SAMBA pour la France  di Delphine Coulin

Dall’autrice di 17 ragazze, il nuovo romanzo che ha ispirato i registi del film-rivelazione Quasi amici, ancora insieme sul set per questa commedia sociale agrodolce che è anche un canto al coraggio di rimanere liberi, in uscita in Italia il 23 aprile.

Corri, Samba, corri! Gli diceva così, suo zio, quando giocavano insieme a far volare l’aquilone e vivevano ancora sotto il cielo rovente dell’Africa. Ma ormai Samba non vive più in Mali. Da più di dieci anni la sua casa è Parigi. Per arrivare in Francia, in cerca di un riscatto e di un sogno, ha visto morire altri disgraziati come lui, ha avuto in bocca la sabbia ruvida del deserto, si è lacerato le mani sui confini spinati dell’Europa; per poterci rimanere ha stretto i denti, lavorato duro, lottato ogni minuto contro la sensazione strisciante e ostinata di inadeguatezza che gli faceva abbassare gli occhi. Manca poco al traguardo, e un mattino decide di andare in questura a chiedere notizie della sua carta di soggiorno. Quello stesso mattino la Francia decide che di lui non vuole più saperne: lo arrestano su due piedi, lo rinchiudono nel Centro di detenzione di Vincennes, e d’improvviso Samba Cissé diventa un irregolare, un clandestino. E deve ritornare a correre. Per sfuggire la polizia, la povertà, le parole insensate della burocrazia, l’amarezza che gli si pianta in gola. Per riconquistare un posto nel mondo, un’identità, un nome, e sopravvivere all’ingiustizia.
Tra lungosenna inondati di luce, scantinati freddi, vetrate da pulire sfiorando il cielo, sogni infranti, amicizie speciali, e un amore proibito, Delphine Coulin ci regala una commedia sociale agrodolce, poetica e implacabile, che potrebbe essere una storia vera e senza dubbio è un canto al coraggio di rimanere liberi.

“Forse era la fine. Il furgone filava a tutta velocità sul lungosenna e lui non aveva idea di dove lo stessero portando. C’era qualcosa che picchiava e sbatteva sul tubo di scappamento senza che nessuno potesse farci niente, e a ogni incrocio la sirena urlava. Un raggio di sole ha fatto scintillare le manette che gli stringevano i polsi. Le parole non erano servite. Era stato arrestato dalla polizia pur non avendo fatto nulla di male.”

Delphine Coulin scrittrice e regista, ha firmato la sceneggiatura del film tratto da questo romanzo. Ha diretto insieme alla sorella 17 ragazze, presentato al Festival di Cannes del 2011, ed è autrice di altri quattro romanzi. Nata in Bretagna, oggi vive a Parigi.

SAMBA pour la France
di Delphine Coulin
2015, 269 p., rilegato
Traduttore: Cuva G.
Rizzoli
Ordina questo libro

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

 Metti la spunta se vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento.

- Aggiungi una immagine -