L'uovo di Rodolfo Viezzer

L’autore dedica questo libro agli alberi che gli hanno regalato ombra in estate e alla luna che gli ha regalato la luce nelle notti senza corrente elettrica. Dedica queste pagine ai sognatori e ai curiosi che sono rimasti senza sogni.
Si tratta di un romanzo di ampio respiro, frutto di una mente eclettica e in espansione creativa. Una storia allettante che desta interesse fin dalle prime pagine. All’inizio si apre davanti ai nostri occhi il Paradiso con il sole giallo, la temperatura deliziosa e la bellezza. Ovunque. L’autore prepara scene straordinarie per il lettore, lo fa sotto l’ombra di alberi giganteschi in un pianeta bello come le stelle e scintillante quanto lo sono le gocce di pioggia sulle fronde degli alberi. Da qui prende il via pian piano la storia, si intrecciano eventi fantastici e pur veri, con un telescopio lunare costruito sul lato rivolto alla Terra, un vero e proprio capolavoro di ingegneria. Lascio al lettore la scoperta di queste pagine appassionanti che lo trascineranno in un viaggio nello spazio e nel tempo e che lo avvinceranno in una spirale di suspense e avventura nel fantastico mondo di Rodolfo Viezzer. Nicla Morletti

[youtube id=”xLad3AndUWs” mode=”normal” align=”left”]

Anteprima del libro

Preludio

Ricostruirà il mondo, questa volta perfetto.
Dato che il Male ha avuto il tempo di annidarsi in ogni dove, d’usurpare lo spazio e il tempo al Bene, prima di ricostruire dovrà essere distrutto tutto.
Da ogni fessura sarà espulso il Male. Non ci sarà più alcun difetto di fabbricazione. Questa volta porrà maggiore attenzione, il Male non verrà nemmeno prodotto, creato.
Ora sa che la minima infinitesima briciola di Male non ha altra scelta che quella di prendersi tutto.
È la sua natura.
In realtà stando fuori dal tempo e dallo spazio non se ne impossessa, già sono suoi. Li attraversa da una parte all’altra, facilmente anche da dentro a fuori. Come faremmo noi con un disegno su un foglio di carta.
Non si ferma, e l’entropia maligna, nel caso del mondo migliore, rimane uguale a sé stessa.
Questo cancro che mangia la carne sana, s’impossessa di essa, la divora, e boccone dopo boccone ne sente il sapore e gli sale alla testa.
La consuma irreversibilmente.
La carne usata non ha più memoria. Quella che si è lasciata corrompere non può più essere salvata.
La prima cellula colpita si difende ma se soccombe non vi è più freno. Colpire una cellula significa colpirle e averle già uccise tutte.
Uccisa una persona, una in più non fa differenza.
La distanza tra nessun morto e un morto è incommensurabile, infinita; quella tra un morto e un milione di morti è commensurabile, pari a un milione.
Vincere risulta facile al Male se ha corrotto un solo essere umano.
Uccidere un solo essere umano significa averli già uccisi tutti.
La strage di un solo essere umano.
L’utopia ci fa paura. L’utopia che non cerchiamo più non l’abbiamo scorta perché non ci possiamo andare, al più possiamo allontanarcene.
Inabili a trovarla la sostituiamo con la speranza, surrogato inerte e morto.
La speranza è ricordo delle origini.
Questo rimpianto d’infinito, questo sì, ce lo portiamo ogni dì appresso.
Partiamo allora da dove non c’è permesso partire, ma essendo un non luogo poco importa.
Si ricomincerà dal solito posto.
Avverrà per mezzo del fuoco che, unico e solo, distrugge la peste.
Verrà dal ventre caldo della Terra.
Questa volta il Bene inonderà tutto.
All’inizio: il paradiso

Il sole giallo, all’ombra delle foglie di alberi giganteschi, la temperatura deliziosa. Si sarebbe detto un luogo perfetto, e infatti così era.
Nudo e nuda nella loro bellezza, e tutti gli altri – senza saperlo, senza malattie, giovani – giacevano, mangiando dolci bacche rosse ch’erano a portata di mano.
Tutti i colori erano presenti.
Non vi era nulla che potesse mettere loro fretta.
Non dovevano correre da nessuna parte, erano già dappertutto.
Vedevano tutto, mangiavano a iosa, bevevano allungando una mano.
Non c’era nulla da fare se non l’autentico vivere.
Camminavano senza alcuna fatica, i muscoli perfetti come il resto.
Camminavano e non camminavano, giocavano senza giocare. Giacevano senza giacere e facevano tutto senza fare niente.
La creazione appena passata era ancora lì presente.
Avrebbero riscritto i testi sacri e avrebbero aggiunto i capitoli mancanti, quelli iniziali.
Avrebbero fatto tutto senza errori, e come potevano commetterne?
Era la nuova possibilità per il pianeta, per colui o coloro che sono, per i nuovi abitanti, per i testi sacri completati.
Questa volta non avrebbero deluso nessuno e nemmeno trasformato in inferno la vita che sarebbe venuta.
Qui era impossibile sbagliare.
Anche i luoghi avrebbero ricevuto una nuova opportunità.
Sarebbero ripartiti dal niente.
Imposero un nome al luogo: il paradiso.
I vecchi nomi non li ricordavano.
Per tutte le generazioni che numerose come le stelle avrebbero vissuto la Terra sarebbero stati ricordati con i loro nuovi nomi: Eva e Adamo.
Senza domande, sapendo tutto, limitati solo dalla loro incommensurabilità, esistevano.
Che fossero i primi gli era stato detto, ma non sapevano che era già accaduto.
Sapevano tutto o quasi.
La guardava e lei, ricambiando, dopo un po’ sorrise a quello che di lui era e sarebbe stato. Benché perfetto, lui non seppe dire quale fosse il motivo del suo nuovo turbamento, una sensazione che veniva da lontano, ancor prima dell’inizio.
Lui la lasciava entrare, la ospitò, l’avvolse di calore per mantenerla in vita, magari per sempre.
Eva il primo giorno.
Un nuovo inizio, non sul nulla, ma fondato su tutto il passato.
Non parlavano, ma non si sarebbero mai più capiti così bene.
Nulla si sarebbe frapposto fra loro?
Nemmeno c’era ora qualcuno per poterlo fare e il destino non esisteva ancora.
Gli altri che s’intravedevano agivano in ugual modo.
Doveva ricordare qualcosa: da dove era venuto e dove non doveva tornare.
Doveva vivere in maniera diversa, non di molto, quel tanto che sarebbe bastato.
Le entità avevano mantenuto la promessa!
Non dovevano fare nulla per vivere.

***
L’uovo
di Rodolfo Viezzer
Narrativa Aracne, 2013 – pag. 95

Rodolfo Viezzer

Rodolfo Viezzer è nato il 15 aprile del 1961 ad Acireale e cresciuto a Tisoi, una frazione di Belluno fino al 1982. Laureatosi in Astronomia presso l’Università degli Studi di Bologna, dove ha poi conseguito il titolo di dottore di ricerca in Astronomia. Un breve soggiorno di lavoro a Baltimora (Maryland) allo Space Telescope Institute (NASA), la centrale del Telescopio Orbitale Hubble. Un periodo di tre anni come Associate all’ESO (European Southern Observatory). Un anno al Cerro Paranal, situato nel deserto di Atacama in Cile, sede del più grande sistema di telescopi ottici del mondo. Co-scopritore (anno 2000) delle più lontane stelle di tipo Nova. Lascia il lavoro come astronomo professionale, ma collabora attualmente all’elaborazione di una teoria cosmologica. Dirige un istituto privato di sostegno scolastico per materie scientifiche. Ha curato una mostra di foto della Patagonia. Cura la preparazione di viaggi culturali diretti in Patagonia, Isola del Fuoco, Cile ed Argentina. È in preparazione un documentario sui Mapuche, popolazione pre-ispanica cilena. È attivo in un’organizzazione per l’aiuto ai giovani in Nicaragua. Nel 2008 è uscito il suo primo romanzo, DNA, che ha ricevuto una buona critica piazzandosi bene ai due premi letterari, Albero Andronico e Garcia Lorca. Si tratta di un romanzo postmoderno, nel quale si può ottenere il nuovo solo rimescolando i generi, fondendo perciò poliziesco, amore, e gli altri elementi che un tempo da soli valevano un romanzo. È uno sguardo, meglio una sbirciatina nel futuro, un accorato appello a non sottomettere l’unico mondo che abbiamo alle regole distruttive e disumane proprie del neoliberalismo. Contro l’inevitabilità dell’aspetto peggiore e dittatoriale della globalizzazione. In un momento in cui quasi nessuna istituzione si pone critica di fronte a questa tendenza, né la politica e tanto meno la solita chiesa ignava o comoda. Contro tutti quelli a cui conviene tenerci ignoranti e sudditi. Contro ogni forma neodittatoriale. Contro un mondo nel quale non esiste più nessun luogo in cui rifugiarsi. A favore di un mondo trasparente, nel quale le manipolazioni non siano più possibili. Solo in un mondo così si può parlare di libertà, ma sopratutto di giustizia. Questo mondo che unico possiamo definire democratico. Nel 2013 con Aracne Editrice di Roma esce il nuovo romanzo “L’uovo”. Una storia che gioca con il tempo. Sembra andare in una direzione e all’improvviso nel verso opposto. Accelera e rallenta. È un romanzo, L’uovo, dove futuro, passato e presente alla fine non si distinguono più. Dolore e tragedia, ma anche una speranza che raggiunge l’utopia per poi perdersi con essa. Un amore infinito che finisce, le convulsioni della Terra che muore osservate attentamente da esseri giganteschi, un Adamo e una Eva che arrivano nel paradiso per andarsene quasi subito. E nessuno può negare che la storia si sia svolta esattamente come la descrive Rodolfo Viezzer. O forse è tutto un incredibile gioco e ognuno può risistemare l’ordine delle cose come più gli aggrada. Dal 1997 risiede in Germania e vive a Radolfzell sul lago di Costanza.

Guarda tutti gli articoli

2 Commenti

  1. Un libro che secondo me lascia senza parole… Leggendo l’estratto, immaginavo immediatamente quello che l’autore stava descrivendo e provando! E poi dedicare un libro agli alberi che fanno ombra è qualcosa di unico,raro. Mi piacerebbe molto proseguire la lettura.

  2. Sta volta Rodolfo racconta il Paradiso,
    invitandoci al sorriso.
    Qui si prospetta solo bene,
    come all’ animo conviene,
    e il Male da noi fuggira’
    e nel nulla si frantumera’.
    Speranza, certezza ?
    voglia d’ ebbrezza. ?
    Viezzer ci invita alla lettura,
    e senza alcuna paura
    sperimenteremo quant’ e’ affascinante
    la carita’ fatta ad ogni istante.

    Gaetano

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

 Metti la spunta se vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento.

- Aggiungi una immagine -