LA RECENSIONE DI NICLA MORLETTI

Nel godere dell'amore di Giuliano Cardellini
Un libro di poesie che toccano le corde del cuore, bianche come la luna, splendenti come perle, tremule come fiamme nell’ardere dell’amore.
L’autore esplora sentimenti ed emozioni profonde “nella terra della propria anima”, da cui emergono suadenti parole in versi, intense poesie.
Solo nell’amore vi è piena libertà di amare, dice Giuliano Cardellini, mentre la vita scorre sul sentiero assolato di briciole di gioia, emozioni rubate, prime intimità e estasi supreme. E dolcemente scrive: “amiamoci così / senza troppo vagabondare / consentimi / sfiorare / la tua pelle vellutata / smaniosa / nella gonna svolazzante, / concedimi / il gusto agrodolce / di terre lontane / in trasparenti coppe…”.

NEL GODERE DELL’AMORE
di Giuliano Cardellini

Raffaelli Editore – Rimini
2007, p. 104
Per ordinare il libro clicca qui


Intervento di Thomas Otto Zinzi
C’è un angolo nella Vita

C’è un angolo nella Vita che è solo nostro e nessuno può abitarlo.
Crediamo di sapere cos’è l’esistenza e diamo per scontato che l’uomo nasce e poi muore. Parliamo, il più delle volte, imitando dei suoni, che corrispondono agli umori e al luogo d’appartenenza. E quando conosciamo una persona ci affrettiamo a codificare il ruolo, l’intelligenza e soprattutto la furbizia. Questo, all’apparenza, fa dormire l’Anima e il Cuore lavora poco e a intermittenza. Tutto ciò anche essendo dei buoni Cristiani, degli ottimi frequentatori e servitori della buona politica e così sicuri di non avere nemici.
I giorni della settimana non hanno più colori e la domenica o il giovedì sono uguali. Intanto la Vita va avanti, e pur riempiendoci di regali, di lusso per vestire una perpetua nudità, c’è qualcosa di sciapo che neppure il sale del mare riesce a colmare. In questo vuoto le parole potrebbero cominciare a riprendere il loro valore. L’emozione le fa incontrare senza calcoli per far nascere il suono d’un rinnovato presente che rallenta la nostra inutile corsa verso il nulla e ci mette uno di fronte all’altro facendoci ridere e piangere per tutti i difetti che ci portiamo e i sogni che ancora riusciamo a fare. Nasce la poesia.
L’esigenza di far filtrare l’essenza – fatta di virgole, esclamazioni, verbi, pause, punti e respiri – dei nostri sentimenti nell’Arte. E tutto questo nell’immortalità di un piccolo libro, così fuori dalla logica del guadagno che nasce solo per un investimento interiore. Il valore d’incontrare la propria vita nelle parole d’un poeta che apre il suo angolo segreto, interno alla Sua memoria, a quel mondo di esseri umani che abitano una nuova città, dove si ricomincia a parlare, si rinuncia a tradire e ci si ritrova con la propria innocenza nel Teatro della vita, dove la morte è solo una finzione.


In te

Non
respirerò
più,
acquei
sogni
volatilizzati,
foschia
impalpabile
già sfiorita,
in te
l’essenza
del petalo
perduto.

Continua a leggere e commentare nel Blog degli Autori…

Profilo di Giuliano Cardellini nella Galleria degli Autori

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

 Metti la spunta se vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento.

- Aggiungi una immagine -