giovedì, 22 Aprile 2021
HomeNarrativaRecensioniPerdona loro che sanno... quello che non fanno di Mauro Croci

Perdona loro che sanno… quello che non fanno di Mauro Croci

-

Perdona loro che sanno... quello che non fanno di Mauro Croci

Mauro Croci è uno scrittore la cui capacità narrativa è di indubbio valore. A dare un tocco da maestro c’è poi qualche concessione dialettale, ed il romanesco è sempre ben gradito. Questo libro può essere considerato benissimo un trattato di attualità, oppure un saggio di sociologia, ma anche una raccolta di riflessioni, il tutto ben condito con buon vino rosso e sana ironia. Un oste, un’osteria in una borgata romana, battute argute e simpatici frequentatori del locale insieme ad una atmosfera a tratti malinconica ed esistenzialista, conferiscono all’opera un tocco magico con perle di autentica saggezza. Si parla un po’ di tutto: di politica, di economia, senso civico e realtà quotidiane.
Nella narrazione e nella presentazione dei personaggi, l’autore si impegna in meditati scopi etici, ed ogni sua pagina racchiude un messaggio, un insegnamento, il tutto condito con sana veridicità. Un racconto che dà significato alle cose, uno scopo alla vita e che soprattutto scava nelle pagine della vita. “Il buon governo per il cittadino – sottolinea l’oste – si appalesa dagli esempi e dai comportamenti che uno Stato dà di se stesso. In primis, pe’ non fa vedè oltretutto che siamo sempre agli ultimi posti delle classifiche che riguardano la credibilità di un Paese, sarebbero da rispettare gli impegni assunti.”
Una lettura insomma piacevole, anche per quel gradevole dialetto romanesco che ne impreziosisce le pagine. Nicla Morletti

Anteprima del libro

L’oste

Caro oste, qui ce tocca ariprende il dialogo – dice er dottore – bisogna aridà voce all’uomo della strada (che insomma siamo ‘n tuttuno, stando sulla stessa barca) che fra ‘n po’ a ritornano i Nostri che, anzi, so già tornati!
E chi sarebbero ‘sti nostri?
Ma come! I nostri ben emeriti, sì quelli che se fanno ‘a crociera sul Transatlantico a pensà a li fatti loro… ma che dico… no… a li fatti nostri!
Beh!?! Dopo ‘sto lapsus calami, che vordì – prima che me ‘o chiedi – scivolamento de ‘a penna – dovuto a “malevoli” pensieri inconsci o consci? Mah!?! – ‘ndove ce semo lasciati a discore?
A dottò, che non te ricordi? Che c’hai le traveggole? Che t’è annato de traverso er mio vinello, pur così amabile e cortese?
‘Sto par de ciufoli! Me fai pure l’ironico! Mai ‘mbriacato che se me beccavano cor palloncino glie facevo i fochi d’artifizio che li bomboni, sì de quelli che allo stadio te bombardano li timpani, se sentivano de meno!
Vabbè, va, bevemo leggero che ce dovemo tenè lucidi co’ ‘sti tempi bui, ma così bui, che è difficile da vedè la luce dell’alba che ce vorrebbe l’illuminismo ma c’avemo l’oscurantismo!
Ah! Me ricordo, c’eravamo lasciati a sursum corda!
Eh! Sì in alto i cuori, armeno quelli – che ce ne avemo bisogno – che qui pe’ evità la bancarotta, più fraudolenta che no, c’hanno rivoltato come ‘n pedalino!
Eh! Sì, vedi te come c’aveva ragione er povero mi padre che, sempre a rintronallo pe’ portacce al mare, ce voleva invece porta alli MONTI!!!
A forza de mare, ce viè er dubbio che, seppure incolpevoli regazzini, tra palette e bigliette, semo stati noi a procreà tutti li governi balneari che c’avemo avuto sur groppone, insomma a faglie piacè er rilassamento pe’ arrostisse, senza pensà che la troppa esposizione glie poteva procurà ‘n’insolazione!
E che rilassamento c’avemo avuto! Che venendo ora tutti ‘sti nodi ar pettine pel troppo solleone, c’è toccato – pe’ non cantà er de profundis – adottà misure urgenti per risanà li debiti che se chiamano sovrani e già… pe’ fatte capì che vengono da lontano!
Aho! Se dice perdona loro che non sanno quello che fanno, ma nel caso se deve dì – con magnanimità – PERDONA loro che sanno quello che non hanno fatto!
E tutti ‘sti balzelli che ce sò ora venuti a spreme pe’ non facce fallì – dice l’oste – li farebbe pagà alli sovrani che c’avemo avuto che – colli sordi nostri – mica se so’ presi cura de fà quello che ce serviva… noo! Ma de portacce allo sfascio!
Certo è che – nonostante l’aria nova che s’è respirata a non vedè… sì quello e pure quell’artro e a non sentì… sì proprio quello e pure quell’altro, che almeno ‘na nostra dignità e credibilità l’avemo ritrovata – il povero tartassato del Bel Paese – a parte ‘ste misure immediate ed obbligate di rigore pe’ non facce fallì – si sarebbe aspettato da subito anche quei provvedimenti non più prorogabili sulle riforme strutturali da intraprende.
Ah Dottò! Qui bisogna prende trombette e sparetti pe’ fa’ capì che in primis le tasse, con la giustizia, sono il vero scandalo, in cui c’hanno lasciato naufragà da sempre, e che è sotto gli occhi di tutti, tranne… ma anvedi te!… Pe’ chi naviga sul Transatlantico!
Insomma è su ‘sti du’ settori, ma pure su l’artra disgrazia che ce perseguita e che se chiama burocrazia, che se doveva e se sarebbe dovuto intervenì senza perde’ tempo – seppure, come se dice, il tempo è stato tiranno – con priorità assoluta su qualsiasi altro problema e col mette da parte gli incapaci che c’avemo avuto!
Mah! – si chiede l’oste – devono venì dall’artro mondo pe’ capillo!?!
Sulle tasse, dottò, qui se fanno gli spot, senza rendese conto che a chi i balzelli li paga pure pe’ l’altri, quarcosetta, o meglio cosette glie potrebbero pure girà, che de consigli ce ne avemo pure troppi!
A comincià dal magna magna con cui la TV te martella con dumila leccornie che se stai a dieta… devi cambià canale, che poi de ‘sti tempi sarebbe ‘no schiaffo alla miseria pe’ chi deve trovà il pane pure pe’ la cena!
Messi da parte ‘sti consigli… d’istruzione su caviale e champagne, ma nessuno, ma proprio nessuno, se vergogna a che li poveri cristi che pagano, o non possono evade, debbono pagà le tasse pure pe’ l’altri?!?
Ma, a parte l’ipocrisia dei soliti ritornelli, nessuno, proprio nessuno c’avemo che lanci il grido di dolore pe’ la situazione de ‘sto paese, dove tra l’altro, eh!? l’80% dichiara spudoratamente 30.000 euro (ed il 50% addirittura 15.000) quando c’avemo di tutto dai macchinoni ai barconi, dai villoni agli intruglioni e dove se continuano a spreme i soliti noti che – sempre più bistrattati e tartassati – sò costretti a paga er doppio?
Parlà di “estorsione” è dir poco!
Ce fosse ‘na voce, solo una – armeno di quelle che se proclamano parti sociali – che se sentisse dì famo ‘no sciopero… questo sì da mettece le tende… ad oltranza!
Ma evidentemente ‘sta situazione “de spremitura” pe’ chi paga le tasse pure pe’ l’altri non interessa a nessuno – neppure a chi, pe’ vocazione, dovrebbe tutelà li debboli nonché gli onesti – ma anzi a ‘sto paese te dicheno che è da godè de pagà pure pe’ l’altri!
E invece di provvedere, chi sta sul Transatlantico – ritenendo il naviglio come l’arca de Noè immune da naufragi – continua a navigà in perpetua bonaccia che de ‘sti tempi se la trovano solo loro! E che te fanno? Gli spot!!!
Ma – dice l’oste – ma quale grido de dolore voi che venga se qui ce se vergogna se non arubbi, figuramoce quindi se te possono fa quarcosa pe’ sistemacce i fatti nostri!
Oltre che tutto ‘n quiz – ma ce manca, però, er più meglio, che appunto non se fa, de rende obbligatori i test attitudinali pe’ chi intraprende a navigazione, che se potrebbe chiamà super quizzone alla ricerca del cervellone – ora semo pure tutto ‘no spot!
E ci si affida – con nun se sa quale profonda ispirazione – all’uso “taumaturgico” dei mezzi di massa che, come d’incanto, ce metterà tutti in fila a strattonasse pe’ chi arriva pe’ primo a pagà!
Ma che te po’ risolve lo spot sugli scontrini?!?
Non ce vole uno che si chiami Pico pe’ capì che se ‘sti scontrini non li poi dichiarà o mandà a quel certo Ufficio – anch’esso povero pe’ tutti i sordi che glie nascondono – pe’ fa due più due, a che serve ‘sto pezzo de carta?
All’Urbe, caput mundi (‘na vorta!) se direbbe, ma non semo scurrili!!!
Quanti semo de contribuenti? 40 milioni?
E che c’avemo 40 milioni di finanzieri che s’acquattano e s’accampano fori dei negozi o degli uffici pe’ controllatte?
Quindi, ‘sti raid, che se fanno pe’ il Bel Paese, co’ ‘sti poveri “esattori” mannati a corre de qua e de là, te possono pure fa scoprì, ‘na volta ogni morte de Papa, li parassiti che c’avemo, ma con questo non se risolve il problema di fondo de fa’ pagà le tasse a tutti!
Né te po’ risolve ‘sto problema lo spot con quella faccetta santa der parassita – che devono esse annati a ‘n carcere de massima sicurezza pe’ trovallo – il cui unico effetto, se te compare quanno magni, è che te fa venì un colpo, forse pe’ prevenì i tempi della carestia pe’ facce fori!
Eppure de decisioni da prende pe’ risolve ‘sti problemi – alza stizzito la voce l’oste – ce sarebbero, basta avecce volontà e capacità.
Ah dottò, parassiti infatti mica so’ solo ‘sti magna magna che non pagano le tasse… noo!… Ma pure, oltre a chi te “costrigne” a pagà le tasse pure pe’ gli altri, tutti li carrozzoni che dovemo mantenè!
Aho! Se parla tanto – ma tanto pe’ parla – de ‘sti enti inutili che c’avemo e che devono esse eliminati pe’ quanto ce costano.

***
Perdona loro che sanno… quello che non fanno
di Mauro Croci
2014, 54 p., brossura
Europa Edizioni (Roma)
Ordina questo libro

Avatar
Mauro Croci

Mauro Croci è nato a Roma nel 1941. Avvocato, ha scritto libri di materia giuridica, in particolare sulla espropriazione per pubblica utilità ed un libello di tono satirico “1 litro 5 euro ½ litro 3 euro – Riflessioni e dialogo con l’uomo della strada sul Bel Paese”. Una sua grande passione sono state le corse automobilistiche. Ha partecipato a numerose gare e nel 1982 ha vinto una coppa CSAI rally nazionale.

4 Commenti

  1. il titolo mi aveva incuriosito e la trama mi ha davvero sorpreso, si parla dell’oggi ma non in senso retorico come spesso si fa ma se ne parla con le nostre bocche, nei nostre vie, con la nostra voce.
    Ci si sente quasi a casa leggendolo e puoi finalmente sentirti di dire la tua in tutta onestà.
    Grazie per l’anteprima.

  2. Mi sembra un libro che offre diversi spunti di riflessione senza essere pesante. Il linguaggio è brillante e assolutamente moderno! Lo leggerei volentieri.

  3. Mauro Croci lascia per un attimo le aule di giustizia per perorare la causa della giusta distribuzione. In un brillante dialetto romanesco propone serie riflessioni, che solo gli stolti evitano. Vorrei gustarmelo in toto. Grazie.

    • Stiamo attraversando un periodo difficile, in cui la giustizia sembra latente….in tutti c’è una gran voglia di credere, di avere, di toccare la giustizia con mano….La tv con tutti i suoi ” SALOTTI” trasformati in aule di tribunali hanno fatto di tutti noi dei giudici severi pronti a condannare e a giustiziare chi viene dato in pasto ai telespettatori……un pò come ” i cristiani” nella fossa dei leoni al tempo dell’antico impero romano. La giustizia non può essere usata solo per fare odience televisivo…per riempire pagine di giornali o per far parlare la gente al bar…..La giustizia è verità, voglia di costruire e progettare, voglia di crescere e maturare….

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

 Metti la spunta se vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento.

- Aggiungi una immagine -

Fiera dei Libri on line

LIBRI IN PRIMO PIANO

FIERA DEI LIBRI ON LINE