La recensione di Nicla Morletti

L'Eco Rossa di Lucia Visconti CicchinoUn libro dal forte impatto psicologico ed emotivo. Un racconto che cattura l’animo, acuisce i sensi. Che desta attenzione. Pausa. Riflessione.
Un narrare così lucido,  così vivo e vero, seppur nel dolore, nell’affanno, nell’angosce che una malattia porta con sé. Sempre.
Mi trovo in perfetta armonia con Giorgio Barberi Squarotti quando scrive: “Una straordinaria lezione di speranza e di vita.” Non si può dire di più quando la forza vitale riesce a sconfiggere la morte e la malattia silenziosa che si annida nelle cellule per distruggere tutto.
Una scrittura, questa, di Lucia Visconti che va ben oltre qualsiasi valore letterario e per questo d’immenso valore.
Questo volume è stato pubblicato dalla Lega Italiana per la lotta contro i tumori – Sez. di Firenze Onlus.

L’ECO ROSSA
di Lucia Visconti Cicchino

LILT – LEGA ITALIANA PER LA LOTTA CONTRO I TUMORI
2008, p. 62

“… il racconto così lucido, sereno pur nel dolore e nell’angosce, è una straordinaria lezione di speranza e di vita … si tratta di una scrittura che è aldilà della letteratura come invenzione, perché coincide con la realtà delle esperienze vere di ciascun uomo, di malattia e di figura della morte, sempre incombente…”

Giorgio Barberi Squarotti


Dal libro

Nonna, io?

Squilla il telefono.
Poche parole scambiate da Enrico Viviani: non si capisce granché, ma tutti hanno udito ‘ospedale’.
– Cosa è successo? – chiede la moglie, Daniela, con un pizzico d’ansia.
– Rita è in sala travaglio – risponde, cercando di trattenere l’emozione.
– La mia bambina, in sala travaglio!
Immediato il ricordo dei suoi parti: Rita non deve soffrire così.
Accanto a lei c’è Francesco: un sostegno psicologico importantissimo, ma non ne diminuisce le doglie.
Non pensa a “Desiderata”, che incarnerà una stupenda pasqua. Vuole solo correre dalla figlia.
– Prima pranziamo, poi andremo. – temporeggia Enrico. La barba bianca ne fa l’immagine di uomo saggio, certamente concreto.
Ma cosa dici? Vuoi arrivare quando già ha partorito? Per favore portami da lei.
– Mangiamo. Non si sa per quanto dovremo aspettare: è il primo figlio.
Daniela, capelli grigi, curati, occhi acuti, ma circondati da borse ben visibili, sbocconcella e inizia un monologo a mitraglia: “Riuscirà a respirare bene? La bambina avrà il laccio ombelicale che ostacola il parto? Noemi è così minuta: non dovranno ricorrere al cesareo? Quando nacque, il travaglio non fu ‘accio’, ma era il secondo parto. Durante il primo, non riuscivo a comprendere le varie fasi e andai letteralmente in ’tilt’”.

Leggi e commenta nel Blog degli Autori…


Il Profilo dell’autore nella Galleria degli Autori

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

 Metti la spunta se vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento.

- Aggiungi una immagine -