[youtube id=”iQBIG5dk5Zs”]

Nell’era internet e di fronte a un così sconfinato universo di informazioni e contenuti quale può essere il compito possibile di un Portale come questo che state visitando?

Trovo molto interessante ascoltare il punto di vista di Umberto Eco per rispondere a questa domanda e a quanti sostengono che, in linea con i principi del cosiddetto Web 2.0, si dovrebbe favorire in tutti i modi la disintermediazione dei contenuti ovvero la possibilità di pubblicare tutto o quasi senza alcuna preventiva approvazione o moderazione.

Il grande scrittore e filosofo afferma che non può considerarsi un archivio un insieme di cose non selezionate e che, per creare delle mappe utili per la conoscenza, occorre filtrare e classificare tutto quello che il web può offrirci.

In verità, l’opportunità di pubblicare qualsiasi contenuto è già offerta ad ognuno di noi da internet. La possibilità della conoscenza, invece, richiede uno sforzo aggiuntivo. Esige esperienza, competenza, dipende dalla creazione e dallo studio di archivi e informazioni attendibili.

Il compito arduo ma irrinunciabile di un Portale, allora, può essere proprio questo: creare e proporre una mappa utile per esplorare e conoscere il mondo su cui si concentra il nostro interesse e l’attenzione di una comunità più o meno estesa di persone.

Robert Manuale di Mari

Autore del Blog Manuale di Mari – Poesie e Storie d’amore e Direttore editoriale del Portale Manuale di Mari. Ha ideato e lanciato nel 2005 il Concorso di Emozioni. Nello stesso anno ha creato il Blog degli Autori che riceve nel 2008 il Premio Speciale della Giuria “Il Molinello” per la diffusione della letteratura nel Web.

Sito web dell'autore
Guarda tutti gli articoli

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

 Metti la spunta se vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento.

- Aggiungi una immagine -

* L'asterisco indica che i dati da inserire sono obbligatori. Il tuo indirizzo email sarà visto solo dalla Redazione e, in determinati periodi, dagli autori dei libri che hai commentato.