T. S. Eliot la travolgente domanda. Cent’anni di Prufrock di Daniela Quieti

Thomas Stearns Eliot, nato a Saint Louis nel Missouri e deceduto a Londra nel 1965, è stato  un poeta, critico e drammaturgo, a cui nel 1948 è stato conferito il Premio Nobel. Egli appartiene al contesto del modernismo, corrente filosofico culturale che coinvolse e dette un’impronta nuova a tutte le arti, rivoluzionando gli antichi schemi. Eliot attinse alla Sorbona di Parigi le teorie filosofiche di Henri Louis Bergson e ad Harvard quelle di Francis Herbert Bradley. Trasferitosi a Londra, dopo aver trovato un impiego presso la Lloyds Bank, iniziò  a pubblicare le prime poesie, intraprese una notevole attività critica, fondò la rivista Criterion e divenne direttore della casa editrice Faber & Faber. In questo saggio, Daniela Quieti ripercorre tutte le tappe del famoso poeta e artista, analizzando le sue opere che suscitano nel tempo immutate domande e che, quasi cent’anni dopo, rimangono pur sempre attuali. L’autrice fa un’analisi completa sullo scenario storico  culturale dell’Età moderna  e sul noto Eliot, ne coglie con capacità di introspezione e maestria l’influsso dantesco e gli spunti classici, passa a sviscerare il poema  “The Love Song of J. Alfred Prufrock” e analizza dettagliatamente la lirica “La figlia che piange” la quale rispecchia la disintegrazione sia interiore che collettiva di un mondo che nei primi decenni del XX secolo non si riconosceva più nelle tradizioni religiose, sociali e romantiche del periodo precedente, come scrive l’autrice stessa. Un saggio completo dunque, che invita alla lettura per saperne di più su Eliot, La travolgente domanda e Cent’anni di Prufrock. Nicla Morletti

Anteprima del libro

È stato pubblicato, per i tipi della Ibiskos Ulivieri, il saggio T. S. Eliot la travolgente domanda Cent’anni di Prufrock della scrittrice e giornalista Daniela Quieti (Premio Speciale Saggistica Autori per l’Europa 2015, collana Le zagare, pp. 100).

È trascorso un secolo dall’apparizione di The Love Song of J. Alfred Prufrock, la prima poesia di Eliot considerata sovversiva all’epoca. Nel 1915 la lirica fu inserita sulla parte posteriore del numero di giugno della piccola rivista “Poetry: A Magazine of Verse” di Chicago. Trascorsero altri due anni perché l’opera fosse pubblicata in apertura della raccolta Prufrock and Other Observations, diventando rapidamente una importante icona poetica. A distanza di cent’anni, la Quieti ripropone l’immutata attualità di questa e altre composizioni giovanili di Eliot, in una imperdibile ricognizione esegetica che coinvolge grazie a uno stile morbido e avvincente. L’autrice spazia in parallelismi interdisciplinari e ambiti letterari, filosofici, politici e sociali inquadrando con acutezza e proprietà critica il percorso evolutivo che ha plasmato il rapporto con l’essere e l’esistere, lo scenario storico e culturale, l’età moderna, Dante, Virgilio e la classicità di uno dei maggiori poeti del XX secolo. Il monologante Prufrock, nel descrivere il senso di squallore quotidiano che pervade le sue divaganti inquietudini esistenziali, rappresenta il manifesto di una nuova poesia uscita da uno schema rigido per affermare i pensieri e le ansie della coscienza il cui slancio si muti in correlativo oggettivo.

Daniela Quieti è nata e vive a Pescara. Docente di Lingua e Letteratura Inglese, iscritta all’albo dei giornalisti pubblicisti, dirige alcune collane editoriali e cura rubriche di cultura e tradizioni per testate e riviste di settore. Partecipa attivamente a rassegne, convegni internazionali, attività di volontariato socio-sanitario ed è membro di giuria e consulente linguistica di concorsi letterari.

Ha pubblicato i libri di poesia I colori del parco, Cerco un pensiero, Uno squarcio di sogno, L’ultima fuga; di narrativa Altri Tempi, Echi di riti e miti, Quel che resta del tempo, Atmosfere Dal mito alla storia; di saggistica Francis Bacon La visione del futuro, T. S. Eliot La travolgente domanda Cent’anni di Prufrock. Della sua produzione letteraria, anche tradotta in altre lingue, hanno scritto autorevoli critici. Ha vinto numerosi premi, tra cui Città di Penne, Un Bosco per Kyoto, Città delle rose, Scriveredonna, Città di Empoli Domenico Rea, S. Margherita Ligure, Città di Pontremoli alla Cultura, Città di Cattolica alla Cultura, Parigi World Literary Prize alla Carriera.

Daniela Quieti

Daniela Quieti, già docente di lingua e letteratura inglese, iscritta all’albo dei giornalisti pubblicisti, è direttore editoriale della Pegasus Edition, presidente dell’Associazione Logos Cultura e direttore responsabile dell’omonimo periodico online. Cura rubriche letterarie per alcune testate e riviste e partecipa attivamente a rassegne editoriali, convegni internazionali e attività di volontariato socio-sanitario. È membro di giuria di noti concorsi letterari. Ha pubblicato i libri di poesia I colori del parco, Cerco un pensiero, Uno squarcio di sogno, L’ultima fuga; di narrativa Altri Tempi, Echi di riti e miti, Quel che resta del tempo, Atmosfere Dal mito alla storia, Cupido nella Rete; di saggistica Francis Bacon La visione del futuro, La travolgente domanda Cent’anni di Prufrock, Grendel e il Poeta Da Beowulf a Shakespeare, oltre a diverse opere collettanee. Della sua produzione letteraria, anche tradotta in altre lingue, hanno scritto autorevoli critici. Ha vinto numerosi premi, tra cui Città di Penne, Un Bosco per Kyoto, Città delle rose, Scriveredonna, Città di Empoli Domenico Rea, S. Margherita Ligure, Città di Pontremoli alla Cultura, Città di Cattolica alla Cultura, Parigi World Literary Prize alla Carriera, Premio Letteratura Spoleto Art Festival.

Guarda tutti gli articoli

27 Commenti

  1. tanti auguri di buon anno Daniela!!!!
    sono felice tu abbia scelto Eliot, grande autore da molti però non conosciuto! Sarei davvero felice di poter leggere il tuo libro per poter apprezzare ancora di più questo autore leggendolo dal tuo punto di vista ovviamente più competente del mio ahahah.

    Mariantonietta

  2. Del periodo del modernismo ho letto opere di Joyce e di Virginia Woolf, ho sentito nominare Eliot, ma non conosco questo autore. Questo libro sarebbe per me l’occasione di saperne di più su Eliot. Sarei curiosa di sapere in quale chiave l’autrice ha riproposto le opere di Eliot.
    Complimenti all’autrice per la scelta perché credo che sia un libro “nuovo” o meglio non conosco altri libri da leggere che ripropongono queste tematiche..

  3. T. s. Eliot è uno degli autori che piu amo, questo saggio sembra molto preciso e mi sarebbe di grande aiuto per la mia tesi.

    • La ringrazio di cuore, gentilissima Silvia, per il lusinghiero commento dedicato al mio saggio su Eliot. Un carissimo saluto !

    • Gentilissima Ketti, grazie infinite per l’attenzione rivolta al mio saggio “T. S. Eliot La travolgente domanda Cent’anni di Prufrock”. Con viva cordialità!

  4. Ho “conosciuto” Prufock in un freddo pomeriggio in biblioteca. Da allora Eliot mi ha sempre incuriosito e cerco di documentarmi come meglio posso. Questo saggio sembra essere molto interessante.

    • Grazie di cuore, gentilissima Betty, per il significativo commento dedicato al mio saggio “T. S. Eliot La travolgente domanda Cent’anni di Prufrock”. Le giunga un caloroso saluto !

  5. Sinceramente non conosco la storia di “T. S. Eliot, mi ha molto incuriosito il titolo e la descrizione; ed anche dalla mia poca conoscenza ci tenevo a lasciare un commento. Credo che sia un saggio molto interessante.

    • La ringrazio vivamente, gentilissima Anna M., per aver visitato e commentato questa pagina dedicata al mio saggio su Eliot. Cordiali saluti !

  6. Lo scopo che, secondo me, un libro deve prefiggersi è quello di trasmettere del sapere arricchendo culturalmente ed umanamente chi lo legge. Personalmente non conosco la storia di Eliot e sarebbe interessante poterla scoprire attraverso l’analisi attenta di Daniela Quieti.
    Spero di poter essere tra le fortunate lettrici.

    • Grazie infinite per la lusinghiera attenzione dedicata al mio saggio, gentilissima Beatrice, e un caloroso saluto !

  7. Interessante lo sforzo di ripercorrere la parabola poetica di uno tra i massimo autori del novecento. Un lavoro coraggioso considerando la mole di studi dedicati a questo poeta. Quello che mi attrae è il taglio suggerito per la lettura ovvero, partendo dal componimento che ha segnato la rivoluzione inaugurata da Eliot.

    • Gentilissimo Massimo, desidero ringraziarLa vivamente per il gratificante commento che ha dedicato al mio saggio, cogliendone l’intento. Le giungano i più cordiali saluti !

  8. Mi piacerebbe saperne di più di T.S.Eliot e credo che questo libro mi sarerebbe di grandissimo aiuto ! Mi piacerebbe poterlo ricevere

  9. Sicuramente questo saggio su Eliot dev’essere molto preciso e scupoloso … utilissimo per chi vuole analizzare meglio tutta la produzione letteraria di T.S. Eliot…

  10. Mi piace molto leggere i saggi soprattutto se questi sono ben documentati e scritti con passione e alta professionalità e mi sembra proprio che questo abbia tutte queste caratteristiche.

    • Grazie di cuore, gentile Valentina, per le significative parole di stima. Le giungano i migliori auguri di buon 2016!

      • Gentile Daniela,
        quello che ho scritto è il mio pensiero sincero. Sono contenta che Le abbia fatto piacere.
        La ringrazio e auguro anche a lei un felice anno nuovo.

  11. Daniela ritorna sul palcoscenico della letteratura con un saggio sul grande poeta Eliot. e lo fa da par suo, con classe, competenza e passione.

    Gaetano

    • Grazie, grazie di cuore, gentilissimo Gaetano, per l’attenzione e per il lusinghiero apprezzamento che mi ha dedicato. Le giungano i migliori auguri di buone festività e un caloroso saluto !

  12. Desidero ringraziare vivamente il Direttore Responsabile Nicla Morletti per il significativo giudizio critico dedicato al mio saggio “T. S. Eliot La travolgente domanda Cent’anni di Prufrock” e la Redazione del portale Manuale di Mari per la bella elaborazione grafica del banner. Davvero lieta di essere presente nella vetrina di questa Fiera dei Libri, formulo i migliori Auguri di un sereno Natale e di un felice Anno Nuovo.
    Aff.ma

    Daniela Quieti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

 Metti la spunta se vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento.

- Aggiungi una immagine -

* L'asterisco indica che i dati da inserire sono obbligatori. Il tuo indirizzo email sarà visto solo dalla Redazione e, in determinati periodi, dagli autori dei libri che hai commentato.