti, l’intera lettura ti porterà molto lontano. Grazie Anna Maria.

Luana
Luana
9 mesi fa

Non leggo mai le poesie, ma penso che questa volta invece sarò lieta di farlo! Sono curiosa di scoprire questo libro in tutte le sue sfaccettature.

Giovanni Pulci
Giovanni Pulci
Risposta a  Luana
9 mesi fa

La poesia, a volte, rompe confini che sembrano invalicabili. La tua curiosità sarà appagata in tutte le sue forme. Grazie Luana.

Vanessa.Dt
9 mesi fa

La poesia come sempre, ti trascina nel mondo che tu vuoi, fatto di fantasie, emozioni, sofferenze, coraggio… trascinando il lettore in un vortice di emozioni, Spero ti poter conoscere e approfondire di più questo libro.

Giovanni Pulci
Giovanni Pulci
Risposta a  Vanessa.Dt
9 mesi fa

Dici bene Vanessa, la poesia è un “vortice” che ti porta in luoghi che solo il sentimento o la fantasia può muovere. Spero che tu possa approfondire. Grazie.

Rebecca
9 mesi fa

Di solito preferisco la prosa e i romanzi, ma ad essere onesta l’anteprima mi ha molto interessata e rapita! Lo stile dell’autore e il contenuto hanno suscitato riflessioni e belle emozioni. Per non parlare della mia Sicilia che traspare nelle sue parole e quel sottile richiamo a Verga, che mi è parso di cogliere. Sarei davvero lieta e onorata di proseguire la lettura e recensirlo, complimenti!

Giovanni Pulci
Giovanni Pulci
Risposta a  Rebecca
9 mesi fa

Grazie Rebecca, sono veramente felice che il mio stile ti abbia suscitato delle riflessioni ed emozioni. Nei racconti e non solo, la Sicilia, che è la mia terra, traspare naturalmente perché in insita in me. Nel libro puoi trovare anche dei percorsi differenti, che ti sorprenderanno non di poco, sempre con lo stesso inconfondibile stile ma con tematiche diverse. Attendo la tua recensione.

Valentina
9 mesi fa

Vedere la mente e il cuore che stanno dietro le parole sono cose che ho sempre apprezzato in uno scrittore perché mi fa capire che quella messa nero su bianco è una scrittura del vero e non solo tanto per riempire dei fogli.
Pensieri, emozioni e sprazzi di vita per identificarsi con lo scrittore e apprendere delle importanti lezioni.

Giovanni Pulci
Giovanni Pulci
Risposta a  Valentina
9 mesi fa

Hai visto bene Valentina, c’è l’anima dietro queste parole, scritte con occhi chiusi e cuore aperto. Grazie.

Simona Quadri
Simona Quadri
9 mesi fa

La poesia è per me sempre stata una sorta di balsamo per l’anima.

Giovanni Pulci
Giovanni Pulci
Risposta a  Simona Quadri
9 mesi fa

Sì Simona, confermo, lo è.

Maria
Maria
9 mesi fa

Mi piace l’idea della prosa che si alterna alla poesia quasi a rincorrersi ad attirare l’attenzione del lettore. Le poesie presentate sono poi belle e significative e i racconti parlano del vissuto popolare. Di tempi e tradizioni ormai passati, ma proprio per questo da custodire.

Giovanni Pulci
Giovanni Pulci
Risposta a  Maria
9 mesi fa

Per me, questa, è la seconda edizione che traccia la prosa e la poesia mettendole su una stessa linea. Grazie per il tuo apprezzamento Maria.

Anna Nenci
Anna Nenci
9 mesi fa

Ali di speranza , bellissima poesia ha toccato le corde del mio cuore…bellissimi anche gli estratti dei racconti ambientati nella mia amata Sicilia, terra di cuore

Fiera dei Libri on line

LIBRI IN PRIMO PIANO

FIERA DEI LIBRI ON LINE

32
0
Libri in omaggio per chi commenta!x