Le Olimpiadi si vincono anche così
Le Olimpiadi si vincono anche così
Nikki Hamblin e Abbey D’Agostino

RIO DE JANEIRO – Nikki Hamblin e Abbey D’Agostino impegnate nelle batterie dei 5000 metri scrivono una delle storie più belle e significative di queste Olimpiadi.

A quasi metà gara la neozelandese Hamblin cade e trascina con sé l’americana D’Agostino. Quest’ultima si rialza subito ma vedendo che la Hamblin è ancora a terra l’aiuta a rialzarsi e riprendono a correre ma la D’Agostino si è fatta male e non riesce più a continuare. Questa volta è la Hamblin che la incoraggia e cerca di aiutarla a riprendere la corsa.

Naturalmente non riusciranno a qualificarsi però il CIO decide di ammetterle ugualmente alla finale anche se la D’Agostino dovrà dare comunque forfait.

Le olimpiadi si vincono anche e soprattutto così, con quello spirito olimpico che da solo giustifica e premia gli sforzi di tantissimi atleti che si incontrano e si sfidano nella più grande e prestigiosa manifestazione sportiva mondiale.

Non tutti possono vincere le gare ma tutti possono vincere questa gara speciale e unica del fair-play. La gara più importante di tutte.

Qualcuno dovrebbe spiegarlo a quel judoka egiziano che dopo essere stato battuto dall’avversario israeliano non ha voluto stringergli la mano.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

 Metti la spunta se vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento.

- Aggiungi una immagine -