lunedì, 24 Giugno 2024
HomeNarrativaGiallo e NoirAlla vecchia maniera di Paolo Roversi

Alla vecchia maniera di Paolo Roversi

-

Alla vecchia maniera di Paolo Roversi

Alla vecchia maniera di Paolo Roversi, il primo caso del commissario Botero

Alla vecchia maniera di Paolo Roversi, l’intelligenza umana alla ricerca della verità

“Niente telecamere né testimoni.” Questo è il primo commento sulla scena del delitto e la porta di non ritorno della storia è già aperta. La tecnologia delle riprese video, delle impronte digitali, delle tracce di DNA e dei cellulari sembra aver completamente oscurato quel processo di approfondimento psicologico e di deduzione logica che rappresenta la “vecchia maniera” dell’investigazione poliziesca. Così Paolo Roversi, scrittore, sceneggiatore e giornalista, inventa Botero, un commissario “analogico” che nutre una avversione totale per qualsiasi aggeggio digitale. Nell’era che stiamo vivendo dominata dalle chatbot dell’intelligenza artificiale questo personaggio è a dir poco rivoluzionario, ma proprio per questa ragione le radici narrative che lo generano possono rivelarsi molto feconde. Sulle tracce di grandi autori classici come Doyle, Christie, Chesterton e altri che hanno fatto la storia del poliziesco, Roversi ingaggia con il lettore una sofisticata interazione e lo sfida su un terreno che sembra dimenticato: quello della mente umana. Quella stessa mente che tutti i computer e le imprevedibili diavolerie dell’era digitale tentano disperatamente di imitare riuscendo a potenziare ed estendere, nel migliore dei casi, solo alcune abilità. Comprensione, consapevolezza, sensibilità, sensazioni, intuizioni, acume, esperienza: queste sono solo alcune abilità di quell’atavico patrimonio cognitivo dell’intelligenza umana che nessuna macchina potrà mai replicare e che il commissario Botero si candida a incarnare.
Robert, Manuale di Mari

Sono gli ultimi giorni dell’Expo, e Milano galleggia in un inedito silenzio quando in pieno centro viene ritrovato il cadavere di un avvocato dalla dubbia reputazione. Ad arrivare sul posto è la giovane Camilla Farina, ispettore di polizia, che in quel freddo omicidio vede l’occasione per dimostrare il proprio talento. Il caso, però, viene affidato a uno strano commissario, Luca Botero. Basette a metà guancia, trench e Church’s ai piedi, l’Amish – come viene chiamato da tutti – pare più adatto a un revival anni Settanta che per risolvere un delitto. A Botero bastano pochi minuti per dimostrare il solito formidabile acume investigativo: grazie a una combinazione di intuito, spirito di osservazione e memoria enciclopedica, legge tra le righe della scena del crimine meglio della Scientifica. Era in fondo quello che sperava il questore: quando la moderna tecnologia diventa inutile, quando il mistero rasenta l’impossibile, Botero e il suo approccio tutto logica e deduzione si sono dimostrati sempre risolutivi. Camilla viene aggregata alla squadra dell’Amish, variopinta e allergica alla modernità quanto il suo capo, e precipita tra fax, archivi cartacei e telefoni di bachelite, ma anche nel mistero che nasconde lo stesso Botero, la cui ossessione per il passato non è una posa, ma la conseguenza di un caso tutt’altro che chiuso…

L’autore

Paolo Roversi è nato a Suzzara, in provincia di Mantova, ma vive a Milano. Scrittore, sceneggiatore e giornalista, è autore di diciotto romanzi tradotti in molte lingue, che gli hanno meritato, tra gli altri, due volte il premio Selezione Bancarella, il premio Camaiore, il premio Tettuccio e il premio Scerbanenco dei lettori.

Leggi anteprima nella libreria Amazon

Alla vecchia maniera.
Il primo caso del commissario Botero
di Paolo Roversi
Editore: ‎Mondadori (20 giugno 2023)
Copertina flessibile: ‎224 pagine

FIERA DEI LIBRI ON LINE

LIBRI IN OMAGGIO! Per ricevere copie omaggio dei libri che commenti iscriviti alla Newsletter dei Lettori inserendo il tuo indirizzo postale completo di nome e cognome del destinatario.

23 Commenti

0 0 votes
Rating Articolo
Notifiche
Notificami
guest

23 Commenti
Più recenti
Più vecchi Più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Mariliana
Mariliana
5 mesi fa

Siamo bombardati dalle serie di poliziotti
che vestiti di bianco subito intervengono “sulle scene del crimine”.Affascinante la trama che mette in relazione nuovi e vecchi metodi portando il lettore a porsi mille domande. Un libro da leggere per intero per sciogliere e analizzare nuovi nodi. Mariliana

Marilena
5 mesi fa

Il romanzo offre un’affascinante riflessione sul contrasto tra le metodologie investigative tradizionali e l’invadenza delle moderne tecnologie. La scelta di un investigatore “analogico” in un’era dominata da dispositivi digitali e intelligenza artificiale conferisce al racconto una nota di originalità e sfida le convenzioni del genere poliziesco. L’idea di un mistero che coinvolge non solo l’omicidio in questione ma anche il passato del protagonista aggiunge ulteriore profondità al racconto, creando una trama avvincente che si sviluppa attraverso l’incrocio tra le vecchie e nuove metodologie investigative.

Chantal Guzzetti
5 mesi fa

Questo libro è un giallo classico con un protagonista originale. Chi legge Roversi, e ama i gialli, va sul sicuro e devo dire che non mi ha delusa neanche questa volta. Ringrazio Manuale di Mari per avermi donato questa piacevole lettura che si gode quasi tutta d’un fiato.

Maria Rosa Guzzetti
Maria Rosa Guzzetti
6 mesi fa

Mi piacciono moltissimo i gialli – sono curiosa di sapere se come il commissario Luca Botero riuscira’ con la sua squadra a risolvere il caso – penso di si da come l’anteprima lo descrive – mi farebbe molto piacere continuare la lettura di questo libro perche’ e’ molto interessante e mi incuriosisce tantissimo

chiara
chiara
6 mesi fa

Intrigante, dinamico, misterioso…sembra essere una lettura molto piacevole e coinvolgente. Spero di essere una fortunata lettrice di questo libro!!

Gemma
7 mesi fa

Sembra molto interessante questo noir!

Silvia
Silvia
7 mesi fa

Super incuriosita da questo giallo!!! Non vedo l’ora di leggerlo e magari poter riceverne una copia. Il genere è uno dei miei preferiti e ha catturato la mia attenzione e divorato la lettura dell’anteprima. Ha stuzzicato la mia immaginazione e il voler arrivare a fine lettura per indagare sul caso, a braccetto con il commissario!

Nicole
7 mesi fa

numerosi sono gli studi sociologici che cercano di spiegare proprio questo, come la ‘vecchia maniera’ in moltissimi casi sarebbe ancora necessaria. con il progredire della tecnologia si è persa l’investigazione dei sentimenti, del perchè individuale a qualsiasi vicenda. Mi piace che i sia scelto un tema così delicato e che ci abbia messo tutto il sentimento del caso. Mi piacerebbe leggerne di più

Valeria Lo
7 mesi fa

I gialli e i noir in particolare mi attirano molto. Adoro le figure di commissari diversi dal solito e questa figura più affine a personaggi di gialli famosi come Holmes o Poirot che basano le proprie convinzioni sulla logica e la deduzione sono quelli che prediligo perché amo il giallo classico.
Spero di poter leggere questo interessante giallo e iniziare a conoscere ed amare un nuovo detective.

Anna Maria Refano
7 mesi fa

Immagino già, nella mia mente, il rapporto lavorativo tra il commissario Botero e l’ispettore Farina…immagino che non sarà facile all’ inizio per i due capirsi…ma immagino anche che i vecchi metodi del commissario cattureranno l’interesse dell’ ispettore e dei lettori…
Un libro molto interessante…

Anna Nenci
Anna Nenci
7 mesi fa

Adoro il genere poliziesco e la trama di questo romanzo stuzzica la mia curiosità

Maria
Maria
7 mesi fa

Il commissario Luca Botero è un personaggio che mi piacerebbe conoscere meglio e mi piace l’dea dell’investigazione affidata alle capacità intuitive e deduttive dell’uomo, anzichè affidarsi totalmente alla tecnologia, E’ sicuramente un personaggio contro corrente ma renderà sicuramente avvincente la soluzione del caso. Alla vecchia maniera.

Giuseppe
Giuseppe
7 mesi fa

Un bel giallo che non vedo l’ora di leggere . L’anteprima mi ha lasciato ancora più fuoripista , spero di avere modo di continuare la lettura

Fatima
7 mesi fa

Il giallo è uno dei miei generi preferiti. L’anteprima è molto accattivante. Mi incuriosisce troppo già dalle prime righe. Spero davvero di poter approfondire questo romanzo

Flavia Bellagamba
7 mesi fa

Adoro i gialli e tutto ciò che ruota intorno alle indagini per scoprire chi è il colpevole, per immagazzinare nelle mia mente ogni indizio o sospettato! Deve essere una bella storia!

Vanessa.Dt
Vanessa.Dt
7 mesi fa

Si prospetta un giallo emozionante! Un mix di misteri e scoperte, spero di poter approfondire questa lettura

Francesco Rosset
Francesco Rosset
7 mesi fa

Amo i gialli, l’anteprima è intrigante e invita alla lettura. Non vedo l’ora di leggerlo!

Maria
7 mesi fa

Un autore che apprezzo moltissimo, per lo stile e per come sa catturare il lettore. Anche questo romanzo sembra molto intrigante e promette più che bene

Valentina
Valentina
7 mesi fa

Un giallo molto promettente … un racconto che, con questa anteprima ci lascia in sospeso, mi incuriosisce particolarmente! Spero di leggerlo presto!

Keep Calm & Drink Coffee
7 mesi fa

Praticamente IL libro perfetto per una boomer nostalgica e amante dei gialli come me.

Teresa
Teresa
7 mesi fa

Amo molto i gialli e leggere l’anteprima di questo romanzo mi ha incuriosita parecchio. Sarei felice di approfondirne la lettura.

Chantal Guzzetti
7 mesi fa

Non sarebbe il primo libro che leggo di Roversi, giallista molto bravo. La descrizione mi intriga parecchio, poi io amo i gialli e con lui andrei sul sicuro.

Michela Montalto
Risposta a  Chantal Guzzetti
7 mesi fa

La curiosità nasce spontanea perché leggo gialli e i personaggi che indagano hanno una marcia in più. La curiosità nasce motivata per il titolo, la copertina e lo scrittore. Spero di poter leggere questo libro e fare amicizia con un nuovo commissario. Grazie

Fiera dei Libri on line

LIBRI IN PRIMO PIANO

FIERA DEI LIBRI ON LINE

23
0
Libri in omaggio per chi commenta!x