Il commento di Nicla Morletti

Rete Italia. La Tv e i nuovi scenari della comunicazioneCorrado Calabrò, Presidente dell’Autorità per le Comunicazioni, affronta in questo interessantissimo e prezioso libro scritto insieme a Barbara Corrao, temi scottanti e attuali.
Ed esprime, non a torto,  la propria preoccupazione per quanto riguarda la qualità dell’informazione e dell’intrattenimento televisivo, che rischiano di scivolare sempre più sul piano della superficialità e della banalità.
E’ la rete di nuova generazione che, spiega l’autore, rappresenta la chiave di volta per far ripartire l’economia italiana. La banda larga può avere la capacità di influenzare i processi produttivi. Bisogna sviluppare le autostrade della comunicazione, altrimenti si rischia di creare un nuovo divario dentro e fuori del Paese.
Un libro, secondo Gianni Letta, “fatto sul futuro, che parte da lontano”.

RETE ITALIA. La Tv e i nuovi scenari della comunicazione
di Corrado Calabrò con Barbara Corrao

Rubbettino – Collana Varia
2009, p. 202
Per ordinare il libro clicca qui

Stato, mercato e libertà, è questo in sintesi il dilemma non solo economico, ma anche politico e filosofico, che ha attraversato il dibattito culturale del Novecento e che ha trovato nuova linfa nel momento storico attuale, caratterizzato da evidenti fallimenti del mercato e dalla necessità di trovare nuove regole efficienti e condivise. L’esperienza di un uomo, come Corrado Calabrò, che ha servito lo Stato per oltre quarant’anni, rivestendo incarichi istituzionali di assoluto prestigio, dalle prima esperienze con Aldo Moro all’attuale Presidenza dell’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni, costituisce quindi un’occasione unica per rivisitare in senso critico la recente storia del nostro Paese e per capire di quali nuove regole ed infrastrutture l’Italia si debba dotare per poter affrontare le sfide economiche e sociali del nuovo secolo. Con incalzante argomentazione Calabrò individua nelle reti di comunicazione di nuova generazione l’innesco indispensabile per far ripartire un’economia – quella italiana – oramai strutturalmente stagnante e far protendere il Paese verso una “società dell’informazione” moderna, efficiente e pluralista.


Corrado CalabròCorrado Calabrò, nato nel 1935 a Reggio Calabria, si è laureato in giurisprudenza nel giugno 1957 all’Università di Messina. Vive a Roma.
Entrato per concorso (primo classificato), nel maggio ’68, nella magistratura del Consiglio di Stato, provenendo dalla magistratura della Corte dei Conti, ne è divenuto Presidente di sezione nel 1982.
Al Consiglio di Stato è stato presidente aggiunto alla III Sezione dal 1990 e della V Sezione dal 1996.
Dal 1 ottobre 2001 al 9 maggio 2005 è stato presidente del Tribunale amministrativo regionale del Lazio, dove ha presieduto anche la I Sezione, ch’è quella che si occupa della funzione pubblica nell’economia ed in particolare dell’Antitrust, della Consob, della Banca d’Italia.
E’ autore di monografie in diritto del lavoro e in diritto amministrativo. Tra queste, gli scritti in materia di giudizio di ottemperanza e quelli che tendono a spostare l’oggetto del giudizio dall’atto dell’azione amministrativa si collocano, con innovativi apporti, nel solco di una profonda svolta nel diritto amministrativo.
Dal 1963 al 1968 è stato Capo della Segreteria tecnico-giuridica del Presidente del Consiglio dei Ministri Aldo Moro a Palazzo Chigi.
E’ stato poi Capo di gabinetto in vari ministeri: Bilancio, Mezzogiorno, Sanità, Industria, Agricoltura, Marina mercantile, Poste e telecomunicazioni – nel 1978 -, Pubblica istruzione e università, Politiche comunitarie, Riforme istituzionali.
E’ stato Presidente del Comitato consultivo permanente per il diritto d’autore.
Presidente dell’Associazione magistrati del Consiglio di Stato dal luglio 1999 al settembre 2001.
Poeta. Scrittore. Per la sua opera letteraria l’Università Mechnikov di Odessa, nel 1997, e l’Università Vest Din di Timisoara, nel 2000, hanno conferito a Corrado Calabrò la laurea honoris causa.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

 Metti la spunta se vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento.

- Aggiungi una immagine -