domenica, 6 Dicembre 2020
Home Narrativa Amore e Vita L'eternità dell'amore incompiuto di Sergio Tavanti

L’eternità dell’amore incompiuto di Sergio Tavanti

-

L'eternità dell'amore incompiuto di Sergio Tavanti

L’eternità dell’amore incompiuto di Sergio Tavanti, un titolo che “racconta” come pochi il tema del libro

L’eternità dell’amore incompiuto di Sergio Tavanti, l’amore oltre il tempo e gli eventi

Nella Firenze degli anni 70, tra due giovani, Cosimo ed Eleonora, nasce un grande amore destinato a interrompersi drammaticamente. In conseguenza di ciò, la vita dei due protagonisti prende strade differenti: Cosimo si sposa con Francesca e ha una figlia, mentre Eleonora non riesce più a ritrovare l’amore perduto e, dopo varie esperienze di convivenza, rimane single. Tuttavia aleggia su entrambi il principio secondo il quale un amore incompiuto è destinato a perdurare immutato nel tempo, rimanendo indelebile la natura del sentimento provato originariamente l’uno per l’altra. Cosa succederà quando essi si incontreranno nuovamente? L’intera loro storia viene narrata da Cosimo in uno scritto segreto che la figlia ritroverà dopo la sua morte. Scoprirà così che molto tempo prima della sua nascita la vita sentimentale del padre era stata caratterizzata da un grande amore prematuramente interrotto e che sua madre dovette lottare tenacemente contro la costante presenza nella vita del marito di quella donna amata in gioventù.

Leggi anteprima del libro

Primo brano

Quella mattina Eleonora decise di uscire di buonora. Era andata a trascorrere due settimane al mare a Follonica, dal momento che aveva a disposizione alcuni giorni di ferie arretrate e aveva assolutamente bisogno di allontanarsi un po’ da casa e distaccarsi da Giovanni, per capire quali fossero i reali sentimenti che provava per lui. Le piaceva camminare sulla battigia quando non c’era nessuno, sentire il suono della risacca, assaporare l’aria fresca sul viso, guardare l’orizzonte a perdita d’occhio. Ogni tanto si chinava a raccogliere qualche conchiglia che aveva attirato la sua attenzione; ci giocherellava un po’ e poi la gettava in acqua. Non pensava a niente; aveva la mente completamente libera, abbandonata a se stessa, nessuna preoccupazione, nessun impegno, nessun dovere.
Dopo circa un’ora di passeggiata Eleonora raggiunse uno scoglio, dove si fermò. Si arrampicò quanto più in alto poté e sedette su un masso a strapiombo. Da lì poteva vedere un panorama dai meravigliosi colori. Il vento, che nel frattempo si era leggermente rinforzato, la spettinava, facendole arrivare alcune ciocche di capelli davanti agli occhi. Istintivamente cercò in tasca un elastico per poterli legare a coda di cavallo.
“No, non lo fare! Sei bellissima con i capelli al vento!” le aveva detto Cosimo qualche anno prima. E ora, improvvisamente, questa frase le tornò in mente. Ricordò anche i particolari di quella occasione: erano andati in gita a Montesenario. Tirava un forte vento quel giorno. Lei cercava di ripararsi abbracciando Cosimo che l’aveva accolta dentro una metà del suo impermeabile aperto. Camminavano sul lungo viale in salita che portava al convento e, quando l’ebbero raggiunto, si misero a sedere sul muretto di cinta che delimitava uno strapiombo e un panorama mozzafiato. Il vento spettinava Eleonora tanto da infastidirla. Allora ella prese un elastico che teneva in tasca, se lo mise in bocca e con le mani raccolse i capelli sulla nuca per poterli legare. In quel momento la mano di Cosimo la fermò. “No, non lo fare!” disse, “Sei bellissima con i capelli al vento!” Lei obbedì e i suoi lunghi capelli cominciarono a danzare scompigliati dalle raffiche. Cosimo restò incantato a guardarla.
Eleonora rammentava perfettamente la strana sensazione che la pervase in quel momento. Si sentiva imbarazzata ma al contempo godeva di un intimo piacere; le piaceva essere guardata, soprattutto se a farlo era Cosimo, che in questo non focalizzava la sua attenzione su determinati particolari, ma cercava in lei l’espressione più sublime del suo essere donna. “Peccato che io non sappia dipingere” le diceva, “Ti avrei ritratta mille e mille volte!”.
Questo ricordo, balzatole in mente improvviso e nitido, turbò Eleonora. Non le era più capitato di pensare a Cosimo dopo che aveva conosciuto Giovanni. Continuò a fissare l’orizzonte in una sorta di ipnosi. Il vento continuava a scompigliarle i capelli. Ma Eleonora restò immobile, come se ci fosse stato ancora Cosimo a guardarla.

Secondo brano

“Non ti senti mai solo?”
“Solo stamani ho realizzato che sarei andato senza nessuno a quella premiazione e ho provato un senso di desolazione. Mi hai soccorso nel momento più importante, comparendo inaspettata all’improvviso. Una tale sorpresa sarebbe stata degna della migliore tradizione teatrale. Ma non credo tu sia venuta apposta per accompagnarmi a ritirare la medaglia. Allora, perché lo hai fatto?”
Giunsero alla vettura. Cosimo aprì lo sportello e fece entrare Eleonora. Poi si mise al volante e accese il motore.
“Mancano molti accessori” constatò la donna “il mangiadischi, il plaid, il volante in radica…”
“Altri tempi mia cara. Ma non hai ancora risposto a quello che ti ho chiesto poco fa: perché sei venuta?”
“Per cercare con te un accettabile compromesso per le nostre solitudini. Non voglio passare gli ultimi anni della mia vita senza la possibilità di amare qualcuno e essere a mia volta amata. E per me non esiste “altro qualcuno” che te. So bene quanto Francesca ti abbia amato e quanto la tua vita possa ancora essere scaldata da quel fuoco. Ma quando inevitabilmente avrai freddo, vorrò essere io ad accendere nuovamente la fiamma del tuo sentimento orfano di amore. Non sono venuta a proporti né matrimonio né convivenza: fallirebbe per i nostri opposti modi di vita. Non è del tuo amore fisico che ho bisogno, ma di quel sentimento di affetto che sono certa tu potresti darmi senza timore di offendere la memoria di Francesca.”
“Devo dirti una cosa” la interruppe Cosimo. “Prima di morire fu proprio Francesca che mi supplicò di cercarti e di riallacciare con te quella relazione interrotta a suo tempo. Sapeva che il tuo amore verso di me era veramente grande e che avrebbe potuto renderci felici. Non ho mai voluto. Non chiedermi perché.”
“Avevi paura. Da quella sera hai sempre avuto paura di me, del mio comportamento, delle mie azioni. Inquietudine, preoccupazione, ansia, apprensione, allarme che potessi farti ancora del male. E mi hai sempre allontanata per questi motivi, anche negando l’amore che provavi. Queste fobie erano nel tuo inconscio, ne sentivi la forte influenza nell’orientare le tue decisioni senza poterle contrastare con la ragione. Ci ho messo degli anni a capire che era l’altro Cosimo ad avermi cacciata dalla vita del primo. Ma ora credo che l’altro Cosimo non esista più, sia solo una lontana malattia. Per questo sono qui. Vorrei che quel Cosimo, custode del mio cuore e del mio amore, mi accettasse così come sono diventata e per quello che ancora posso dargli.”
Istintivamente Eleonora prese la mano di Cosimo e la strinse.
“Sai ancora cantare?” chiese Cosimo.
“Da allora non l’ho più fatto, ma se vuoi possiamo provarci. Va bene Un’avventura di Battisti?”
“Non potevi scegliere di meglio!”
Sulle rampe del Viale dei Colli verso il Piazzale Michelangelo passò una vecchia Fiat, dalla quale si udiva provenire una vecchia canzone di Lucio Battisti. Alla guida della vettura c’era un vecchio signore con accanto una vecchia signora, che si tenevano per mano.
Il loro vecchio amore incompiuto sarebbe stato eterno.

L’eternità dell’amore incompiuto
di Sergio Tavanti
Copertina flessibile: 224 pagine
Editore: Gruppo Albatros Il Filo (10 settembre 2020)

32 Commenti

  1. l libro direi che è all’altezza di autori altisonanti dello stesso genere, anzi. Ho amato alla follia tutti i personaggi, ben pensati e mai banali. Pensavo si trattasse della solita trama del tipo “lui, lei, l’altra” scontata e sentita in mille salse. Ma non è stato assolutamente così. Mi sono rimaste impresse alcune parti perché originali e messe al punto giusto per spezzare la narrazione della trama, come: – l’aneddoto sui gettoni (che cosa affascinante!), – l’intervista al “chirurgo romantico” La narrazione non è monotona anche perché il decorso delle cose non è mai lineare e ti tiene sempre sul chi va la, senza poter dare nulla per scontato. Nel complesso è una lettura che anche rifarei, perché la ricercatezza delle parole e quindi delle descrizioni ti porta a pensare che forse quella scena non te la sei “gustata” abbastanza, o comunque speri di esserti perso qualche particolare tra le righe, per i ricchi dettagli che ogni volta ci sono. Ho apprezzato molto anche la ricerca delle parole, ricercate ma che non hanno appesantito, dei luoghi, sempre molto specifici e delle descrizioni, minuziose sì, ma mai così dettagliate da annoiare. Mi piace che più di una volta la storia sia “circolare”: a molte cose raccontate viene data una conclusione nelle pagine successive, proprio a dare un senso al perché siano accadute tempo prima. Questa cosa mi piace molto quando leggo, mi sento come se incastrassi di volta in volta pezzi di un puzzle. Ho apprezzato la coerenza del titolo rispetto al contenuto del racconto: spesso mentre leggi un libro non è detto che ti ricordi il titolo, perché magari non c’entra nulla con la trama. Direi che non è questo il caso, allo stesso modo è equilibrato il tutto perché non viene sempre rimarcato pedantemente che “l’amore incompiuto è eterno”.

  2. Un libro dove i protagonisti ti travolgono e ti fanno toccare con mano le loro vite e le loro emozioni, sembra di vivere i loro sentimenti d’amore. Ci si immedesima nella loro vita quotidiana e nelle loro storie “incompiute”. Firenze è la cornice perfetta. Un romanzo adatto a tutti e un bel pensiero se vogliamo regalare il tempo di una buona lettura.

    • Cara Letizia, il tuo commento mi riempie di gioia perchè hai saputo cogliere il mio pensiero tra le righe, perchè è lì, in quello spazio bianco, che si risvegliano i ricordi, i pensieri e le emozioni del lettore. Grazie Sergio

    • Cara Giulia, il tuo commento al mio libro mi fa estremamente piacere perchè mi conferma di aver raggiunto il principale obiettivo: quello di accompagnare il lettore nel mondo delle storie narrate per concedergli momenti di sereno e piacevole svago. Spero che molti altri lettori e lettrici provino le stesse sensazioni ed emozioni. Un abbraccio, Sergio.

  3. La tematica di questo libro mi ha subito attratta e la lettura dei due brani proposti, scorrevole e piacevole, mi ha invogliata a leggerlo interamente. Complimenti all’Autore!

    • Carissima Paola, sono cero che la lettiura dell’intero libro potrà corrispondere alle tue attese. Un abbraccio e grazie per il tuo commento. Sergio

  4. Un romanzo che sa di vita vera. Chiunque penso abbia un amore incompiuto a cui ogni tanto nel corso della propria vita si trova a pensare, a come sarebbe potuto essere. Scorrevole e accattivante

    • La ringrazio per il commento. Sul mio modo di scrivere le posso dire che non amo dilungarmi in descrizioni o eccessivi particolari ma previlegio la trama come fosse la sceneggiatura di un film, questo perchè nasco giornalista quindi concisione ed essenzialità sono le prerogative di un articolo. Le invio in cordiale saluto Sergio Tavanti

  5. L’anteprima è davvero emozionante, ti cattura subito e viene proprio la voglia di saperne di più.
    L’amore, tema delicato e allo stesso tempo travolgente, di cui solo in pochi sono capaci di parlarne e in questo libro sembra proprio che l’autore ci sia riuscito. Spero di avere l’onore di leggerlo tutto.

    • Ho voluto incentrare la vicenda sull’assunto che quando un Amore (con la A maiuscola) non riesce ad avere una sua spontanea evoluzione, perché bruscamente interrotto da eventi imprevisti e improvvisi, esso rimane latente nell’animo delle due persone che lo hanno visto germogliare ma poi non fiorire. E allora tutto può accadere perché il tempo perde il suo potere obliante. L’unico fattore limitante la ripresa di questo Amore incompiuto dipende dalle condizioni che nel frattempo si sono sovrapposte nella vita dei protagonisti, ma questo riguarda solo l’aspetto materiale e non spirituale. Perché l’Amore è energia purissima e di per sé indistruttibile. Grazie per il commento

      • Bellissimo messaggio, davvero emozionante e pieno di significato. Come diceva Virgilio “Omnia vincit amor”.
        Grazie per le sue parole.

  6. Un amore incompiuto ma allo stesso tempo destinato a non finire mai. La potenza di un sentimento che continua ad esistere anche quando la vita ti mette davanti a delle scelte e quando la scelta che fai è giusta per la mente ma allo stesso tempo sbagliata per il cuore. La protagonista porta il mio nome ed io sono stata totalmente rapita da queste prime righe. Mi piace che il tutto venga raccontato da Cosimo in prima persona e che il lettore ne venga a conoscenza tramite una lettera che verrà trovata e letta dalla figlia. Mi piacerebbe avere la possibilità di leggere l’intero libro, sicuramente è una storia che ha tanto da insegnare e che propone tanti spunti su cui riflettere.

    • Anche se il romanzo ha come filo conduttore la vita di Cosimo, in realtà le vere protagoniste sono tre donne: Martina,Eleonora e Francesca. La prima alla ricerca del passato del padre; la seconda costretta a vivere con il suo drammatico segreto, la terza determinata a difendersi dal quell’amore eterno che fa parte della passata vita del marito. Una domanda: a quale di queste donne si sente più vicina?
      Sergio Tavanti

  7. Gli amori incompiuti sono quelli che non si scordano mai e si risvegliano quasi per caso quando il pensiero vola oltre il tempo vissuto.Non si riescono a sdradicare e pochi riescono a ritrovarsi . Bella questa storia ci riporta un po’ ai nostri anni giovanili ,un libro da regalare ,da leggere per ritornare al sapore dei ricordi lontani.Complimenti all’autore ha suscitato in me tanti ricordi grazie Mariliana

    • Mariliana, un nome bellisssimo, da romanzo! Sì i nostri amori giovanili vivono in noi tenacemente ma devono arrendersi di fronte alle mutate esigenze della nostra vita. Essi non devono mai far del male a chi in seguito ci ha dato il suo amore. Un caro saluto

  8. Che bella la “mia” Firenze, quella degli anni 70, proprio quella che ho vissuto ragazza e che ha visto nascere in quegli anni il mio grande amore, l’amore della mia vita!
    Sarebbe un vero piacere leggere il seguito del libro, che offre un’anteprima così accattivante e nello stesso molto coinvolgente!

    • Spesso, girando in città ho ricercato quella Firenze di un tempo, quando la mia gioventù si sposava con la spensieratezza di chi è in cammino verso qualcuno con cui condividere la felicità di percorrere romanticamente strade e piazze mano nella mano. La ringrazio del commento Signora Elena.

  9. Che meravigliosa lettura da leggere vicino al caminetto avvolta in una morbida coperta in compagnia di un buon bicchiere di vino .E quella mattina…….

    • E quella mattina… “aprendo gli occhi ebbi la sensazione che le pagine lette fossero frutto del mio sogno. Ma sentendo il profumo di chi ancora stava dormendo nel letto accanto a me, mi resi conto che quella persona esisteva e mi amava e la mia vita non aveva nulla da invidiare alla trama di quel bellissimo romanzo che stavo leggendo.” Mi sono permesso di completare il suo discorso sperando che sia veramente così come avrebbe voluto. Un caro saluto Sergio Tavanti

  10. Un amore incompiuto è destinato a non morire mai. Questa immagine è davvero molto bella e commovente. Due cuori che si sono incontrati e si sono amati tanto, anche se lontani continueranno a battere all’unisono, e sono destinati a ritrovarsi e a non più lasciarsi. Mi piacerebbe molto leggere questo libro, e perdermi nella storia di Cosimo ed Eleonora. Inoltre, il fatto che tutto prende le mosse dal ritrovamento di un manoscritto di Cosimo rende il libro molto intrigante. I miei complimenti all’autore.

    • Si è sempre in cammino verso la persona alla quale un giorno si darà un bacio. Non bisogna mai chiudere le porte a quell’Amore che potrebbe cambiare la nostra vita. E tenere un diario dei nostri sentimenti, quelli più reconditi, ci servirà a ricordare attimi che il tempo potrebbe nascondere. La ringrazio per il commento.

    • La trama non è inventata. E’ la rielaborazione di fatti personali e altri cui sono venuto a conoscenza che meritavano di essere narrati. Mi sono accorto che a volte la vita è più attraente di un romanzo. Un caro saluto.

  11. Dalla presentazione viene riportato “L’eternità dell’amore incompiuto, un titolo che “racconta” come pochi il tema del libro” anche la copertina la trovo molto in sintonia con il tema che l’Autore vuole trattare, un orologio antico… che porta i segni tempo….senza lancette…. un amore senza tempo, ma fissato nel tempo.
    Un opera nata da un manoscritto trovato, un amore sbocciato e poi interrotto… due anime lontane fisicamente, ma legate da un sentimento che riaffiora, strade diverse percorse, per poi rincontrarsi?
    Sicuramente un’opera improntata sui sentimenti, sulle sensazioni, sulle riflessioni… Spero di aver l’opportunità di leggerla…

    • Mi scuso per il ritardo nella risposta, ma sono alle prese con un nuovo romanzo che spero di pubblicare presto. Generalmente scrivo di getto e poi rileggo più e più volte la pagine per migliorare la narrazione e correggere eventuali errori. Per la copertina ho scelto l’immagine che più poteva corrispondere alla mia concezione astratta dell’eternità. Sono molto contento che le sia piaciuta e ne abbia intuito l’essenza. Un caro saluto.

      • grazie per aver risposto al mio commento, mi soffermo spesso a guardare le copertine, magari a torto, delle opere, in quanto penso che dietro a queste realizzazioni grafiche ci sia un gran lavoro da parte dell’Autore per “confezionare” la stessa, piccoli dettagli, colori, qualcosa che racchiuda con un’immagine, il senso della stessa.
        Le auguro una buona giornata.

  12. Adoro questo tipo di storie, ti fanno rimanere con il fiato sospeso e ti fanno anche ripensare a tante cose
    Tanti ‘ma se avessi fatto così’, ‘se avessi scelto questo’, ti fanno pensare al passato a tante cose
    La narrazione è intrigante, mi piace tantissimo il modo di narrare e scrivere dello scrittore.
    Bel libro, spero di leggerlo quanto prima!
    Un abbraccio allo scrittore

    • Valentina, purtroppo il passato non si può cambiare ma non deve scomparire dai nostri ricordi, soprattutto gli attimi più belli vissuti. Con il tempo ci si accorge che l’Amore con la A maiuscola esiste, non è solo trama di film e romanzi, e che forse lo abbiamo anche vissuto non apprezzandone appieno la forza e la vitalità. Ma conservarlo dentro di noi è bellissimo. Ricambio l’abbraccio Sergio Tavanti

  13. Amori ritrovati, amori che anche se finiti non hanno odio. Un tema che oggi giorno capita molto di rado, ma io ho, almeno penso, la fortuna di avere un ex amore che non ha mutato la nostra amicizia,ovviamente non ci si sente spesso ma quando capita il rapporto di amicizia è sempre solido. Molti interrogativi restano sempre. Ma se fosse andata avanti? Ma se ci ritrovassimo tra 30 anni? Come sarebbe la nostra storia se fosse proseguita? Bhe forse non lo scopriremo mai, ma sarà un amore, proprio come quello di Cosimo ed Eleonora, che porterò sempre con me.

    • L’amore è energia purissima che non si distrugge ma può trasformarsi senza perdere vitalità e forza. Nel romanzo affronto anche questo aspetto quando Cosimo incontra dopo tanti anni un suo vecchio compagno, Ettore, e insieme, ripercorrono le loro passate storie. Sono molto contento della trasformazione del suo amore per il suo ex in amiciza vera e sincera perchè farà perte della sua vita come evento degno di essere conservato intatto nella sua essenza. Un caro saluto

  14. Amo Firenze…mi ricorda la mia seconda vita un nuovo amore che nasce…. Mi piacerebbe leggere questa storia è vedere se trionferà l amore vecchio…come il Ponte…

    • La città di Firenze, come altre città (Parigi, Vienna, Roma) sono nell’immaginario collettivo il migliore scenario per vivere esperienze romantiche. Ma il sentimento che nasce in noi quando incontriamo qualcuno verso il quale ci sentiamo attratti ben presto si estranea da quanto ci corconda e vive nel piccolissimo mondo del nostro intimo. E’ così che deve necessariamente essere, vivendo di fuoco interiore e non influenzato da eventi esterni. Baciarsi al chiaro di luna è bellissimo, ma l’essenza è il bacio e non la luna. Il mio più bel bacio l’ho dato ad una ragazza chiusi in un ripostiglio!!! Un caro saluto

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

 Metti la spunta se vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento.

- Aggiungi una immagine -

PRIMO PIANO

Commenti recenti

FIERA DEI LIBRI ON LINE

Insondabile destino di Anna Ferrari

Insondabile destino è il romanzo più amato dalla prolifica scrittrice milanese. E' la storia di due coraggiose eroine a cavallo tra due ere.

Io sono una famiglia – il gabbiano di Liz Chester Brown

Io sono una famiglia - il gabbiano di Liz Chester Brown, storia di un dramma familiare moderno che, con la leggerezza di un battito d'ali, non volge mai in tragedia grazie all'incrollabile forza dell'amore.

La mulatta. Il riscatto di Corrado Leoni

L’avventura di una giovane etiope, la quale viene in Italia dietro la promessa di un lavoro dignitoso, motivata anche dalla speranza e dal desiderio di incontrare parenti del bisnonno italiano. Trova invece una realtà ben diversa e finisce sulla strada.

Il suono del vento di Cristina Origone

Il suono del vento di Cristina Origone, una storia giallo-rosa che si svolge in tempi e atmosfere diverse e che emoziona e coinvolge.

Le infinite vie del cuore di Alba Venditti

Le infinite vie del cuore di Alba Venditti, poesie con cui l'autrice esorta tutti ad aprire le proprie vie del cuore per rinascere ed aiutare il prossimo.

Quando il lavoro fa male di Federico Fontana

Quando il lavoro fa male di Federico Fontana si presenta insomma come un vero è proprio must, uno strumento indispensabile non solo per manager di aziende pubbliche e private ma anche per lavoratori che desiderano essere consapevoli su questo tema.

Il reale e l’immaginario di Daniela Quieti

"L’autrice ci accompagna attraverso i suoi versi raffinati ma incisivi in un viaggio senza filtri, prima come un novello Virgilio nell’Inferno e nel Purgatorio in terra e poi nel Paradiso di Beatrice".

Le favole di Nina di Nina Miselli

Le favole di Nina di Nina Miselli, fiabe e favole dolci e delicate, da leggere o da farsi leggere, per crescere divertendosi insieme a Fili il ranocchio, a Kili la rondine, ai folletti…

La voce del maestrale di Nunzio Russo

La voce del maestrale di Nunzio Russo, la saga di una antica dinastia di pastai siciliani sullo sfondo del novecento. Memorabile romanzo di esordio.

Spietata verità di Alessandra Perilli

Spietata verità di Alessandra Perilli, è l'avvincente romanzo thriller di esordio della scrittrice romana che ha meritato già molti riconoscimenti

NEWSLETTER MANUALE DI MARI