73a Mostra del Cinema di Venezia – Vince il Leone d’oro il film filippino The Woman Who Left di Lav Diaz. Emma Stone vince la Coppa Volpi per il musical La la land. Andrei KonchalovskyAmat Escalante vincono ex aequo il Leone d’argento per la miglior regia.

The Woman Who Left di Lav Diaz: 225 minuti fatti di inquadrature a camera fissa, lunghi silenzi e scene dilatate in modo estremo

La storia – Per Horacia Somorostro la vita è diventata una vera e propria reclusión perpetua, una prigionia, piena di colpi di scena e imprevisti problematici, crudeli e inspiegabili. Siamo nel 1997. La principessa Diana muore in un violento incidente automobilistico; il mondo è rattristato dalla morte di Madre Teresa; le Filippine, diventate la capitale asiatica dei rapimenti, sono nella morsa della paura.

Un film che vuole spingere il cinema verso il suo ruolo più profondo e grandioso: trovare risposte alle filosofiche domande che ogni spettatore si pone. L’ambientazione a Mindoro, provincia delle Filippine da cui proviene la stessa protagonista Charo Santos-Concio, ha reso il momento delle riprese ancora più autentico di quanto il tema del film non fosse in grado di fare.

Venezia, The woman Who left di Lav Diaz vince il Leone d'oro
The Woman Who Left (Ang babaeng humayo)di Lav Diaz

Galleria video della Mostra

Tutti i premi:

Leone d’Oro miglior film:
The Woman Who Left (Ang babaeng humayo)di Lav Diaz

Leone d’Argento miglior Regia:
Amat Escalante per La rejon salvaje
Andrei Konchalovsky per Paradise

Leone d’Argento Gran Premio della Giuria:
Animali notturni di Tom Ford

Coppa Volpi migliore attore:
Oscar Martínez per El Ciudadano Ilustre, di Mariano Cohn e Gastón Duprat

Coppa Volpi migliore attrice:
Emma Stone per La La Land, di Damien Chazelle

Premio Marcello Mastroianni miglior attore emergente:
Paula Beer per Franz, di Francois Ozon

Premio per la miglior sceneggiatura:
Noah Oppenheim per Jackie di Pablo Larrain

Premio Speciale della Giuria:
The Bad Batch 
di Ana Lily Amirpour

Leone del Futuro, Premio Luigi De Laurentiis per un’Opera Prima:
The Last of Us di Ala Eddine Slim

Premio Orizzonti per il miglior film:
Liberami di Federica Di Giacomo

Premio Orizzonti miglior regia:
Home di Fien Troch

Premio Speciale della giuria Orizzonti:
Big Big World di Reha Erdem

Premio Speciale Orizzonti per il migliore attore:
Nuno Lopes per São Jorge di Marco Martins

Premio Speciale Orizzonti per la migliore attrice:
Ruth Díaz per The Fury of a Patient Man di Raul Arevalo

Premio Orizzonti per la miglior sceneggiatura:
Bitter Money di Wang Bing

Premio Orizzonti per il miglior cortometraggio:
La Voz Perdida di Marcelo Martinessi

Premio Venezia Classici per il miglior documentario sul cinema:
Le concours di Claire Simon

Premio Venezia Classici per il miglior film restaurato:
Break Up – L’uomo dei cinque palloni di Marco Ferreri

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

 Metti la spunta se vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento.

- Aggiungi una immagine -