domenica, 6 Dicembre 2020
Home Narrativa Storia e Vita La voce del maestrale di Nunzio Russo

La voce del maestrale di Nunzio Russo

-

La voce del maestrale di Nunzio Russo

La voce del maestrale di Nunzio Russo è il romanzo di esordio dell’autore siciliano

La voce del maestrale di Nunzio Russo, la saga di una antica dinastia di pastai siciliani sullo sfondo del novecento

Memorabile romanzo di esordio. Alta scuola nella scrittura di Nunzio Russo, quella che si colloca nel solco della migliore tradizione letteraria siciliana, per intenderci quella propria de “I vecchi e i giovani” di Luigi Pirandello o de “Il Gattopardo” di Giuseppe Tomasi di Lampedusa. E questa nobile parentela non deve apparire impropria o troppo azzardata, perché La voce del maestrale di Nunzio Russo non è solo un romanzo storico ma è pienamente una invenzione letteraria tout court: narra vicende che pur essendo in parte reali e perfettamente incastonate nell’arco temporale di un secolo intero, il novecento, potrebbero essere puramente inventate, tale è la sapiente regia che le ha messe in scena. Solo i grandi narratori sono capaci di farci sembrare storico un evento che non è mai successo oppure, il contrario, inventato un fatto vero. La Sicilia poi, luogo così reale, con la sua millenaria storia e cultura, è un’isola dello spirito, il palcoscenico ideale per tutte le storie possibili. Così passioni, drammi, conflitti umani di ogni specie, pur nelle loro estreme espressioni, possono acquisire la verosimiglianza della realtà e allo stesso tempo, nell’invenzione letteraria, un senso e un significato più universale, attingere la dimensione e la suggestione poetica e romantica della voce del maestrale, il vento di nord-est che a più riprese l’autore evoca dalle prime pagine fino alla chiusura, metafora della vita che a folate soffia sugli eventi e porta con sé la misura del tempo che passa e delle generazioni che si succedono.
Robert, Manuale di Mari

La voce del maestrale parla da tempi remoti nelle terre siciliane, nascosta tra lo splendore della campagna e l’azzurro del mare. Totò Musumeci è cresciuto ascoltando quella voce ed ha conosciuto antiche storie diventate leggenda. Ora una forza misteriosa lo chiama a diventare parte di un’avventura mai svelata, mentre l’impetuoso urlo del vento cerca di coprire ogni cosa.
Totò è il nipote del barone di Mezzocannolo, ucciso dalla mafia. E’ anche un industriale del sud. Il pastificio che ha ereditato è una fabbrica della tradizione e dovrà difenderla, come già il nonno prima di lui, dalla violenza del principe di Granata, il fondatore del paese, il padrone di tutto.
I tempi cambiano e la dinastia del principe si estingue, ma il male resta ed è sempre lo stesso. Il Sole sulla Terra si camuffa dietro accattivanti sembianze e diventa ancora più pericoloso.
Totò lo combatterà fino alla fine, nella certezza che dopo di lui qualcuno continuerà a percorrere la strada delle passate generazioni. E quel giorno, la voce del maestrale sarà il grido di un popolo che conquista la libertà.

La voce del maestrale di Nunzio Russo, introduzione dell’autore

Dal racconto di un vecchio mentore e dal manoscritto di un medico missionario venuto fuori all’improvviso, si sviluppa la vicenda di una grande famiglia della borghesia meridionale. Attraverso un secolo, sullo sfondo di una Sicilia spettacolare e di un’Africa più vicina di quanto possibile immaginare, le alterne fortune di uomini e donne di una dinastia unita dal vincolo del sangue, diventano…”una storia incredibile ma vera come la furia del vento, come la voce del maestrale.”
La vicenda narrata in questo romanzo è un’opera che trae origine da fatti reali. E’ pure l’unica parola su un’epopea che oltrepassa i confini siciliani, e dove illustri personaggi e volti meno noti della storia sono stati introdotti per conferire autenticità alla narrazione. A volte, però, taluni erano  dove presero la parola i fatti. Anche in Africa.
Voglio sperare che qualcuno domani decida di visitare L’Eritrea, e poi raggiunta la città di Cheren svolti per il bivio di Afabet e arrivi alla cappella della Madonnina del Baobab. Troverà dattiloscritto un accaduto, appeso alla corteccia dell’albero. Pure mi auguro che il viaggiatore salga su una collina che domina l’abitato e varchi la soglia del Cimitero Degli Eroi. Sarà ricevuto da un vecchio ascaro, che oggi vive lì e che l’accompagnerà per i viali del piccolo sacrario. A destra ci sono le tombe degli indigeni, a sinistra i nazionali. In mezzo, un generale di brigata italiano è sempre con i suoi soldati. Sui valorosi, il tricolore d’Italia e la bandiera dello Stato d’Eritrea garriscono nel vento della savana.
Agli inizi del novecento c’erano quarantacinque mulini e pastifici a Termini Imerese, nei pressi di Palermo. Fra questo centro e la vicina Trabia è nata la pasta italiana nel 1154. Dunque cento anni prima della nascita di Marco Polo, per centinaia d’anni considerato l’esploratore che, scopertala in Cina, l’ha fatta poi conoscere in occidente. Di questo mito secolare è rimasto poco, nel luogo d’origine.
Ancora io devo aggiungere che una sfortunata riunione di pastai siciliani avvenne con l’intento di realizzare il pastificio più grande del mondo giusto a Termini Imerese, nel 1960. Ho conosciuto e raccolto la testimonianza di chi l’ha promossa; chi si è detto favorevole; chi ha voluto il fallimento dell’iniziativa. In ogni caso, è salva la memoria.
Il libro ricorda tutti quelli che con il proprio lavoro hanno lasciato un messaggio alle nuove generazioni e oggi hanno giusto riposo. Si rivolge anche ai nuovi imprenditori e, soprattutto, ai giovani affinché possano meditare. Fare impresa non è un gioco. E’ una missione supportata da onestà e capitali. Dare lavoro è opera cristiana e sociale, per la quale occorre coraggio. Bisogna essere pronti a perdere tutto e avere la forza di resistere alla prepotenza.
Il barone di Mezzocannolo, l’eroe di questa storia, allontanava il male a bastonate. Era un uomo libero e felice. Penso a lui tutte le sere.

Leggi anteprima nella libreria Amazon

La voce del maestrale
di Nunzio Russo
Copertina flessibile: 460 pagine
Editore: EEE-Edizioni Esordienti E-book (1 ottobre 2014)

13 Commenti

  1. Un libro dal titolo e dalla copertina estremamente accattivante, che sicuramente mi invoglia a saperne di più!
    Lo stesso posso dire dell’introduzione, che lascia presagire una vicenda tutta da gustare, dove la narrazione ci porta in una terra carica di storia e di storie da raccontare, come solo la letteratura siciliana sa fare.

  2. Conosco bene il maestrale questo vento che ti entra nei pensieri accarezzandoti l’anima abitando di fronte al mare non posso che amarlo.Questo libro mi ha subito attratta sia per il titolo ,sia per la trama e soprattutto per il luogo la Sicilia .La storia di questa famiglia in un susseguirsi di generazioni sotto il benevole sguardo del maestrale che li accompagna durante tutte le loro vicissitudini. Un libro da leggere complimenti Mariliana

  3. La Sicilia è una terra meravigliosa, vicina alla mia Calabria sia fisicamente che nelle vicende storiche. Un libro dove poter ritrovare la Sicilia, che ho amato nei libri di Camilleri, mi attrae molto. Inoltre, la storia di una famiglia legata alla pasta, che fa parte della tradizione italiana, lo rende ancora più interessante. Da quello che ho letto mi sembra un romanzo corale, dove non c’è un solo protagonista, e anche un romanzo di coraggio e amore. Un’opera sicuramente meritevole.

  4. Premetto che sono stata affascinata dalla storia ambientata in Sicilia, terra che unisce bellezze naturalistiche e storiche, terra che è riuscita a far convivere culture lontane tra loro, ma ancora di più sono stata affascinata dal modo di scrivere, dalla penna dell’autore. Davvero incantevole!

  5. Già il titolo dice tanto mi piace sicuramente romanzo molto molto interessante mi piacerebbe conoscere la fine .Per adesso riesco solo ad immaginare…..

    • Buonasera, Maria. Sono certo che la chiusura di La Voce del Maestrale sarà una piacevole sorpresa. Ho cercato, con tanta attenzione, di lasciare spazio all’immaginazione del lettore.

  6. Una storia del 900 che forse può far rivivere anche una storia attuale…..una terra di mare di calore di misteri avvolta tutta da uno splendido Maestrale… Come finirà questa storia…mah

    • Salve, Cristina. Ho il rigoroso convincimento che non tutto ciò che è antico è passato. Abbiamo tutti il dovere d’innovare a vantaggio delle future generazioni, mantenendo quanto di buono e di positivo ci è stato lasciato da quanti ci hanno preceduto nel cammino. Questo è il principio che da vita alla mia opera come autore.

  7. Sicuramente un romanzo interessante, per quanto riguarda l’epoca e i luoghi. Realtà o finzione poco importa. Per me che vivo in un posto di mare diventa difficile non esserne attratto dallo stesso titolo. Se poi aggiungiamo la mia conoscenza dei luoghi di una Sicilia misteriosamente affascinante, Palermo, Mondello, Termini Imerese, Isola delle Femmine, Capaci. Non posso non essere interessato a leggerlo.

    • Salve, Giuseppe. Nel romanzo i protagonisti vivono secondo personali ideali gli amori e le delusioni, i successi e le sconfitte. Sulle vicende scende come una colonna sonora, appunto, La Voce del Maestrale, e questa sospinge la rotta dell’esistenza in direzione di quei valori e di quelle virtù che ne fanno bene sacro e inviolabile.

  8. Una saga familiare, racconti di invenzione o reali amalgamanti in un periodo storico ben delimitato, la storia di generazioni che si susseguono, ideali e progetti che cercano di essere tramandati.
    il filo conduttore dal titolo ai nei vari riferimenti nell’opera, come evidenziato nella presentazione, il Maestrale, metafora della vita.
    Libro sicuramente interessante.

    • Buonasera, Romina. La Voce del Maestrale è tutto l’amore che esiste nel cuore. E’ vita; è meraviglia; è coraggio. E’ storia in maiuscolo, perché neppure una persona resta da sola. Ciascuno è erede della forza delle proprie origini, che riconosce nell’essenza e nella verità della famiglia.

      • Grazie mille per aver risposto al mio commento, con un messaggio davvero bellissimo, che in poche righe riassume l’essenza della Sua opera.
        Le auguro una buona giornata

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

 Metti la spunta se vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento.

- Aggiungi una immagine -

PRIMO PIANO

Commenti recenti

FIERA DEI LIBRI ON LINE

Insondabile destino di Anna Ferrari

Insondabile destino è il romanzo più amato dalla prolifica scrittrice milanese. E' la storia di due coraggiose eroine a cavallo tra due ere.

Io sono una famiglia – il gabbiano di Liz Chester Brown

Io sono una famiglia - il gabbiano di Liz Chester Brown, storia di un dramma familiare moderno che, con la leggerezza di un battito d'ali, non volge mai in tragedia grazie all'incrollabile forza dell'amore.

La mulatta. Il riscatto di Corrado Leoni

L’avventura di una giovane etiope, la quale viene in Italia dietro la promessa di un lavoro dignitoso, motivata anche dalla speranza e dal desiderio di incontrare parenti del bisnonno italiano. Trova invece una realtà ben diversa e finisce sulla strada.

Il suono del vento di Cristina Origone

Il suono del vento di Cristina Origone, una storia giallo-rosa che si svolge in tempi e atmosfere diverse e che emoziona e coinvolge.

Le infinite vie del cuore di Alba Venditti

Le infinite vie del cuore di Alba Venditti, poesie con cui l'autrice esorta tutti ad aprire le proprie vie del cuore per rinascere ed aiutare il prossimo.

Quando il lavoro fa male di Federico Fontana

Quando il lavoro fa male di Federico Fontana si presenta insomma come un vero è proprio must, uno strumento indispensabile non solo per manager di aziende pubbliche e private ma anche per lavoratori che desiderano essere consapevoli su questo tema.

Il reale e l’immaginario di Daniela Quieti

"L’autrice ci accompagna attraverso i suoi versi raffinati ma incisivi in un viaggio senza filtri, prima come un novello Virgilio nell’Inferno e nel Purgatorio in terra e poi nel Paradiso di Beatrice".

Le favole di Nina di Nina Miselli

Le favole di Nina di Nina Miselli, fiabe e favole dolci e delicate, da leggere o da farsi leggere, per crescere divertendosi insieme a Fili il ranocchio, a Kili la rondine, ai folletti…

La voce del maestrale di Nunzio Russo

La voce del maestrale di Nunzio Russo, la saga di una antica dinastia di pastai siciliani sullo sfondo del novecento. Memorabile romanzo di esordio.

Spietata verità di Alessandra Perilli

Spietata verità di Alessandra Perilli, è l'avvincente romanzo thriller di esordio della scrittrice romana che ha meritato già molti riconoscimenti

NEWSLETTER MANUALE DI MARI