venerdì, Luglio 10, 2020
Home Poesia Poesia - Recensioni ‘U Tempu ca Passa di Enza Doria

‘U Tempu ca Passa di Enza Doria

-

‘U Tempu ca Passa di Enza Doria

Mi è arrivato dal Belgio in un giorno di sole “U tempu ca passa”, il libro di Enza Doria che immortala in queste pagine dense di emozioni e atmosfere suggestive, i suoi ricordi, veri “sprazzi di luce e di memoria”. L’autrice che ha trascorso l’infanzia e la prima giovinezza a Siculiana, vive adesso in Belgio con suo marito ed i tre figli nei pressi di Liegi, dove possiedono un ristorante. Cuoca appassionata ed eccellente, con estro e creatività, cucina soprattutto specialità siciliane. La sua voce al telefono ha un accento deliziosamente francese mentre con dolcezza mi spiega che quando si va via dal proprio Paese di origine rimangono impressi i ricordi di ciò che si è lasciato e si provano nostalgiche sensazioni di cose perdute.
La creatività di Enza Doria è vasta come il mare di Sicilia, come le onde che si infrangono sugli scogli della memoria. Mi hanno toccato il cuore le sue poesie ed i suoi racconti in dialetto siciliano. Ho sentito i profumi ed i sapori di questa terra così dolce e solare, così lontana anche da me, ma così viva adesso nei miei pensieri mentre leggo ancora storie, ricette e aneddoti. E sento che, nonostante lo scorrere del tempo, in chi ama davvero le proprie origini e la propria terra, niente finisce, ma tutto comincia e vive ancor di più e fervidamente nella memoria. Un’anima splendida quella di Enza Doria, nel suo accettare gli eventi belli ed anche quelli meno piacevoli. Un messaggio di speranza il suo, per invitarci a leggere il libro e per ricordare che “la vita è bella”. Nicla Morletti

Anteprima del libro

Bedda si tu

Sta Sicilia bedda avi tuttu pi putirisinni priari
ma no, a li so figghi fa scappari,
avi l’oru e nun ni sapi apprufittari,
avi u suli e la storia ca nuddu ci po tuccari
ma no, a li so figghi un ci duna pani,
avi la robba e un ni la sapi vinniri,
ni scippamu l’occhi unu cu l’atru
finemula di essiri cu l’occhi chiusi
videmu sta Sicilia cu atri occhi
picchi all’estiru
nun hannu u nostru tesoru
ma si vinninu lu ramu pi oru
e natri c’avemu l’oru
u vinnemu pi ramu.

***

Lu dutturi Manciapetri

La zia Tinicchia ci vinni la frevi pirchi aviva un jtu mpustimatu; chiamaiu a lu dutturi Manciapetri pi ci fari passari la frevi.
Lu dutturi, appena la vitti, ci dissi:
“Gnura Tinicchia, cca la cosa è gravi, ci voli tanti jorna pi passari, ci voli na cura spiciali, tutti li jorna v’aiu a visitari”.
Gnura Tinicchia, tutta preoccupata, ci dissi:
“dutturi, faciti chiddu ca ci voli picchi accussì iu nun pozzu stari”.
Lu dutturi Manciapetri tutti li jorna la jva a visitari, lu mali a Tinicchiedda un ci passava mai.
Un jornu, dopu quasi un misi, lu dutturi Manciapetri nun la potti visitari e ci mannaiu a so figghiu Franciscuzzu.
“Signù, ditimi unni aviti mali”.
“Cca, stu jtu mi dà li trumenti amari”.
“Facitimi vidiri! Ma chissu è nenti, aviti na spina e vi l’aiu a livari”.
Lu dutturi Franciscuzzu ci tirau ‘a spina e ci dissi:
“Ora, signù, faciti tutti i jorna bagni d’acqua cavuda e sali; iu un c’è bisognu ca vegnu dumani”.
Gnura Tinicchia fici comu ci dissi lu dutturi.
Quannu Franciscuzzu iu ni so patri ci dissi:
“chissu era tuttu lu mali ca tutti li jorna la jvatu a visitari? Avia sulu na spina ni lu jtu, iu ci la tiravu e lu mali ci passaiu”.
Lu dutturi Manciapetri rispunnì a Franciscuzzu: “ora, pezzu di babbu, finisti di guadagnanti lu pani”.

***

Li vutazioni

Ni lu me paisi ci foru li vutazioni, li rappresentanti ficiru lu giru di lu paisi pi si fari dari li voti, tutti gintili facivanu prumissi in quantità.
Lu ziu Marcuzzu, ca era cumunista finu all’ossu, ci dissi:
“lu nun pozzu vutari pi vossia, pani e lavoru vulemu, iu vaiu a travagghiari quannu si e quannu no, accussi nun pozzu cchiù cuntinuari”.
“Ziu Marcù, pi mia at’a vutari… sapiti chi vi dicu: cuglitimi 10 voti, vi prumettu ca vi fazzu mpustari”.
Lu ziu Marcuzzu ci riflittì e a lu partitu cuntrariu ci detti la risposta:
“Sintiti ccà, mi facistivu sta prumissa, iu li 10 voti vi li dugnu e cambiu di bannera però lu travagghiu sicuru m’at’a a dari”.
“Sì, ziu Marcù, vi lu juru ca sarà comu iu vi dicu, a elezioni finiti aviti la risposta, lu postu vi prumettu, a postu fissu”.
Lu ziu Marcuzzu s’impustaiu, pi veru cambiaiu di bannera, lassaiu li so cumpagni sbattuliari suli, allura lu pruverbiu avi raggiuni: “OGNUNU TIRA I BRASCIA PU SO CUDDIRUNI”

***

Lu chiantu di li matri

Aieri, 23 marzo 2013, guardannu la televisioni, c’era un programma ca parlava di li radiazioni di la basi militari di Niscemi; tanti matri chiancivanu pi la disperazioni, ci su tanti malati e continuanu a aumentari.
Li matri, pi prutesta, si misiru a barricari la strata di la morti ma nenti c’è da fari, ognunu si lava li mani, nun sacciu cu cumanna.
Ma iu la me riflissioni vogliu fari:
sta terra lu Signuri la lassaiu a tutti quanti, è un beni di la genti e ognunu l’avi a guardari comu l’ucchuizzi so.
Cu è a la testa fa tribunali e lassa li problemi a la genti ca un ci curpa nenti, lu proverbiu dici: “Aranci aranci cu l’avi d’incoddu si li chianci”
oppuru:
“Ciliò, ciliò la pena è me, li guai su to”.

***
‘U Tempu ca Passa. Sprazzi di luce e di memoria
di Enza Doria
Youcanprint, 2013 – pag. 85

Enza Doria

Sono nata l’8.8.56, nel giorno della strage di Marcinelle, a Siculiana (AG) dove ho trascorso l’infanzia e la prima giovinezza; mi sono sposata a 20 anni, mio marito Pasquale lavorava già da tempo nel campo della ristorazione in giro per l’Europa e aveva un ristorante a Essen in Germania dove siamo rimasti nei primi sei mesi dopo il matrimonio. Per nostalgia siamo tornati a Siculiana dove abbiamo creato e gestito un nostro hotel per sette anni che poi abbiamo dovuto vendere e siamo di nuovo emigrati, questa volta in Belgio, dove da allora viviamo e lavoriamo: abbiamo un ristorante, l'”Enoteca del Baronetto”, nei pressi di Liegi. Ho tre figli. Sono una cuoca appassionata del mio lavoro che mi permette di dare sfogo alla mia creatività, soprattutto con le specialità siciliane. Quando si va via dal proprio paese d’origine rimangono impressi i ricordi di tutto quello che si è lasciato, si hanno sprazzi di luce del passato e si provano le emozioni di cose perdute, i sapori, i profumi della propria terra. Noi SICILIANI all’estero siamo fieri di dichiarare di esserlo mettendo sempre in evidenza le nostre tradizioni e la nostra cultura. Questo mio libro vuole essere un inno d’amore alla mia città natale, Siculiana, un commosso omaggio alla mia terra attraverso storie, ricordi, ricette e scioglilingua, tutti rigorosamente in dialetto eccetto i modi dire che ho preferito tradurre per renderli più comprensibili; alcune delle storie di questo mio libro le ho immaginate, altre sono vere, le posso narrare perché abitavo in un quartiere popolare e voglio farlo PER RICORDARE SEMPRE LE MIE ORIGINI.

Guarda tutti gli articoli

6 Commenti

  1. Salve, sono Daniela Domenici, la curatrice del libro dell’amica Enza Doria la quale m’incarica di ringraziarvi per i vostri affettuosissimi commenti che l’hanno profondamente commossa 🙂 e a questo proposito segnalo a Maddy che il libro si può acquistare online (*) in varie librerie virtuali una delle quali è la seguente http://www.ibs.it/code/9788891114754/tempu-ca-passa-sprazzi.html

    (*) Ndr. Quando le copie omaggio saranno esaurite o non disponibili.

  2. Ci accomunano due cose: la Sicilia e il Belgio.. ma il mio è stato un percorso inverso..
    nata in Belgio (da genitori siciliani), da piccola sono ritornata a vivere in Sicilia, dove vivo tutt’ora..
    e mi sento molto vicina al suo modo di pensare.. perché quotidianamente vivo queste cose descritte dall’autrice.. una terra così ricca, di storia, di tradizioni, di colori, di suoni, che non trovi altrove.. e così come la gente di qui che con il suo calore umano, nonostante le mille difficoltà, si presta ad aiutare chiunque, amici e parenti, conoscenti o anche semplicemente delle persone in difficoltà.. l’importante è far del bene e regalare un sincero sorriso.. la lista sarebbe lunga di tutte le qualità che ci sono.. ma che molti non vedono.. anzi vedono la Sicilia come una terra arida.. ed è per questo che molti siculi vanno via in cerca di fortuna altrove.. io credo che se ci fossero le possibilità e i presupposti chiunque vorrebbe restare qui nella terra del sole.. e forse molti vanno via a malincuore.. però poi c’è l’affetto e la nostalgia di chi è emigrato in Belgio o in Germania.. e questo riempie il cuore di gioia perché fa capire che in fondo la Sicilia è amata, anche se a quelli del nord Italia sembriamo “zulù”..
    sarei onorata di poter proseguire questo percorso che mi accomuna all’autrice, potendo leggere interamente questo libro..

  3. Ho apprezzato tantissimo questa anteprima, io che vivo in un piccolo paese della Sicilia e vedo tutti i giorni i fatti raccontati dall’autrice. Bellissima l’idea di utilizzare il dialetto, la nostra lingua siciliana, che oggi si sta perdendo e che nessuno quasi parla più, se non le persone più avanti nell’età.
    Purtroppo condivido la prima parte di questa anteprima, quando si parla di una terra così tanto bella, solare e piena di vita, ma che non sa apprezzare e cogliere i suoi tesori, che invece sono apprezzati tantissimo all’estero.
    So cosa vuol dire essere lontani dalla propria terra natìa, avendo zii quasi tutti emigrati all’estero e che amano con tutto il cuore la loro terra così tanto bella e così tanto amara.
    Ringrazio l’autrice per avermi fatto rivivere il dialetto che ho ormai quasi dimenticato, parlando sempre l’italiano!
    Complimenti! E mi farebbe tanto piacere riceverne una copia!!!

  4. Come non ammirare questo libro -e anche la sua autrice- quando ci si riconosce nel suo contenuto?
    Siciliana, nata a Taormina, ci ho abitato fino a 16 anni. Poi il lavoro manca, e parto con la mia famiglia. Al nord ho conosciuto mio marito, adesso son già passati più di 10 anni, ma la nostalgia della “Sicilia Bedda” è sempre viva, ed io credo che debba sempre esserlo. Orgogliosa delle mie origini, e orgogliosa anche di leggere il “nostro” spassosissimo dialetto. Sarei lietissima di ricevere il libro, e di tramandarlorlo un giorno a mia figlia, quando imparerà a leggere e crescerà. Non c’è cosa più importante che trasmettere valori e tradizioni di generazione in generazione. E sono sicura che anche Lei, Enza, lo avrà fatto con i suoi figli. Con affetto, Anna Grazia

  5. Sprazzi di luce e di memoria,
    scritto dalla super cuoca Doria,
    e’ un libro di ricordi e nostalgia,
    indispensabile al cuor di casa mia.
    Enza , con le pietanze , cucina parole,
    che mai posson stare sole,
    ma devon accoppiarsi col sentimento
    per divenir sommo portento.
    Da Liegi la Sicilia appare troppo lontana,
    non invece quella terra sovrana ,
    che razze e popoli ospito’ sul suo suolo,
    perche’ spiccassero poi il volo.
    E da Siculiana parte questo viaggio
    che si s’ innalza come parole d’ un saggio.

    Gaetano

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

 Metti la spunta se vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento.

- Aggiungi una immagine -

FIERA DEI LIBRI ON LINE

L’ultimo rintocco di Diego Pitea

L'ultimo rintocco di Diego Pitea è un thriller psicologico, una avvincente caccia al serial killer condotta dallo psicologo e criminologo Richard Dale.

Insondabile destino di Anna Ferrari

Insondabile destino è il romanzo più amato dalla prolifica scrittrice milanese. E' la storia di due coraggiose eroine a cavallo tra due ere.

Per non morire di Adalgisa Licastro

Per non morire di Adalgisa Licastro, storia di un amore perduto e del riscatto dal dolore. La vita, talora crudele, non si cura del pianto disperato di chi, immerso nel dolore, implora pietà.

Finalmente ci siamo di Angelo Grassia

Dopo il grande successo ottenuto con "Il mistero del libro", tradotto in inglese, francese, russo spagnolo e tedesco, Angelo Grassia ritorna con il suo secondo libro, una storia ancora una volta piena di mistero, di amore e sentimenti.

Change di Federica De Franco

Change di Federica De Franco è un libro denso di mistero. La storia si svolge nella città di Mortal Valley. La città esistita, esistente, mai esistita. Così la definiscono i suoi abitanti...

Una favola per sognare di Angela Angolano

Una favola per sognare di Angela Angolano, apri il cuore al mondo delle favole e ai suoi personaggi. Dedicato ai Bambini della scuola dell'infanzia "Tigli".

Anche te verrò a salvare di Giovanni Minio

Anche te verrò a salvare di Giovanni Minio, una raccolta di poesie intense, ironiche, riflessive, uniche. L’autore ci apre il suo mondo, e ne viene fuori un artista eclettico, enigmatico e sorprendente.

Angeli Rosa di Rosanna Rivas

Angeli Rosa di Rosanna Rivas, un libro in cui l'autrice, dopo "Urlo Rosa", pubblicato nel 2017, riprende tutti i temi tipici della violenza di genere e li amplia.

La cripta di Nina Miselli

La cripta di Nina Miselli, l'ultimo libro della prolifica scrittrice campana, organizzatrice di eventi e premi letterari.

Individuo Società Lavoro Capitale di Corrado Leoni

Individuo Società Lavoro Capitale di Corrado Leoni: un saggio quanto mai attuale su temi sociali ed economici su cui tutto il mondo dovrà confrontarsi per uscire prima possibile dalle secche della crisi che stiamo vivendo.

NEWSLETTER MANUALE DI MARI

WhatsApp chat