sabato, Ottobre 24, 2020
Home Narrativa Amore e Vita L'asciugamano nello zaino di Cinzia Corneli

L’asciugamano nello zaino di Cinzia Corneli

-

L'asciugamano nello zaino di Cinzia Corneli

Un romanzo d’amore accattivante, che prende e trascina, che scuote e commuove.
Cinzia Corneli, con il suo stile fluido, in queste pagine dense di significati, ci conduce ancora una volta lungo i sentieri dell’amore e della passione. Rimpianti e attese. Passioni e delusioni.
I personaggi si muovono sul palcoscenico dell’esistenza umana, mettendo a nudo la loro anima. Protagonista è Viola, donna di grande coraggio e dai sentimenti profondi. Viola che ama, che cerca, che dona, che vuole amore. Ma l’amore travolge e sconvolge. L’amore ha regole tutte sue.
Un libro intrigante e appassionante. Una risposta agli interrogativi più inquietanti della nostra vita. Nicla Morletti

L’ASCIUGAMANO NELLO ZAINO
di Cinzia Corneli
Benucci Editore
2004, pag. 96
CLICCA QUI per ordinare libro con dedica dell’autore!

“Così ero caduta di nuovo in trappola. Nella trappola dove l’amore e la passione che provavo per lui erano così forti da soffocarmi. Da ingabbiarmi come una tigre inferocita, affamata di amore e sempre insaziabile, ma alle dipendenze del suo domatore. Che la vuole sempre pronta per il numero che ha scelto, e decide sempre lui se, quando e come fare lo spettacolo.
Nella trappola che ti porta nell’abisso dove non esistono né confini, né limiti tra il baratro, la salvezza e la fine.
Nella trappola dove, pur di uscirne e pur di avere una carezza dal mio domatore, mettevo tutta me stessa, più di me stessa per riversargli addosso tutto il mio amore.
Una trappola dove io e lui ci siamo nutriti, mangiandoci e bevendoci a vicenda.
Dove solo io ne sono rimasta imprigionata.”

Amore ricerca, amore ossessione, amore rimpianto, amore…
Il tema ricorrente di un’intera vita vissuta nella ricerca spasmodica di un rapporto duraturo ed appagante, un carosello di immagini, di volti di storie incredibilmente simili e ripetitive.
Immaturità, egocentrismo, incomunicabilità dell’uomo si contrappongono al marcato romanticismo, ai sentimenti, alla fragilità del mondo femminile.
I personaggi recitano storie di solitudine, di sesso frettoloso e superficiale che impegna niente lo spirito.
L’autrice mette in luce i contrasti profondi dell’uomo, le diversità vissute non come ricchezza ma come ostacolo l’assenza di progetti comuni, la mancanza di quell’afflato che rende uniche e preziose le unioni.
Intrigante, scorrevole ed appassionante la storia di una ricerca e di una risposta agli interrogativi inquietanti della nostra vita.

Motivazione giuria per l’attribuzione del premio al 9° concorso internazionale di narrativa “Storie di donne” FENALC – Salerno 2004
“L’autrice, in questo romanzo, mette a nudo i sentimenti di Viola, il suo coraggio nelle sconfitte e nelle vittorie quotidiane. Induce il lettore a catturare il dolore struggente ed intenso, a meditare e a liberarsene trasformandolo in gioia.”

Dalla prima parte

CAPITOLO I
Un castello di sabbia non puoi costruirlo troppo lontano dal mare perché la sabbia non è quella giusta.
Ma non puoi costruirlo nemmeno troppo vicino alla riva perché c’è sempre il rischio dell’alta marea.
Comunque vada ogni notte lo riconduce a sé perché risucchiato dalle onde o dal vento che spazza via tutto.
Inghiottito dove è nato, dalle stesse cose con cui è stato creato.
A questo penso oggi, tristemente rannicchiata di fronte al mare impetuoso.
Lui non c’è più. Lui.
Le gambe piegate e cinte da un mio braccio, l’altro con il gomito sopra il ginocchio che mi sorregge il mento.
Non è una giornata di sole.
I piedi nudi cosparsi di sabbia graffiante e bagnata, un maglione che mi ripara dal vento gelido che non viene solo dal mare, i capelli scompigliati che hanno ancora voglia di giocare sul viso scavato, uno zaino a terra che porta addosso e mostra i segni del tempo vissuto.
Dentro c’è un asciugamano stanco, un grande telo color verde militare.
Una penna instancabile getta fiumi di parole al vento.

CAPITOLO II
Fin da piccola ero stata sempre innamorata, il classico ragazzino vicino di casa. Il mio aveva capelli scuri ed occhi chiari. Un visetto tenero e dolce, ai miei occhi un tenebroso.
Immaginavo di diventare una moglie brava ed affettuosa, mamma di tanti bambini. Lui al mio fianco, forte come una roccia, per tutta la vita. Una vita che non avrebbe mai più conosciuto ostacoli.
Quelli incontrati fino ad ora sarebbero stati solamente un brutto ricordo, un dimenticatoio che non avrei mai più aperto.
Briciola, la mia gattina striata di bianco e grigio, era sempre accanto a me. Ronfando beatamente, assecondava tutti i miei pensieri.
Il mio diario iniziava a custodire poesie, riflessioni e racconti. Un cassetto andava riempiendosi di diari, fragili sogni compressi che in seguito avrei liberato.
Un pomeriggio come tanti altri, quel ragazzino che stava diventando uomo, guardando altrove, mormorò con disinvoltura forzata la richiesta di fidanzamento.
In un lampo risuonarono le parole di mia madre “Non far capire ad un uomo che lo ami, fatti desiderare a lungo, solo mettendolo alla prova capirai se ti ama davvero”.
Così, innamoratissima ed emozionata per la richiesta attesa da anni, risposi con un secco no.
Le innumerevoli volte che fu rinnovata la sofferta dichiarazione d’amore ebbero i loro frutti, un bel giorno trovai il coraggio per dire si.
Seguirono mesi e mesi trascorsi nella visione magica della relazione vissuta in quel momento. Del suo futuro inossidabile, che solamente la spensieratezza di un adolescente può avere.
Soprattutto per aver potuto davvero constatare che l’amore immaginato da piccola sagomato da coccole, carezze ed affetto, era proprio così.
E la scena impetuosa di quel miserabile che anni prima aveva tentato vigliaccamente di sopraffarmi con la forza e la meschinità aveva finalmente preso la sua giusta dimensione.
Vinsi da bambina una battaglia molto più grande di me, sia fisicamente che psicologicamente.
Per vincere avevo dovuto lottare, correre, urlare, scappare.
Ma non sapevo che avrei assaporato davvero la gioia ed il senso della vittoria solo dopo aver conosciuto i veri gesti dell’affetto più profondo.
Con questa mia prima infatuazione, con la quale avevo conosciuto le tenerezze e dolcezze dell’amore, avevo davvero concluso la mia battaglia.
E vinto.
Un giorno cominciai ad essere assalita dai dubbi, fino a quando dissi basta e imparai l’amaro peso delle parole di chi ti dice che senza te non vive.
Prendevo anche consapevolezza che l’amore da me provato, quello vero, si annida profondamente nel mio cuore. Indimenticabile, unico come chi, immancabilmente, sogno e idealizzo.
Sentii il mio sogno svanire lentamente. Anni e anni idilliaci crollati senza una vera ragione, come senza ragione erano nati. Anzi, prima ancora di nascere.
La malinconia si stava sostituendo alle illusioni, aggravata da una situazione familiare divenuta assolutamente insostenibile.
Sapevo essere perfettamente uguale a quella di un mio compagno di classe, con il quale però, non avevo mai legato.
Mancava ancora un po’ al suono della campanella.
Ci ritrovammo a conversare della vita, dei dubbi, dell’amore, della scuola, della famiglia. Tutto in meno di mezz’ora ed in meno di mezz’ora m’innamorai nuovamente.
Sottolineò che tre giorni dopo sarebbe stata Pasqua e per nulla al mondo avrebbe rinunciato a vedermi. Ammirando estasiata i suoi boccoli dalle mille sfumature castano chiaro, il sorriso smagliante e la dolcezza innata, balbettai che avrebbe fatto piacere anche a me.
Ed insieme allo scambio degli auguri iniziò la nostra storia. Che fosse nata sotto una buona stella mi sembrò un dato ineccepibile, l’essere sbocciata in quella ricorrenza non poteva essere che di buon auspicio.
Invece altro non ero che una foglia verde aggrappata alla sua pianta, speranzosa che l’autunno avesse tardato ad arrivare.
E ritrovarmi a terra, a marcire anzitempo.
Il distacco. Che dolore immenso.
Ricordo le mie viscere non essere più dentro di me. Ricordo che qualcuno mi strappava di dosso qualcosa, ma non ricordo né chi, né cosa. Ricordo che ero senza fiato, senza parole, senza pensieri. Ricordo che piangevo. E che impazzivo mentre venivo frantumata dai cingoli di un carro armato.
Partii, in vacanza al mare.
Quattro ore in treno senza sedersi perché senza prenotazione, la temperatura altissima perché l’impianto di condizionamento fuori uso ed un’aria asfissiante perché stracolmo di viaggiatori, non mi fecero dare per vinta. Nemmeno il tempo di salutare e posare i bagagli che, trascinando mia sorella, mi ero catapultata in spiaggia per abbronzarmi a più non posso. Potevo confidare solo in un’intensa abbronzatura per avere la minima possibilità di riconquistare il mio fidanzatino.
Corsi talmente concitata alla spiaggia da scontrarmi con il ragazzo dell’ombrellone accanto al mio…

Profilo di Cinzia Corneli nella Galleria degli Autori.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

 Metti la spunta se vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento.

- Aggiungi una immagine -

Commenti recenti

FIERA DEI LIBRI ON LINE

Panico a Milano di Gino Marchitelli

Panico a Milano di Gino Marchitelli. La terza indagine del professor Moreno Palermo: dal lago Maggiore a Lambrate una serie di delitti collegati a un crimine del 1943.

La traccia del pescatore di Roberta Castelli

La traccia del pescatore di Roberta Castelli è un romanzo giallo ambientato in Sicilia, nell'immaginaria cittadina di Lachea, con protagonista il commissario Angelo Vanedda.

Enne di Piero Buscemi

Enne di Piero Buscemi è uno sorta di diario intimo, come lo definisce l'autore, della quarantena conseguente all'esplosione della pandemia di COVID-19.

Cercando le cose di lassù di Paola Zugna

Cercando le cose di lassù di Paola Zugna è un testamento autobiografico fedele nella verità dei primi quaranta anni di vita dell'autrice.

L’eredità dei vivi di Federica Sgaggio

L’eredità dei vivi di Federica Sgaggio è la storia di una donna, di una famiglia, ed è un romanzo politico, se politica è la lotta da combattere per attraversare i cambiamenti, per godere dei propri diritti, per avere la vita che si desidera avere.

Il professore di italiano di Marcello Signorini

Bellissima storia d'amore tra un professore liceale quasi sessantenne e una bella ragazza ventenne, raccontata dall'autore con delicatezza e sottigliezza psicologica.

Un nuovo inizio di Arianna Capogrossi

Un viaggio interiore della protagonista, proprio a cavallo del lockdown, tra ostacoli da superare, paure, incertezze e nuovi amori, porterà all'acquisizione di nuove consapevolezze e alla riscoperta di sé stessa.

Il collegio dei segreti di Paolo Arigotti

È esistita una resistenza tedesca contro il nazismo? Se si, chi furono coloro che trovarono il coraggio di opporsi, spesso a rischio della vita propria e dei familiari? A queste domande risponde il romanzo storico di Paolo Arigotti.

Liceo a Luci Rosse di Paola Lena

Una storia che fa riflettere e che accende mille campanelli di allarme; una storia che, nella sua folle assurdità, risulta essere purtroppo possibile e fin troppo reale.

BeatriX di Cristiano Venturelli

Quale potere è racchiuso in uno sguardo? Secondo gli antichi, lo sguardo, quando ha raggiunto tutta la forza di penetrazione e di influenza di cui è capace, diventa un'arma terribile.

NEWSLETTER MANUALE DI MARI